• User Attivo

    @kal

    Pensate che sia una cosa nuova o inaudita, ma non é nuova e non certo inaudita. Sono semplicemente cose vecchie applicate ai nuovi mezzi.

    Assolutamente d'accordo: è dai tempi di Adamo & Eva che è tutta una questione di denaro/potere.

    E comunque rimane il punto: avere diritto di parola non equivale ad avere diritto a un pubblico. Il primo è un diritto inalienabile... il secondo NON È UN DIRITTO.

    Se non hai PUBBLICO è come NON AVERE DIRITTO DI PAROLA. Parli con i muri? Come concetto lo trovo troppo forzato e pericoloso. Allora io STATO ho il diritto di CHIUDERE qualunque SOCIAL visto che sono:

    Ribadisco quanto detto sopra: i social media hanno solo una cosa.. AUDIENCE. Un pubblico.

    TUTTI I MEDIA hanno solo una cosa: l'AUDIENCE. Se non hai AUDIENCE non sei un MEDIA ma... MARIO ROSSI.

    La CENSURA non è solo una questione di poter o non poter aprire la bocca... la CENSURA è sopratutto una questione di poter o non poter VEICOLARE il MESSAGGIO ad altre persone. Non esiste censura se non hai un pubblico, fosse anche una sola persona: d'altronde come farebbe il censore a venirne a conoscenza? Se non puoi esercitare la CENSURA non hai audience... non hai DIRITTO DI PAROLA.

    Il diritto di parola lo si ha solamente se qualcuno ti ascolta. Tutto ciò che ha un audience - per me - oggi va considerato media.


    kal 1 Risposta
  • Super User

    @domenico-pacifico ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    Il diritto di parola lo si ha solamente se qualcuno ti ascolta.

    È sbagliato. Il diritto di parola è, letteralmente, il diritto di poter parlare.

    Non esiste una cosa come il diritto di essere ascoltato.

    Ed è giusto così.


    domenico.pacifico 1 Risposta
  • User Attivo

    @kal
    Non facciamo i burocrati/enciclopedisti Treccani... il problema sai benissimo che non è questo ma il poter veicolare liberamente il proprio messaggio. Se poi ci vogliamo raccontare che 1+1 non fa 2 ma 10 e appellarci al fatto che nel sistema binario fa effettivamente 10... non si va da nessuna parte: lo trovo INFANTILE.


    kal 1 Risposta
  • Super User

    @domenico-pacifico eh no.

    Se parliamo di Diritti la definizione letterale è l'unica ammissibile.

    Altrimenti vale tutto ed a quel punto non ha senso neanche discutere.


  • Super User

    Per essere proprio concreti: il diritto di parola è sostanzialmente diritto a non finire in galera per quello che dici.

    È un diritto delle persone da esercitare nei confronti degli Stati.

    Veramente penso che sta cosa dei social media sia una droga che ci ha dato alla testa.


  • User

    Twiiter, come tutti gli altri social, alla fine della fiera sono delle aziende.

    come aziende dettano le regole, che chi fa parte di quella azienda deve rispettare.

    se non le rispetti, vieni punito. punto

    la tiratela del diritto di parola che viene tolto mi sembra quanto meno una ca*** pazzesca, come diceva il ragioniere Fantozzi.

    è come se io avessi un bar, e trovo un mio lavoratore a rubare dalla cassa. Non è che mi può dire qualcosa. lo prendo e lo caccio via ( sempre che quei simpaticoni dei sindacati non abbiano voglia di rompere le scatole )

    e comunque trovo assurdo che si sti parlando tanto di un personaggio a cui non manca certamente la disponibilità economica per dire la sua, e solo perché viene bannato da un social scoppia un caso geopolitico mondiale.


  • User Attivo

    ... qualcosa si è frantumato...

    138314859_10159025883321894_5689441391009459441_n.jpg

    In Italia...

    Opportunismo e ipocrisia nelle scelte censorie: Feltri, Boldrini, Verna, il giornalismo e la censura: cronistoria di un caso che ha creato scompiglio


    kal 1 Risposta
  • Super User

    @domenico-pacifico ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    ... qualcosa si è frantumato...

    Bah, è buono solo per farci il titolo sul giornale. Gli speculatori shorteranno per qualche giorno e dopo il 20 recuperano.

    Vogliamo scommettere?


    domenico.pacifico 1 Risposta
  • User Attivo

    @kal Proprio qui ti volevo... è solo questione di potere e interessi economici. Tutto il resto... CENSURA, LIBERTA' DI PAROLA... sono solo chiacchiere. Come dire... il patriottismo tra chi conta NON ESISTE, esiste ben altro 🙂


  • User Attivo

    @adv-benevento ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    @simone82 "Comanda la Costituzione del mio Paese"
    La Costituzione Italiana venne scritta con l'intento, fra l'altro, di riconoscere e bloccare sul nascere una dittatura fascista. Alessandro Barbero ha spiegato benissimo da chi fosse appoggiata l'ascesa del fascismo.

    Che c'entra col ban di Trump?

    Beh è evidente che non hai compreso. L'espressione "Comanda la Costituzione del mio Paese" è una frase diversa da "Comanda la Costituzione italiana", e appunto volutamente generica. In America comanda la costituzione americana (non le EULA di pinco pallo), qualcuno schierato politicamente si chiede perché la legge non ha arrestato Trump: beh se non è successo fatevi una domanda e datevi una risposta. Se la Costituzione non arresta Trump, lo schieramento armato nei suoi confronti stile Damnatio Memoriae di romana memoria ora che ha perso le elezioni a me non torna. Le EULA di Parler che hanno pubblicato le chat che le EULA dicevano sarebbero rimaste criptate non sono state violate? Concordo con P. Battista del Corriere e se lo dice anche la Merkel, un problema da approfondire forse c'è. Soprattutto se nel frattempo i profili del sanguinario dittatore della Corea del Nord sono tranquillamente attivi, così come sono attivi i profili di chi usa i social per darsi appuntamento in piazza per menarsi...

    In ogni caso l'importante è non buttarla in politichese ma ragionare sul funzionamento di questi social: perché un bar è considerato servizio pubblico, pur essendo un'azienda privata, e quindi deve sottostare alle leggi del servizio pubblico, ma un social no, e quindi può fare come vuole? Twitter ti può cacciare se ritiene (ritiene lui? In base a cosa?) che scrivi cose brutte, ma se io barista ti caccio dal locale perché ritengo che stai dicendo cose brutte, io barista posso essere denunciato per discriminazione... Qualcosa non torna, oppure sbaglio io (cosa possibile per altro). Il futuro quale dovrebbe essere?


    kal 1 Risposta
  • Super User

    @simone82 ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    ma se io barista ti caccio dal locale perché ritengo che stai dicendo cose brutte, io barista posso essere denunciato per discriminazione

    Aspetta aspetta aspetta.

    Qua leggo https://www.laleggepertutti.it/272004_si-puo-cacciare-un-cliente-dal-bar

    Nel Testo si legge che «gli esercenti non possono, senza un legittimo motivo, rifiutare le prestazioni del proprio esercizio a chiunque le domandi e ne corrisponda il prezzo».

    [...]

    Quando cacciare un cliente dal bar?

    È fondamentale, però, quel passaggio del Testo in cui si dice «senza legittimi motivi». Significa che quando quei motivi ci sono, il gestore del bar ha la facoltà di invitare il cliente ad andarsene via ed a cambiare aria se non ha intenzione di cambiare atteggiamento. Insomma, non solo può ma – anzi – deve cacciare via il cliente dal bar.

    [...]

    il gestore non solo ha la facoltà ma anche il dovere di «adottare i vari mezzi offerti dall’ordinamento per evitare che la frequentazione del locale da parte degli utenti sfoci in condotte contrastanti con le norme poste a tutela dell’ordine e della tranquillità pubblica». Così ha stabilito la Cassazione

    (ho grassettato quella che per me è la parte rilevante)

    E insomma, si può e anzi si deve cacciar fuori la gente dal bar, se rompe i coglioni agli altri avventori, sproloquia ed in generale da fastidio.

    Questione risolta?

    😁


  • Moderatore

    FYI:

    Il figlio ha chiesto a Elon Musk di creare una nuova piattaforma per salvare la libertà di parola in America:

    https://forbes.it/2021/01/14/donald-trump-jr-chiede-aiuto-a-elon-musk-spazza-via-twitter-con-un-nuovo-social-media/


  • Super User

    🤦 🤦 🤦 🤦 🤦 🤦 🤦

    E comunque, sempre a proposito di gente buttata fuori dai bar perché molesta, ieri mi sono imbattuto in questo:

    https://twitter.com/lahondaknitter/status/1349541662318465026

    (leggere anche sopra)

    Così, per ribadire il concetto.


  • User

    Di trump non mi frega nulla, ma se hanno potuto imbagliare un presidente degli stati uniti, imbavaglieranno anche altri che abbiano ragioni da vendere o meno.

    Questa è la nuova dittatura, dispiace che i ben pensanti, quelli che si offendono se uno non è "politically correct" non se ne accorgono.

    Quando ci metteranno tutti allineati e coperti (solo chi ha fatto il militare potrà capire completamente) con il pensiero unico dominante sarà troppo tardi.

    Molti commenti guardano il dito e si scordano della luna: lo avranno capito il titolo della discussione? Penso di NO.


    domenico.pacifico 1 Risposta
  • User Attivo

    @giusebos

    se hanno potuto imbagliare un presidente degli stati uniti, imbavaglieranno anche altri che abbiano ragioni da vendere o meno.

    Permettimi, qui ti sbagli di grosso. TRUMP non è più Presidente - le date sono una sottigliezze di poco conto. Chissà perché nel corso degli anni precedenti non hanno mosso un dito.

    Vi lascio link de Il DOPPIO GIOCO dei Social Network troverete qualche riflessione in più 🙂


    G 1 Risposta
  • User

    @domenico-pacifico ma in questa discussione si parla di censura o di quanto è stato buono o cattivo come presidente Trump?


    domenico.pacifico 1 Risposta
  • User Attivo

    @giusebos

    ma in questa discussione si parla di censura o di quanto è stato buono o cattivo come presidente Trump?

    Il nesso scusa? Chi ha mai giudicato l'operato di TRUMP! Solo di censura si parla.

    I Social Network gestiscono la censura come più gli conviene. Da regolamento TRUMP doveva essere censurato - come un comune mortale - già da quel pezzo e invece, guarda caso, la censura arriva ora quando ormai non è più Presidente.

    I primi trasgressori dei regolamenti dei Social Network sono gli stessi Social Network.


    G 1 Risposta
  • User

    @domenico-pacifico forse i social-network devono decidere se essere editori oppure no. Nel momento che diventano editori seguendo così la loro linea editoriale, poi si prendono: moglie, bambine, il cane birillo e la governante svizzera (cit amici miei). 😉


    giorgiotave 1 Risposta
  • Community Manager

    @giusebos questo è un tema importante che è già in discussione nelle varie commissioni e sicuramente i Social non possono deciderlo da soli. Potere decisionale quasi zero 🙂

    Da quando ho aperto la discussione sono successe molte cose. La faccenda, che inizialmente era focalizzata su Trump e Social si è allargata. Stavamo parlando di la di Parler, ad esempio.

    Quello che è successo in America è senza precedenti, non si può più processare la cosa come una Manifestazione e non si può più processare la cosa come solo social.

    Per questo sono successe varie molte altre cose. Si è finiti fino all'hosting di un sito, direi che non è più solo social.

    Ha poco a che fare con censura e libertà di espressione oggi. Perché ci sono alcuni limiti che non si possono superare e non c'entrano niente le idee.

    Fermare l'elezione di un Presidente, entrare dove si è entrati, feriti e morti.

    Cioè tutto quanto è accaduto è molto più grave di quello che si pensava all'inizio. Almeno, per me, che pensavo io.

    Ho sbagliato a focalizzare la discussione sul tema, perché è troppo piccolo.

    Partire dall'esclusione dei Social di Trump per parlare del Futuro dei Social, per me, oggi, è sbagliato. Perché stiamo partendo da un punto sbagliato.

    Parlare comunque delle regole dei social, della parte "Editori" e di tutto il resto e di come siano indietro e siano un reale problema anche per gli utenti stessi...non è sbagliato.

    È nata una discussione interessante senza dubbio, ma l'ho fuorviata molto.

    Chiedo scusa per questo


    kal 1 Risposta
  • Super User

    @giorgiotave ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    Ho sbagliato a focalizzare la discussione sul tema, perché è troppo piccolo.
    Partire dall'esclusione dei Social di Trump per parlare del Futuro dei Social, per me, oggi, è sbagliato. Perché stiamo partendo da un punto sbagliato.

    Io non per nulla nel mio primissimo messaggio in questa discussione scrivevo:

    @kal ha detto in Il Ban di Trump dai Social: che ne pensate?:

    È un caso più unico che raro, non credo valga nemmeno la pena di fare dei discorsi di carattere generale.

    Perché veramente è una cosa straordinaria, senza precedenti ed è impossibile ragionare a mente lucida sull'argomento o rimanere in tema.

    Il "ban di Trump" è un piccolissimo mattoncino in una situazione con ramificazioni politiche e morali ENORMI.