• Community Manager

    Thruuu un SERP Analyzer interessante

    L'ho visto segnalare da Aleyda Solis e lo sto testando, mi piacciono le cose nuove.

    Non è male 🙂

    Schermata 2020-11-13 alle 14.04.21-min.png
    https://app.samuelschmitt.com/

    Che dite?


    MaxxG AlessiaP88 2 Risposte
  • User Attivo

    Tutti questi tool sono fighissimi ma torniamo sempre lì: ti permettono di analizzare UNA pagina. UNA serp.

    Come guardare un panorama sconfinato da dietro un muro attraverso un buco grande come uno spillo.

    Capisco comunque che dare i dati aggregati su scala un po' più ampia non sia semplicissimo, richiede risorse di calcolo e non sono gratis.


  • Moderatore

    @giorgiotave mi hai rubato il prossimo post che volevo fare 😉 sto testando la beta della Pro da una settimana, più tardi un po' di screenshot della nuova interfaccia


  • Moderatore

    Come dicevo uso Thruuu da quando è nato e mi torna utile a dare un’occhiata veloce ai meta tag dei competitor (certo per una sola KW alla volta, e del resto nessun tool “amatoriale” può permettersi di offrire gratuitamente le risorse necessarie a fare le cose in grande: le aggregazioni a cui fa riferimento @kal).
    La versione Pro, di cui purtroppo non posso divulgare l’URL, essendo ancora in beta, cambia modello di business e si passa a un sistema di pagamento a consumo se si eccedono le 30 ricerche/crediti (non si sa ancora in che arco temporale, suppongo al mese, ma devo dire che se sto lavorando a un brief, 30 ricerche le faccio in un paio di giorni).
    Qui un paio di screenshot alla nuova interfaccia imgur.com/a/mvbsJYh

    Le informazioni relative alla SERP (che sarà limitata ai primi 10 risultati, nella versione free se ne possono impostare di più ma spesso si impalla oltre i 15 risultati) sono aumentate rispetto alla versione free. Adesso vengono taggati direttamente sulla UI l’articolo più recente, il più vecchio, il più lungo ecc. Espandendo le schede che rappresentano i risultati di ricerca si possono vedere tutti gli H presenti (quindi di fatto vediamo la TOC – table of contents – dei competitor), il numero di link.
    Sono stati introdotti filtri per vedere solo i paid result, le pagine e i rich snippet. Le parole più frequenti in heading e description e altre funzioni sono in corso di sviluppo.
    Insomma, uno di quei piccoli tool che se possono entrare nella routine dei contest creator.


  • User

    @giorgiotave se lo apri da mobile è peggio de un gatto asfaltato sul raccordo: per darwinismo nei confronti di Google non vado oltre xD #perdoname