• User Attivo

    Ciao a tutti, cerco di spiegare meglio il mio tweet 🙂
    Nel sito di cui parlo avevo inserito circa 7 schemi differenti nel 2016 e mantenuti fino a ieri, tra rating star, localBusiness, speakable, Person ed altri. @gfiorelli1 chiaramente testati e verificati con il tool ufficiale di Google.

    • Il rating come sappiamo dopo breve Google lo ha tolto dalle serp tranne che per poche tipologie di content.
    • Speakable non lo ha mai considerato.
    • Organization era gerarchizzato con localbusiness e person e Google non ha mai capito una cippa... Mi metteva come fondatore di una società che ho acquistato e non è scritto da nessuna parte che l'ho "fondata". Inoltre, nel mio knowledge graph metteva solo l'età tra le tante altre info rilevanti che fornivo, quindi il risultato era povero e poco informativo.

    Insomma, Google prende quello che gli fa comodo e mostra quello che vuole lui. Ho quindi preferito fare tabula rasa. Ho inoltre la forte sensazione che Google usi i dati strutturati solo per allenare la sua AI a riconoscere i contenuti, che poi abbandonerà in futuro.

    Perché devo sbattermi per fare un piacere a lui se non ho nulla in cambio?


  • User Attivo

    Anche io sono abbastanza allineato con @johnnyburnhell.

    In linea generale, se vuoi che addestro le tue reti neurali... allora mi paghi per farlo.

    Lo stesso ragionamento ad esempio lo faccio sui rel nofollow/ucg/sponsored. Vado di nofollow e via, così le linee guida sono formalmente rispettate... e ci pensi Google se è così intelligente a distinguere se è un link che vale comunque la pena inserire nel link graph oppure no.

    Io di certo non spendo neanche un secondo del mio tempo per lavorare gratis all'addestramento di algoritmi per un'azienda terza.


    aledandrea 1 Risposta
  • User

    Sugli attributi UGC / Sponsored @kal mi trovi assolutissimamente d'accordo! non mi sono mai allineato lasciando tutto con il Nofollow. Dopo pochissimo tempo era palese la NON influenza di questi 2 nuovi attributi... (mi riferisco alla sistituzione del nofollow)

    Sul fatto invece di spendere tempo per "nuove cose" utili solo a lui (Google) invece ho una visione diversa e personale. Tu (Google) vuoi che io mi allinei alle tue nuove direttive? (che a casa mia si chiamano prove per la maggior parte delle volte, come ad esempio il meta tag description allungato) ed io invece le utilizzo a mio favore per "staccare" i competitor ed essere tra i primi a cavalcare l'innovazione tecnologica.

    Spesso, questo mio trasformare il negativo / palloso in un opportunità, mi ha premiato e continuo a mantenere questo modus operandi.

    Non penso a Google, penso a me... la maggior parte delle volte l'investimento in termini di tempo per mettere in pratica le sue novità mi ha pagato e a volte ovviamente no... è un pò come il rischio d'impresa.

    Vabbè io non faccio testo... sono innamorato di BigG dalla notte dei tempi, non riesco proprio a dirgli male anche quando nei primi anni della SEO sono stato penalizzato e DE-SERPIZZATO! 🙂


    kal 1 Risposta
  • User Attivo

    @SeoWebCoach ha detto in Dati Strutturati: c'è chi li rimuove completamente perché Google sbaglia!:

    ed io invece le utilizzo a mio favore per "staccare" i competitor ed essere tra i primi a cavalcare l'innovazione tecnologica.

    Sono con te su questo. Se si possono usare per avere un vantaggio, allora è giusto farlo.

    Ma bisogna capire bene se e come l'implementazione dei markup porta a vantaggi.

    Ad esempio, nel caso di Speakable, a parte l'effetto "wow", non porta ad effettivi vantaggi per il sito che lo implementa.

    Immagina un sito di ricette, che campa di advertising.

    Che vantaggio ne ha se la sua ricetta viene letta dall'assistente vocale? Niente impressioni dei banner, resta tutto in casa da Google.

    Uno potrebbe anche fare dell'hacking ed inserire del product placement nelle sue ricette, in modo che Google sia costretto a "leggere" questo o quel brand. Ma si tratta di una cosa ancora terribilmente di nicchia e non una reale opportunità.

    Ed è tutto da vedere se fra qualche anno ci sia ancora o non sia sfumato tutto.

    Una cosa del genere richiede grossi investimenti (tecnologici, logistici e commerciali) e se sfuma nel giro di pochi anni, allora non vale neanche la pena mettersi.

    I tempi del web "sperimentale", quelli in cui Google faceva un vento e tutti si buttavano a pesce a pasticciare col nuovo giochino per puro spirito di avventura, sono belli che finiti.


  • User

    Sono d'accordo @kal sono d'accordo in ogni punto... ma non ce la faccio proprio 🙂 Google ha adescato milioni di persone come me che pendono dalle sue labbra e disegnano SERP ogni giorno migliorando il suo di servizio.... d'altronde siamo noi i fautori del web mica lui!!?? ah aha sh grazie dello scambio..


  • User Attivo

    @kal ha detto in Dati Strutturati: c'è chi li rimuove completamente perché Google sbaglia!:

    Vado di nofollow e via, così le linee guida sono formalmente rispettate... e ci pensi Google se è così intelligente a distinguere se è un link che vale comunque la pena inserire nel link graph oppure no.

    Per quello, a mio avviso, non ha nemmeno senso il nofollow, se non in casi particolari e comunque interni al sito, e comunque sempre meno presenti.
    O linki, o se devi mettere un link esterno di cui non ti fidi, allora non linki. Citi e basta.


    kal 1 Risposta
  • User Attivo

    @aledandrea beh dai, ci sono molte ragioni per mettere i nofollow. Sui publiredazionali, oppure sul contenuto generato dagli utenti...

    Ma sui link editoriali concordo con te.


    aledandrea 1 Risposta
  • User Attivo

    Mi sembra molto una boutade.
    La cosa però che mi fa ridere è che in quel ca**o di sito che Google non sta indicizzando, abbiamo fatto una totale revisione dei contenuti e inserito diverse FAQpage... l'unico snippet prodotto in modalità FAQ è quello dove il programmatore si era dimenticato di mettere schema.org.

    Addio 😉


  • Admin

    Io per i rating ho notato che Google ha apportato cambiamenti senza dire niente e di fatto ha aggiunto un campo required sotto banco.

    Dopo averlo "fixato" sono riapparse le stelline. Quindi anche li in molti verticali non era stato in realtà tolto, ma la modifica sottobanco passata inosservata aveva fatto tabula rasa.

    Sul "nofollow" beh lasciamo stare. Ho già detto a più riprese e da anni come la penso. Non ho cambiato idea.

    Sulle informazioni non esaustive anche avete ragione da vendere e poi è anche un po' quello che succede con i panel dettati da Wikipedia...dove ognuno può fare bello e cattivo tempo modificando la scheda in modo arbitrario. Spesso sembra brutto dirlo, ma è meglio non essere presente in alcun modo perché è più il rischio di info poco accurate che di un reale beneficio.

    Certo non è vero in senso assoluto, ma il rischio c'è e non credo che @johnnyburnhell sia l'unico ad essersi trovato di fronte a informazioni inaccurate/incomplete senza possibilità di fare molto.


  • User Attivo

    @kal no certo, le ragioni ci sono, ma ci sono perché Google dice delle cose e poi, all'atto pratico, ne fa delle altre.
    Se fossero in grado di distinguere bene i link a pagamento, oppure quelli generati dagli utenti, il nofollow tecnicamente non sarebbe necessario.

    Mi spiego meglio: un publiredazionale in follow o un forum con la firma in follow sono sostanzialmente due errori. Se però Google fosse coerente con quanto dice, dovrebbe poter essere in grado da solo di valutare se i due contenuti sono utili o meno, a prescindere dal loro potere manipolatorio sull'indice.

    In questo senso, era interessante la mossa di dichiarare che il nofollow è solamente un consiglio e non una direttiva, perché è una mossa che, a mio parere, va proprio in questa direzione.

    Intendevo dire questo 🙂