• Community Manager

    Arrivano le Multisearch (by MUM)

    Sono attive, in inglese negli Stati Uniti (la smetteranno un giorno), le trovate qui. Me le ha segnalate @filtro

    Al Search Marketing Connect erano state accennate da @gfiorelli1 e spiegate e ribattezzate Ricerche Multimodali da @marco.quadrella.

    Il flusso è: inquadri qualcosa, scatti, aggiungi l'immagine alla tua ricerca e inserisci la query.

    Schermata 2022-04-07 alle 16.21.21.png


  • Moderatore

    del resto la multimodalità è il nuovo trend nell'intelligenza artificiale, anche a base di servizi come la generazione di immagine a partire da testo come fa il nuovo medello di OpenAI DALL-E 2 appena annunciato.
    Guardare e stupirsi 🙂
    https://openai.com/dall-e-2/
    Le "modality" dalla multimodalità sono numerose Text2Image, Image2Text, Video2Text, Audio2Text, Audio2Video, Text2Audio, Text2Video, Image2Audio, Video2Scene, Website2Website (penso al recente CM3, per i nerd

    )


    giorgiotave 1 Risposta
  • Community Manager

    @maxxg grazie mille 🙂

    Segnalo che ho trattato il tema nella Fastletter Perché Google è Google?

    Inoltre il post di Mariachiara Marsella CHE METTO DI SEGUITO:

    #SEO ed #ecommerce, "ottimizzare" le etichette dei capi di abbigliamento.

    Questa mattina, appena letta la 𝗻𝗲𝘄𝘀 𝗱𝗲𝗹 "𝗺𝘂𝗹𝘁𝗶𝘀𝗲𝗮𝗿𝗰𝗵" in Google ho ovviamente fatto subito una prova ma quel che mi ha suggerito l'immagine sotto (screenshot) è qualcosa alla quale non avevo mai pensato prima.

    𝗟'𝗶𝗺𝗽𝗼𝗿𝘁𝗮𝗻𝘇𝗮, 𝗮𝗻𝗰𝗵𝗲 𝗼𝗻𝗹𝗶𝗻𝗲, 𝗱𝗲𝗹𝗹𝗲 𝗲𝘁𝗶𝗰𝗵𝗲𝘁𝘁𝗲 𝗱𝗲𝗶 𝗰𝗮𝗽𝗶, 𝘀𝗼𝗽𝗿𝗮𝘁𝘁𝘂𝘁𝘁𝗼 𝗽𝗲𝗿 𝗶 𝗻𝘂𝗼𝘃𝗶 𝗯𝗿𝗮𝗻𝗱 (ma non solo ...).

    𝗜𝗻 𝗽𝗿𝗮𝘁𝗶𝗰𝗮.
    Cerco con Google Lens un capo di abbigliamento, gli chiedo di rilevare il testo e lui giustamente trova il testo dell'etichetta se - o vviamente - il testo (che è il brand!) sull'etichetta è scritto in modo chiaro e comprensibile.

    (𝗔𝗹𝗺𝗲𝗻𝗼) 𝟯 𝘀𝗽𝘂𝗻𝘁𝗶 𝗱𝗶 𝗿𝗶𝗳𝗹𝗲𝘀𝘀𝗶𝗼𝗻𝗲.

    1. Offline e online si possono intersecare perfettamente oramai e non possiamo slegare le due visioni se vogliamo vendere online.

    2. Cose apparentemente banali e/o non attinenti all'online e men che meno alla SEO possono invece diventare ottimi spunti per "raccontare" il brand: non chiudiamoci nel nostro "giardinetto".

    3. La ricerca visual è solo agli inizi.

    #brandawarness #visualthinking #contentstrategy

    Qui sotto lo screenshot fatto questa mattina e qui di seguito la news della quale parlo: https://lnkd.in/gbzbKA9m

    Ps. Non ho assolutamente nulla a che fare con il brand indicato qui 🙂

    1649404628665.jpg