• User

    Il contenuto è il Re. La più grande bugia mai raccontata nella Seo

    Se hai cliccato su questo topic significa che il titolo funziona. Un buon clickbait.

    Per prima cosa devo precisare che non è frutto della mia fantastica mente, ma è il titolo di un articolo di un noto sito del settore che bene o male tutti conosciamo.
    Anche una grande testata come Searchenginejournal ha la necessità di attirare l'attenzione con titoli reboanti , per poi scoprire che il titolo non riflette del tutto il contenuto dell'articolo.

    Per chi volesse leggerlo lascio il link https://www.searchenginejournal.com/content-is-king-greatest-lie-ever-told-seo/383516/

    Ho scritto questo post solo per fare una riflessione su quanto sia ancora necessario, anche per siti importanti, creare dei titoli per i propri articoli che in qualche modo attirino l'attenzione dei lettori, anche se poi alla fine si scade nel solito contenuto che non aggiunge nulla di nuovo sulla materia trattata.

    Cosa ne pensate in merito a questa mia estemporanea riflessione?😜


    giulio.marchesi kyle46 2 Risposte
  • User

    @WLuca Avevo già letto l'articolo, sintetizzando viene detto questo:

    Create amazing content, and you’ll automatically win in the SERPs, drive a legion of visitors to your site, and basically win the SEO game.
    But that isn’t quite true.
    In reality, content is only one piece of the puzzle.

    In breve, il contenuto è importante ma non è tutto. La domanda è questa: vuoi essere in prima posizione per qualche query di ricerca (magari di nicchia, quindi nemmeno troppo difficile e competitiva) oppure vuoi risolvere un problema, essere realmente utile? Per arrivare in prima posizione (specie se la competitività non è elevata) hai numerose vie e chiaramente il contenuto non è tutto, se invece vuoi soddisfare un bisogno è probabile che tale bisogno sia proprio il contenuto (testo se l'utente si aspetta di trovare un testo, altrimenti ciò che è opportuno in quel caso). Per ottenere tanti click non è difficile, metti nel tag title qualcosa come "modella - attrice XX senza veli" (scusa l'esempio che faccio ma rende l'idea), la gente di sicuro clicca, poi se non trova ciò che vuole cosa fa?? Esce subito e la tua pagina ha un bounce rate altissimo con tempo di sessione molto basso: ottieni click, traffico, ma non di qualità perché non soddisfi l'utente. Ribadisco che il contenuto (qualunque esso sia, a seconda del contesto) è rimane sempre importante, anche se sappiamo che "non è tutto".


    W 1 Risposta
  • User Attivo

    @WLuca

    Per gli uteni nuovi: 80% di click, 0% conversione della pagina e -90% frequenza di rimbalzo!

    Se poi trattasi di un ottimo copywriter, per cui gli utenti si erano affezzionati di leggere i contenuti! La proporzione dovrebbe ammontare a: 80% di click, 50% conversione delle pagine e -30% abbandono del sito

    In parole brevi... Sarebbe meglio fare un redirect della Homepage verso gli inferi!


  • User Attivo

    Finalmente nel 2020 iniziamo a renderci conto che per essere trovati sui motori di ricerca, bisogna mettere in pagina non "delle keywords", bensì "quello che le persone stanno cercando".

    Una scoperta davvero sconvolgente 😱 😱

    (scusate il sarcasmo, ma è per controbilanciare il clickbait 😛 )


    giorgiotave 1 Risposta
  • User

    Si, ma le persone cercano in base a delle query, quindi usano delle chiave di ricerca composte da frasi brevi o lunghe.


  • User

    @giulio-marchesi Quando si scrive un articolo ci si dovrebbe chiedere se soddisfa un bisogno che gli utenti hanno espresso in base alle loro ricerche in rete. Nel caso di questo articolo sicuramente raggiunge un certo obiettivo, ma non è nulla di nuovo e soprattutto il titolo fa intendere che il contenuto non è il re, poi immediatamente il post corregge il tiro dicendo che il contenuto è parte di un puzzle, che poi neanche tanto vero visto che il contenuto nasce da una serie di valutazioni che avviene prima della stesura del testo.


    giulio.marchesi 1 Risposta
  • User

    @WLuca hai ragione, in ogni caso è abbastanza comprensibile che i titoli siano abbastanza "attiraclick", anche per siti con una certa autorevolezza. Il fatto poi di scrivere "è parte di un puzzle" di sicuro è corretto, ma nella pratica di nuovo dice poco o niente.


  • Community Manager

    @kal ha detto in Il contenuto è il Re. La più grande bugia mai raccontata nella Seo:

    (scusate il sarcasmo, ma è per controbilanciare il clickbait 😛 )

    Mi sembra doveroso 😄


  • User

    👍