Dopo 16 anni di attività del Forum GT, oggi, da quello stesso forum, nasce una nuova Community: Connect.gt
Attualmente siamo in fase Alpha 0.1
SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ CLICCANDO QUI

Oppure Lascia un feedback, Segnala un bug, Suggerisci miglioramenti o Togliti un dubbio!
  • User Attivo

    E quando scade il servizio di posizionamento? Che fare?

    Ciao a tutti!!!!:ciauz:
    Non sapevo dove postare questo messaggio, mi scuso in anticipo con i moderatori se non dovesse andare bene e chiedo loro di spostarlo nella sezione più adeguata.

    Il mio dilemma è il seguente. Seguo diversi siti di clienti che pagano per il posizionamento nei motori di ricerca. Io mi occupo della ricerca del mercato di riferimento, delle chiavi di ricerca, dell'ottimizzazione on-site e delle pratiche off-site per l'aumento del rank nei motori.
    I clienti pagano un tot semestrale, annuale o triennale per avere il sito nella prima pagina dei motori e, sinceramente, rimangono al 95% soddisfatti del mio operato, ottenendo un notevole incremento di richieste di informazioni. Il problema si ha quando il cliente, per un motivo o per un altro decide di non fare più il posizionamento (specialmente quando capisce che nel breve periodo, pur cessando il servizio di posizionamento, le cosa cambiano di poco), non rinnovando il contratto precedente. Cosa fare in questo caso? In questo modo il suo sito "campa di rendita", specialmente per siti anziani e operanti su mercati di nicchia che prima di essere scalzati da altri, deve passare un bel po di tempo di inattività in ambito seo.
    Cioè, ipotizzando, un cliente paga il posizionamento per un anno, io ottimizzo il sito e lo posiziono nelle prime 5-10 posizioni di google per una decina di parole chiave che gli interessano. Il sito acquista piano piano autorità e backlink spontanei, ottenendo un certo vantaggio su siti concorrenti. Alla fine dell'anno, quando il cliente smetterà di pagare, le cose non cambieranno e lui si ritroverà il sito posizionato e ben funzionante anche senza pagare il servizio.

    Come fare per annullare il posizionamento ottenuto, una volta finito il contratto? Può essere una soluzione creare delle pagine apposite, interne al sito, ottimizzate e posizionate, da togliere al momento della scadenza del contratto di posizionamento? Credo che questo possa essere un problema comune a diversi professionisti del settore... come vi muovete?

    Vi ringrazio vivamente e spero di non averla fatta troppo lunga.. :giggle:


  • User Attivo

    Nessun utente del forum GT sa darmi consigli su come comportarsi nei confronti di clienti che non rinnovano il contratto del servizio di posizionamento?
    Mi sto rivolgendo a seo professionali che si trovano a dover posizionare siti di clienti... :ciauz:


  • Moderatore

    Ciao antonico, consigli su come comportarti non te ne saprei dare, mi è venuto in mente il seguente paragone.

    Un paziente, che ha risolto un problema di salute dopo essersi rivolto a un medico bravo, a un certo punto decide di cambiarlo o comunque di non curarsi più, ma grazie al carattere duraturo dei benefici della cura continua a stare bene lo stesso.
    Cosa dovrebbe fare il medico, studiare il modo migliore per farlo ammalare di nuovo? In molti casi sarebbe anche impossibile.

    Fuor di metafora, non vedo perhè i benefici duraturi di un intervento seo non dovrebbero restare di proprietà di chi l'ha pagato, finchè durano.


  • User Attivo

    Anche se il posizionamento è pagato non a risultato ma a tempo? Nel senso, un cliente che paga per un anno di posizionamento, visto che è un servizio aggiuntivo alla creazione del sito, si potrebbe ritrovare il sito posizionato anche per l'anno successivo, senza pagare nulla.
    Sinceramente io personalmente la penso come te, una volta fatto il posizionamento per parole interessanti, il lavoro sarebbe giusto rimanesse... Solo che mi è stato chiesto di pensare come fare per limitare il servizio al solo periodo pagato e ho chiesto nel forum, il migliore 🙂

    Creare delle pagine apposta per il posizionamento, una pagina per ogni parola chiave scelta, posizionarle, e da togliere una volta finito il periodo pagato?


  • User Attivo

    E' davvero una bella domanda...
    Non faccio il SEO per professione ma mi diletto con buoni risultati e mi metto nei panni di chi questa professione la fa per lavoro e dopo un anno di lavoro svolto per bene e con risultati si trova un contratto non rinnovato...
    Diciamo che potrebbe essere lo stesso anche per me....mi procuro un contratto di assistenza...sistemo tutti i problemi del caso e dopo un anno il cliente decide di non rinnovarlo....i benefici ovviamente si produrranno anche nell'anno successivo....

    Io credo che l'unica soluzione non sia nel lavoro in se per se....cioè non ha senso creare una pagina ad hoc e poi eliminarla nel momento del non rinnovo del contratto....ma nel corso del contratto fidelizzare il cliente, convincerlo con i buoni risultati che il tuo è un lavoro continuativo e che deve essere prolungato nel tempo per avere risultati...insomma che sei indispensabile.

    Poi se il cliente si fiderà dell'immagine che tu hai dato di te ti rinnoverà il contratto....cioè la vedo piu una questione di "coltivare il rapporto di lavoro" che lavoro in se....

    Spero di essermi spiegato bene!


  • User Attivo

    Si, ma se il cliente è abbastanza 'birbo' da capire che pur non rinnovando il contratto camperà di rendita anche per un discreto periodo di tempo? Magari poi torna dopo un anno richiedendo di nuovo un lavoro di posizionamento.. si è fatto un anno di contatti da google a sbafo...


  • User Attivo

    Non saprei proprio 😄
    Attendiamo magari l'intervento di qualcun altro...ma credo che le risposte non saranno molto diverse...almeno che tu non decida di penalizzare il sito web in qualche modo.... 😄


  • Super User

    Bisogna pagare per ciò che si acquista.

    Se quindi vendi un servizio di posizionamento aleatorio, ed il cliente accetta le clausole, è anche giusto fare un lavoro a tempo.

    Chiaramente, un servizio di questo tipo vale relativamente poco e quindi avrà un costo ridotto.

    Come si può agire?
    Si creano n pagine ottimizzate su domino o domini propri, dalle quali lincare la risorsa del cliente.
    E' evidente che, queste pagine e/o domini, devono avere una certa forza altrimenti il risultato può non arrivare.

    Alla scedenza del contratto, si possono rimuovere i link al sito del cliente mentre non avrebbe senso cancellare le pagine visto che potrebbero essere utili in futuro.

    E' un modo di interpretare il lavoro di seo/sem.
    Francamente io non lo condivido ma non è scorretto visto che vai ad offrire un servizio che il cliente cerca.


  • User Attivo

    Quindi tu lo scambio di link e quant'altro lo faresti sulla tua pagina web?
    E se pero grazie al tuo lavoro ci sono link spontanei? Non credo linkeranno alla tua pagina web ma probabilmente al sito del cliente che comunque grazie a ciò acquisterà posizioni in serp.....


  • Super User

    Se le tue pagine ottimizzate portano il grosso dei visitatori, non saranno certo i link spontanei che prenderà a fare la differenza.

    Ad ogni modo, credo tu la veda in modo sbagliato e, permettimi di dirlo, non professionale.
    Non si può certo far sprofondare chi non è più nostro cliente?
    Un atteggiamento costruttivo dovrebbe essere: "perchè ho perso il cliente?" ed agire di conseguenza.

    Se poi becchi solo furbetti è un problema di offerta che, evidentemente, attira quel tipo di persone.

    Ripeto, bisogna pagare per quel che si riceve ed offrire per quel che si viene pagati.

    Devi portare visitatori?
    Se ne hai le potenzialità, fallo attraverso un tuo portale tematico.

    Devi costruire la link popularity, fatti pagare per questo e fallo 😉

    E così via per tutti gli altri servizi che devono sempre essere quantificabili/qualificabili.


  • User Attivo

    @Karapoto said:

    Se le tue pagine ottimizzate portano il grosso dei visitatori, non saranno certo i link spontanei che prenderà a fare la differenza.

    Ad ogni modo, credo tu la veda in modo sbagliato e, permettimi di dirlo, non professionale.
    Non si può certo far sprofondare chi non è più nostro cliente?
    Un atteggiamento costruttivo dovrebbe essere: "perchè ho perso il cliente?" ed agire di conseguenza.

    Se poi becchi solo furbetti è un problema di offerta che, evidentemente, attira quel tipo di persone.

    Ripeto, bisogna pagare per quel che si riceve ed offrire per quel che si viene pagati.

    Beh è quello che dicevo io....lavorare non solo sul web ma trasmettere l'importanza del proprio lavoro e credo che la maggior parte dei clienti rinnoverà.....poi ovvio che troverai sempre quello che non lo farà godendo dei risultati ottenuti in precedenza.


  • User Attivo

    @Karapoto said:

    Ripeto, bisogna pagare per quel che si riceve ed offrire per quel che si viene pagati.

    Ecco appunto, io intendevo quello..
    Se facciamo un contratto di posizionamento con un cliente, magari che ha realizzato il sito da noi, e nel contratto c'è scritto che lui paga una certa cifra per 2 anni di posizionamento nella prima pagina di google e altri motori per una decina di parole chiave scelte insieme. Il sito in questione è garantito nella prima pagina delle serp per 2 anni, ovvero per il tempo stabilito nel contratto.
    Ora, il 95% dei clienti rinnovano il contratto perché effettivamente ci sono stati i risultati nel periodo considerato ed hanno avuto le pagine del suo sito presenti nella prima serp. Ma quando il contratto non viene rinnovato?
    Il sito, specialmente quando il mercato non è troppo complicato, continuerà a rimanere in prima pagina per diverso tempo (magari anche un anno) con le pagine create appositamente per tale servizio (abitualmente riesco a far uscire in serp le landing pages create appositamente in ottica seo.. ). La vedete così sbagliata la rimozione delle landing pages, che in fondo possono considerarsi una parte distaccata del sito dato che 'ripetono e presentano' i reali contenuti del sito? Il cliente non paga più la garantita uscita nella prima serp e tale garanzia non gli viene offerta. Il sito sarà comunque presente in google con le sue pagine (certamente in posizioni più basse), ma non in maniera mirata e voluta. (ad es. un sito di una struttura turistica che ha nelle sue pagine soprattutto immagini, poco testo, titoli, descrizioni e tutto il resto non studiati in ottica seo/sem, una volta tolte le landing pages ottimizzate vengono tolte, sarà presente su google - certo non verrà penalizzato - ma in maniera più confusionaria e non garantita).
    Il posizionamento non viene pagato e non viene offerto.

    P.S. ripeto che tale sistema non piace troppo nemmeno a me (anche se a logica funziona), solo che non sono il boss e alla fine non ho l'ultima parola. :lipssealed:


  • User Attivo

    Vabbe probabilmente il "boss" lo guarda in un'ottica commerciale...tu da un punto di vista piu come dire "etico" 😄


  • User Attivo

    Sicuramente è in quel modo... e in definitiva non si può biasimare... di seo me ne occupo io e a fine mese ho lo stipendio (che tirate le somme me lo pagano i clienti). :vai:


  • Moderatore

    Ciao a tutti...
    per non andare contro etica professionale si sfrutta la situazione (sempre se si riesce ad essere buoni commerciali di se stessi).
    Il "furbetto" non rinnova? Io chiamo i diretti concorrenti e faccio vedere loro come grazie a me il sito si è ben posizionato e aumentato le visite.
    A quel punto ho altri n potenziali clienti da fidelizzare.
    In più il furbetto vistosi alle strette ti ricontatterà quasi sicuramente e a quel punto il lavoro gli costerà molto di più.


  • Super User

    La parola d'ordine è chiarezza!
    Siate chiari prima di tutto con voi stessi, poi siatelo anche con i clienti.

    Se il contratto che gli proponete prevede che le pagine non saranno cedute ma "affittate", e che risiederanno su vostri spazi appositamente creati, allora è un conto.

    Se invece il cliente ha pagato per altro, rimuovere le modifiche apportate al sito può portare anche a conseguenze legali.


  • User Attivo

    Sono pienamente daccordo... Le pagine "seo" saranno esclusivamente funzionali per il posizionamento: finito il posizionamento, scadute le pagine.. e questo il cliente lo sa.

    Comunque credo che riuscirò a spuntarla e a cambiare tecnica: forse creerò spazi in domini di nostra proprietà per inserirvi le pagine posizionamento, linkate al sito cliente vero e proprio. Saranno queste le pagine spinte per il posizionamento, non quelle nel sito cliente. Scaduto il posizionamento, saranno tolti i link tra le pagine in un nostro dominio ed il sito cliente.
    L'unica cosa che mi preoccupa è la scarsa attinenza fra nome dominio e contenuti delle landing pages... :mmm:


  • User Attivo

    @antonico said:

    I clienti pagano un tot semestrale, annuale o triennale per avere il sito nella prima pagina dei motori e, sinceramente, rimangono al 95% soddisfatti del mio operato, ottenendo un notevole incremento di richieste di informazioni. Il problema si ha quando il cliente, per un motivo o per un altro decide di non fare più il posizionamento (specialmente quando capisce che nel breve periodo, pur cessando il servizio di posizionamento, le cosa cambiano di poco), non rinnovando il contratto precedente. Cosa fare in questo caso? In questo modo il suo sito "campa di rendita", specialmente per siti anziani e operanti su mercati di nicchia che prima di essere scalzati da altri, deve passare un bel po di tempo di inattività in ambito seo.

    Ciao Antinoco, io non sono per nulla d'accordo col tuo pensiero nei riguardi del cliente.
    Tu dici che se il cliente non rinnova lui campa di rendita per il lavoro svolto. Io credo il contrario, la società dove lavori vive di rendita proponendo contratti di quel tipo cioè annuali.
    E dico questo perché, ed anche tu converrai con me, per posizionare un sito c'è un grosso lavoro di start up e poi un minino lavoro di mantenimento.
    In pratica quando acquisite un cliente che possiede un sito non ottimizzato, per prima cosa lavorate intensamente sui contenuti e sull'aumento della popolarità. Un lavoro dispendioso senza dubbio. Ma raggiunta la prima pagina, come tu stesso ammetti il sito può camminare da solo, grazie a link spontanei e alla maggiore visibilità. Pertanto se il cliente rinnova il contratto per un altro anno, dove sta il vostro lavoro? Nell'aggiungere ogni tanto qualche backlink o aggiornare qualche pagina?
    Non penso perché il cliente ha raggiunto la prima pagina deve pagare come ringraziamento il servizio a vita.
    Ti faccio un esempio concreto. Se io voglio far posizionare un mio sito e contatto una società allo scopo. Cos'è che voglio? arrivare in prima pagina punto. Non penso di andare a firmare un contratto a vita. E non rinnovandolo temere delle ritorsioni perdendo i benefici di un servizio pagato.
    Non so come è strutturato il servizio dell'azienda presso la quale lavori, ma a mio giudizio un servizio adeguato richiede due tipi di lavoro. Il primo il posizionamento del sito, che data la quantità di lavoro richiede un costo sostanziale. Il secondo tipo di servizio è il mantenimento delle posizioni acquisite e che richiede un costo decisamente minore, quasi da canone.
    Per chiarire meglio il mio concetto ti faccio questo esempio. Quando ero commerciante dovevo tenere un registratore di cassa il cui costo era sui 1.500 euro. Mentre il rivenditore me lo vendeva mi proponeva un abbonamento di 100 euro circa per eventuali interventi di manutenzione. Qualsiasi guasto fosse accorso al mio registratore loro sarebbero intervenuti celermente senza alcun costo sia di manodopera che di sostituzione di pezzi. Fatti due conti ho accettato l'abbonamento.
    Lo stesso per il servizio seo. Se io ho speso X per arrivare in prima pagina e mi si dice che posso prorogare il servizio con un canone minimo per mantenerlo in quelle posizioni accetterò senz'altro.
    Ma, e scusa la provocazione, tu fai intendere che il cliente che non rinnova si è fatto furbo perché ha capito che mantenere quel servizio è inutile (oltre che dispendioso), il problema semmai è di chi è fesso è paga vita natural durante per qualcosa che probabilmente non è più necessario.
    Scusa, ma è solo la mia opinione. :ciauz:


  • Community Manager

    Sposto la discussione in posizionamento nei motori di ricerca 🙂


  • User Attivo

    Beh, però come logica non mi sembra del tutto sbagliata quella del pagamento per il periodo di servizio ottenuto.. io parlo di clausole contrattuali, poi è chiaro che c'è dialogo tra azienda e cliente e che si possono trovare soluzioni personalizzate. Il cliente non sa come funziona il posizionamento nei motori e per questo si affida a personale capace di ottenere risultati.
    Il posizionamento nei motori di ricerca rientra nel piano di webmarketing ed è o dovrebbe essere una voce di bilancio dell'azienda (sicuramente lo è per le aziende che si affidano molto all'attività nella rete). Tu lavori con internet e vuoi che la gente ti trovi tramite i motori di ricerca; la gente ti trova e compra i tuoi beni o servizi; hai un ritorno dell'investimento;tra i costi avrai il pagamento del posizionamento e tra i ricavi le vendite dei prodotti. Certo, meno costi ci sono e più alto sarà il guadagno, ma facendo un piano a medio lungo termine, è facile calcolare il rapporto fra l'investimento nel posizionamento e il suo ritorno dato dall'aumento di visite-vendite in un determinato tempo (uno-due-tre anni di posizionamento).
    Poi il discorso del risparmio, nel pagare meno il mantenimento rispetto lo start up è un discorso di concorrenza/professionalità del servizio... in fondo i risultati, in alcuni casi, li può ottenere anche uno smanettone che lavora nel sito la sera prima di andare a letto, ma di certo non è la stessa cosa che avere un'azienda partner.

    PS. ripeto, la mia idea personale non si rispecchia nell'approccio commerciale, sono molto più vicino all'aspetto etico della questione... :ciauz: