• User Attivo

    @gfiorelli1 ha detto in Quesito sulla professione SEO e rapporto con il cliente:

    Clienti di quel tipo sono clienti tossici; meglio evitarli.

    Ahahaha, infatti di solito con l'esperienza impari a sgamarli mooooolto prima, già all'inizio della trattativa commerciale.

    Appena capisco l'aria che tira, di solito mi dileguo elegantemente dicendo che non ho tempo di seguire nuovi progetti.

    Vero o no che sia.

    abbandonalo per mancato rispetto degli accordi contrattuali.

    Ma prima...
    alt text


    G 1 Risposta
  • User

    @kal esatto. È una delle prime cose che s’impara con l’esperienza a mettere nei contratti 😀😂


  • User Newbie

    Nel mio lavoro sono partito come consulente SEO per poi approfondire le mie conoscenze e dedicarmi al 90% a progetti e business personali. Oggi con la mia società faccio qualche consulenza ma credo che il fattore chiave sia non avere un cliente - per non entrare nelle dinamiche distorte da te citate - ma un partner con il quale lavorare insieme in ottica win win.


    kal 1 Risposta
  • User Attivo

    @UpGo-it ma no, ci può essere benissimo un rapporto cliente-fornitore basato sul rispetto e sulla fiducia reciproca.

    Certo, ci vuole maturità da ambo le parti e non sempre questo succede.

    Ma si può fare se il consulente rispetta il business del cliente e quest'ultimo rispetta la professionalità del primo.


  • User Newbie

    @kal Grazie per i tuoi esempi, sono d'accordo con te sul fatto che sia necessario dire chiaramente NO quando opportuno. Altrettanto sul fatto che bisogna porsi come consulente e non come esecutore, anche quando il cliente vorrebbe vederti come la seconda figura (con forte pressione).

    D'altro canto mi sono anche chiesto, il cliente potrebbe puntarsi su questo come fattore per un' "accusa" (anche solo verbale) di inadempienza? In ogni caso credo che sia altresì importante affilare la capacità di valutare il tipo di cliente sin dall'inizio, per evitare di ritrovarsi in situazioni del genere (per fortuna rare, è la prima volta che mi è capitato).


    kal 1 Risposta
  • User Attivo

    @Bandweb ha detto in Quesito sulla professione SEO e rapporto con il cliente:

    D'altro canto mi sono anche chiesto, il cliente potrebbe puntarsi su questo come fattore per un' "accusa" (anche solo verbale) di inadempienza?

    Può essere che ci provi.

    Diciamo che se arrivi a quel punto, le cose sono ormai irreparabili (leggi come: sta cercando scuse per non saldare il dovuto).

    In casi come questo l'unica cosa da fare è mollare l'osso e levare le tende cavalcando a testa alta verso nuove avventure (a meno che non ci siano TANTI soldi in sospeso, nel qual caso si valutano le vie legali).

    Comunque ho notato che se sono io per primo a dire al cliente cosa fare, lo tengo occupato e prevengo in partenza le alzate di testa.


  • User

    @Bandweb
    Ciao, scusami sarò molto crudo.
    Il problema principale è che non sei professionale: sei teoricamente un consulente SEO, ma di fatto ti consideri un dipendente "tuttofare".

    Ad esempio, NON sono ordinarie le classiche richieste di modifiche extra: vanno accettate e pagate a parte.

    Poi hai scritto "Ogni capriccio del cliente pagante per me va rispettato e in genere cerco di risolverlo come meglio posso. " Questa frase riassume la mentalità da dipendente, piuttosto che da consulente.
    Il consulente fa un preventivo e opera in base ad esso.

    Immagina un avvocato, un notaio, un medico: sono consulenti anche loro. Pensi che loro "assecondino i capricci dei clienti?".

    Poi scrivi: "Dopo poco però mi rendo subito conto che le richieste “extra piano” avanzate da questo cliente sono molte più del previsto." Perfetto, le richieste extra vengono pagate a parte.

    Detto questo, sia chiara una cosa: mi son trovato qualche mese fa con un cliente che mi ha fornito 5 testi da ottimizzare. Io li ho ottimizzati, e poi dopo lui mi ha detto che li aveva riscritti meglio, perchè quei 5 non gli piacevano più. Si è proposto LUI di effettuare il pagamento per il lavoro supplementare. Normalmente io non faccio una piega e mi faccio pagare.
    In questo caso, però, questo è un mio cliente affezionato da 3 anni ormai, mi paga puntualmente ogni mese, non rompe mai le scatole, abbiamo un ottimo rapporto. Queste 5 ottimizzazioni non gliele ho fatte pagare.

    Questo per dire: le eccezioni ci sono, ma in questo caso sono stato io a dirgli "non preoccuparti, lascia stare. E ho fatto il lavoro gratis con piacere in virtù del nostro rapporto.

    Ma quella che per me è stata un'eccezione, per te è a regola. Secondo me è la tua forma mentis a non essere ancora allineata con quella di un consulente specialista qualificato.

    Detto questo, ci sono passato ANCHE IO, quindi non preoccuparti, specialmente se sei nel campo da 1 annetto o meno.

    Un abbraccio 🙂


    B 1 Risposta
  • User Newbie

    @filippo-jatta Grazie, condivido quasi del tutto la tua opinione: ammetto infatti che, pur occupandomi di SEO da oltre 10 anni, solo da poco più di un anno lo faccio da freelance. La difficoltà maggiore che ho avuto sin dall’inizio della mia nuova esperienza - e sui cui sto cercando di lavorare continuamente - è proprio quella di abbandonare la mentalità da dipendente a cui ero abituato verso un approccio più propositivo e autonomo.

    Tuttavia questo è vero fino ad un certo punto: proprio conscio di questa mia “immaturità” da consulente, ho cercato sin dall’inizio di lavorarci, proponendomi con piani e strategie chiari, precisi ed indirizzando in modo deciso il cliente verso esse, consigliando metodo, attività e tempistiche adeguate a raggiungere gli obiettivi concordati.

    Se finora non avevo mai avuto problemi in questo senso - tutti i miei clienti si sono sempre affidati alla mia consulenza e si sono lasciati “guidare” - in questo caso mi sono trovato di fronte ad un cliente che NON ne voleva sapere di vedermi come consulente: ci ho messo un po’ a realizzare che in realtà mi vedeva come un collaboratore da “utilizzare” a mo’ di dipendente. Se è vero che devo essere io ad impedire questo tipo di rapporto e a far rispettare la mia professionalità, in questo caso mi sono ritrovato - anche per inesperienza - a non riuscirci.

    Credo che questo capiti forse più facilmente quando ci si imbatte nel cliente che si “è informato sulla SEO” e solo per questo pensa di saperne di più del consulente che ha incaricato. Nel mio caso mi sono confrontato con un imprenditore “digitale” (capo di un’agenzia web) che, presupponendo di sapere tutto sul mondo www, ha preteso di voler “guidare” il proprio consulente anziché lasciarsi guidare, con forte pressione in questo senso.

    Ho capito che in una situazione come questa per me non è ancora facile - per non dire impossibile - farmi rispettare, tanto è vero che l’unica via d’uscita che ho trovato è stata la risoluzione del rapporto, non riuscendo più a mandare avanti le attività come le avevo previste e già concordate.

    La lezione che sto imparando - e ringrazio anche le risposte utili ricevute su questa forum - è che evidentemente devo ancora affilare le lame in questo senso, per far fronte anche ai clienti più “diffidenti” e imparare a collaborare anche con loro… oppure che li devo prevedere in anticipo ed evitare sin dall’inizio 😉


    kal 1 Risposta
  • User Attivo

    @Bandweb ha detto in Quesito sulla professione SEO e rapporto con il cliente:

    oppure che li devo prevedere in anticipo ed evitare sin dall’inizio

    Tutti (e ripeto: tutti) i professionisti di lungo corso che conosco, fanno esattamente così.

    Io compreso 🙂

    Ma non ti preoccupare che dopo un po' li annusi fin dal primissimo contatto.


  • User

    Ciao @Bandweb nella mia visione delle cose e dall'esperienza sul campo ti dico che in realtà la SEO o qualsiasi altra disciplina tecnica non c'entra nella questione.

    Si tratta di RELAZIONE.

    Si tratta di voler prendere o no un cliente proprio per la sua ineducazione, incapacità relazionale, inaffidabilità, incompetenza (incompetenza nelle relazioni intendo) e imprecisione (parlo dei pagamenti) già nell'incontro conoscitivo, molto prima di un contratto... diventare "bravo" in questa cosa massimizzerà i tuoi profitti al 1000% e farà di te un Professionista sempre apprezzato, competente e preparato.

    Non è mai il cliente che redige un piano d'azione, che conosce il modus operandi ed il dietro le quinte di una strategia. Il cliente ha chiamato te perchè lui non ha competenze per cui come può un cliente dare direttive ad uno specialista?

    Sta a te decidere se essere il braccio o la mente perchè un cliente che cerca un'operatore sotto dettato esiste anche e... sta a te decidere se prenderlo o no, ed essere il braccio.

    Ma tu sei Braccio o Mente?

    Quando dopo molti anni ho capito bene questo passaggio, cioè la selezione, ho davvero iniziato a fare business andando contro la paura "di perdere un cliente".

    Il cliente ipoteticamente perso non era un cliente perso, erano 10 clienti guadagnati! un pò come "la storia del portone" 😉