Dopo 16 anni di attività del Forum GT, oggi, da quello stesso forum, nasce una nuova Community: Connect.gt
Attualmente siamo in fase Alpha 0.1
SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ CLICCANDO QUI

Oppure Lascia un feedback, Segnala un bug, Suggerisci miglioramenti o Togliti un dubbio!
  • User Newbie

    Poesia-Preghiera potentissima per il ritorno del nostro amore

    Per il potere di S. Cipriano e delle 3 anime che lo affiancano (*** inteso come vigilano), _______________venga adesso in ( ***inteso come dentro di) me. Fa arrivare ______________a me strisciando, innamorato,pieno d?amore, di desiderio e fa chemi chieda perdono se mi ha mentito,fa che mi chieda in fidanzamento e dopo in matrimonio,il più rapidamente possibile. San Cipriano tu che hai il potere fa che dimentichi e lasci in un colpo soloqualunque moglie o donna che abbia in testa e si dichiari a me in modo che tutti lo sappiano. San Cipriano allontana da ________________ qualunque donnae che io possa averloin ogni momento da oggi e ora, che lui desideri stare al mio fianco, che abbia la sicurezza che io sia la donna perfetta per lui. Che _____________ non possa vivere senza di me e che ______________ abbia sempre la mia immagine nella sua mente. Ovunque esso sia e con chiunque il suo pensiero sarà per me. e Coricandosi mi dovrà sognare e al risveglio pensi a me, non dovrà mangiare ma pensare a me,dovràpensarmi in tutti i momenti della sua vita. Che mi possa mare veramente,sentire ilmio odore, toccarmi con amore, che ___________ voglia abbracciarmi,baciarmi,affiancarmi, proteggermi,amarmi 24 ore al giorno ogni giorno,in modo che anche io possa amarlo e che lui senta piacere anche solo sentendo lamia voce. San Cipriano fa che _____________ senta un desiderio di me fuori dal normale, come mai per nessun?altra persona sente e sentirà.Che voglia giacere solo con me e che abbia solo desiderio per me,che il suo corpo ppartenga solo ame eche abbia pace pace solo con me. Ti ringrazio San Cipriano per questo lavoro che farai per me e ti offro la divulgazione del tuo nome come ricompensa per aver addomesticato ___________ eaverlo fatto innamorare di me, facendolo diventare carino,fedele e pieno di desiderio per me?.

    Pregare per tre giorni e divulgare in tre posti diversi. Dovete avere fede!


  • Consiglio Direttivo

    Salve 001.

    Grazie per il contributo; sarebbe stato tuttavia utile sapere a quale San Cipriano rivolgere la preghiera, dato che abbiamo:

    • San Cipriano di Brescia, martire a Brescia con il fratello Savino, celebrato l'11 luglio;
    • San Cipriano di Cartagine (†258), vescovo e martire, santo delle Chiese cattolica, ortodossa e copta, celebrato il 16 settembre;
    • San Cipriano di Corinto (†258), martire a Corinto con Anetto, Crescente, Dionigi, Paolo e Quadrato, celebrato il 10 marzo;
    • San Cipriano (†484), vescovo e martire con Felice in Africa, celebrato il 12 ottobre;
    • San Cipriano di Antigny (V secolo), venerato ad Antigny, celebrato il 14 giugno;
    • San Cipriano di Tolone (†549), vescovo di Tolone, celebrato il 3 ottobre;
    • San Cipriano vescovo (†582), vescovo di Brescia, celebrato il 21 aprile;
    • San Cipriano di Genouillac (†586), abate, celebrato il 9 dicembre;
    • San Cipriano di Calamizzi (†1190), abate, celebrato il 20 novembre;
    • San Cipriano di Kiev (†1406), metropolita, celebrato dalle Chiese Ortodosse il 16 settembre;
    • San Cipriano di Sudzal (†1622), è conosciuto anche con l'epiteto stolto in Cristo, celebrato il 23 giugno;
    • Beato Cipriano Michele Iwene Tansi (†1964), religioso, celebrato il 20 gennaio

    E non sia mai che si sbagli il santo: va a finire che il nostro amore torna sì, ma da qualcun altro.

    Poscritto: agli innamorati che sono stati abbandonati auguro di ritrovare presto la serenità, l'equilibrio e la pace, prima ancora che l'amore – nuovo di pacca o usato sicuro che sia.

    Personalmente non credo nelle 'minestre riscaldate'; forse all'inizio possono avere una parvenza del vecchio sapore, ma dopo poco si rivelano per quello che sono: avanzi. Buoni per mettere insieme una cena di fretta in una sera di maltempo, ma non per nutrirsi in modo bilanciato, né per costruire un banchetto proiettato nel futuro.

    E poi, quando la persona avrà imparato a star bene da sola e avrà capito chi è e cosa vuole dalla vita, potrà ricominciare a cercare un/a compagno/a con una migliore consapevolezza e con più realistiche aspettative, standard e pretese.

    Quanto alle preghiere, la mia scala di priorità vede in testa quelli che stanno morendo o sono ammalati nel corpo, perché soffrano il meno possibile; poi gli affamati, gli assetati, gli schiavi e gli umiliati. Gli innamorati mollati sugli altari da fidanzati/e che ci hanno ripensato vengono molto, ma molto dopo.

    Pace e bene! :ciauz:


  • User Newbie

    @Leonov said:


    Ciao , ti quoto in tutto , la preghiera che ho postato , non so quanto possa essere vera , so solo che provare a recitarla non costa nulla ...
    Il Santo mi sembra che dovrebbe essere San Cipriano di Cartagine (†258), vescovo e martire, santo delle Chiese cattolica, ortodossa e copta, celebrato il 16 settembre;

    :wink3:


  • User Newbie

    [h=2]Preghiera per ritorno d'Amore[INDENT]preghiera potente, fa tornare lamore in 48 0re!! non credevo ma poi ho fatto e ha funzionato!! sono entrata in questo sito per offrirvi questa potentissima preghiera!! dite a voi stesse il nome del vostro amore tre volte! pensate a qualcosa che volete realizzare entro la prossima settimana e ripeti a te stesso sei volte!! se avete un desiderio ripetete a voi stesse!! ripetete queste parole
    Vieni a me Angelo della Luce, io ti invoco!
    Fa riemergere il mio amore (dire il nome), oggi lui mi chiamerà, più appassionato e pieno di amore! disperato! sentirà un immenso desiderio di me!
    Mio Angelo della Luce scava tutto ciò che impedisce il nostro rapporto: (dire il nome) tornerai da me!! (ripeti per sei volte!)
    Mio angelo della luce allontanala da tutti coloro che hanno contribuito alla nostra lontananza!
    Mio Angelo della Luce fa si che (dire il nome) pensi solo a me!
    (dire il nome) mi telefonerai entro 48 ore!
    Ti ringrazio mio Angelo della Luce!
    Ti ringrazio per il tuo potere infinito e misterioso che funziona sempre! Amen!
    (pubblica e invia questa preghiera tre volte!! in diversi siti!! e presto avrai una buona sorpresa! questa sera stessa! baci! allalba lamore tuo si renderà conto che ti ama!
    Succederà una magia! tutto accadrà tra 1 e 4 del mattino! sii pronto per un grande shock della tua vita!
    ps. se rompi questa catena avrà sfortuna in amore! pubblicala!)

    [/INDENT]


  • Super User

    Anch'io sono cattolica, ma queste sono le classiche catene che girano come messaggi sul cellulare... Se volete davvero fare della Fede la vostra vita, state vicino ai bisognosi, pregate e state vicino anche alle persone che vi detestano. Porgete l'altra guancia, insomma. Ringraziamo per la condivisione e vi auguriamo buon proseguimento nel GT.


  • User Attivo

    Santo, hai potere!... Entrami e squarciami
    se credi, ma che lui torni strisciando
    a me che l?amo: esigo il suo perdono.
    Santooo!!...Che me lo chieda lacrimante
    d?amore come un voto di compagno
    e di sposo. E questa volta non menta
    ché l?acceco se osa. Tu hai potere
    che lui lasci d?un colpo moglie o donna
    o altro cancro; giacché son io il suo cancro
    che l?ucciderà. Unica donna che
    ? lo sappia il mondo ? gli è al fianco: temibile
    ma sicurizzante di desiderio,
    terribile ad ogni ora ed attimo
    ma perfetta ? sono il suo respiro!
    Voglio che nella sua testa alligni
    l?immagine di me come di dea
    e dormendo sognarmi ed al risveglio
    pregarmi d?ingoiarmi come un?ostia.
    E sia il suo odore, gli occhi, i toccamenti?
    Santo, m?ascolti? E che lui mi protegga
    oltre che amarmi: sì, mi protegga... (ritrascrizione)

    Anche nella gazzarra delle parole, nel putiferio delle immagini si può ricavare un che di vagamente poetico. Consiglierei a moderatrice ed altri di proporre, ad esempio, un occhiello di giornale qualsiasi e farne una poesia. eu.ro


  • User Attivo

    Ti proporrei intanto un giochino: non so come si chiama, una sottospecie di sciarada (ma chiedilo a Leonov che sicuramente conosce "La settimana enigmistica")... LodoMondadori, respinto il ricorso Fininvest La Cassazione: "Deverisarcire la Cir"
    Loda uomo il mondo che adori!
    r****in
    cor
    rere fini altri investendo...
    Meglio càssati.
    O risali ****la ****china.


  • User Newbie

    Mia regina gira Maria Colomba Padhila regina dei 7 incroci, vi chiedo questo. Va dove è (nome della persona ) e rendilo a non riposare fino a quando non mi parli per i poteri della terra, la presenza del fuoco per l’ ispirazione dell’ aria per le virtù dell’ acqua. Invoco le beate 13 anime con la forza dei cuori sacri e le lacrime versate per amore di procedere per quanto riguarda ( nome della persona) in questo momento e portare il suo spirito a me che il tuo spirito bagni l’ essenza dell’ Amore e ridammi il doppio. Questo non sia mai che ( nome della persona) voglia un’ altra donna che lui abbia occhi solo per me, Salva gira Maria Colomba Padhila regina dei 7 incroci, ti chiedo questo: turni andando giri donna e si trasformi in mio favore, gira a mio favore per portare a me ( nome della persona) al più presto possibile e domando questo: L’ aria si muove, gira il fuoco, l’ acqua , la guarigione della terra e va in giro e la ruota gira e porterà da me ( nome della persona) al più presto possibile. Pazzo pazzo e molto innamorato questa volta sicuramente tornerà tra le mie braccia.
    Che ( nome della persona) ami solo me e mi farà molto felice sarà con me molto gentile e non guarderà altra donna all’ infuori di me. Che si senta molto buono , che io gli manchi e che venga da me chiedendo di non andarmene mai. Che ( nome della persona) si senta eccitato solo per me e non possa smettere di pensare a noi 2 insieme e che voglia uscire insieme noi 2 soli a meno che non sia nella mia casa. Cosi sia. Cosi sarà. Cosi è fatto. Salva 7 gonne salva le tue sorelle Maria Mulambo, Maria Padhila. Tremono tutti gli altri della Flangia. Salva 7 gonne mio buon amico la moglie di 7 Exus, difensore delle donne. Salva 7 gonne mia principessa buona e gloriosa so’ che la tua forza è il tuo potere ti prego ascolta la mia supplica e richiesta. Che ( nome della persona amata) non possa dormire se non è accanto a me che il suo corpo bruci di desiderio per me. Che ( nome della persona amata) è cieco ad altre donne e non puo’ vedere nessuna come donna se non me. Che nessuna donna abbia la sua attenzione, solo io ho questo potere.
    Che ( nome della persona amata) non potrà mai fare sesso con un’ altra donna. Questo gli succede se lui cerca di resistere al mio corpo e non puo’ nemmeno toccare chiunque. Che ( nome della persona amata) smetta di amare abbracciare e baciare un’ altra donna e presumo che io sia entrata nel suo cuore. Che sia pazzo solo per sentire la mia voce o guardare la mia immagine, pensi solo a me e che senta un desiderio per me fuori dal comune come le 7 Exus che seguono i miei passi. Ti prego e invoco che i legami di ( nome della persona amata) in 7 nodi della vostra gonna e le 7 campane del vostro abbigliamento siano solo per me. Sono grata per il lavoro che farete in mio favore…grazie per il favore che mi concederete. E divulgherò il tuo nome in cambio di tale richiesta per portare ( nome della persona amata) per me oggi e sempre per farlo diventare mio e che continui a pensare a me e mi guardi solo a me. Anche se ( nome della persona amata) resiste soffia il mio nome nella notte, nel suo orecchio al punto di farlo impazzire. Non riesca a smettere di pensare a me, non puo’ stare lontano da me per paura di perdermi.
    Che nasca come un serpente strisciante umile e mite, mi dirà sempre che vuole stare al mio fianco,e venga a vedermi senza indugio in casa mia, dormi e cosi andrà bene. la Profezia in Nome dello Spirito Padre, Figlio e Santo che ( nome della persona amata) mi verrà incontro correndo dietro a me pazzo e passionale, il più presto possibile e mi chiede di restare. Confido nelle forze della Falange della Colomba gira regina dei 7 incroci, e ogni volta che avrò letto questa preghiera sarà più forte…ed io pubblico questa preghiera, chiedo che venga accolta la mia richiesta di portare ( nome della persona amata) ai miei piedi. So’ che gli Spiriti della Falange del gira stanno già soffiando il mio nome nel suo giorno e notte all’ orecchio di ( nome della persona amata). Ora ( nome della persona amata) non possa mangiare bere o dormire se non con me. Confido nel potere dei 7 incroci e io continuerò a diffondere questa potente preghiera . Cosi è. Cosi sarà. Cosi è fatto! Oggi mi troverà (nome della persona amata) mi domanderà in matrimonio per i poteri della Spire dove regina me lo porterà pazzo per me e completamente pieno d’ Amore con moltissima paura di perdermi e quindi si senta pazzo di gelosia per me. Porterà ( nome della persona amata) per soddisfare tutti i miei bisogni… tutti i miei desideri solo per me perchè ha la lussuria e il desiderio e non vuole baciare altre bocche se non la mia. Si legherà ( nome della persona amata) a me, ho fiducia nei poteri della regina dei 7 incroci! e lo farà e cosi viene fatto egli è mio ed è legato sotto il mio piede sinistro. Grazie mia Regina!
    Recitare per 9 giorni e alla fine bisogna divulgarla in 7 posti diversi


  • Consiglio Direttivo

    D'accordo, lo ammetto, all'inizio era divertente.

    Sintassi approssimativa, logica sgangherata, messaggio lievemente inquietante ma tutto sommato innocuo, gli "underscore" della modulistica formale applicati agli incantesimi...

    Poteva essere un bel gioco.

    Però io qui vedo tanto livore; tanta rabbia; tanta aggressività. Una cattiveria cieca; una voglia di rivalsa e di dominazione davvero sgradevole. Soprattutto, un egocentrismo spietato.

    Mi chiedo: fate sul serio? Voglio capire, sono sinceramente interessato alla risposta.

    Insomma: se adesso aveste un grosso pulsante rosso davanti a voi, e premendolo tutto ciò che avete bisbigliato all'orecchio della Regina degli Otto Incroci (vigilessa? casellante? ministro dei trasporti?) accadesse per davvero, parola per parola, alla persona che vi ha lasciato, lo premereste?

    Sì? Davvero? Sicuri di aver letto con attenzione tutte le clausole del contratto stipulato con la Grande Madre Contessa Serbelloni–Mazzanti–Viendalmare — che il vostro grande amore tosto farà tornare?

    Quindi, vediamo se ho capito: preferireste riavere al vostro fianco qualcuno che con le vostre maledizioni da fattucchiera in saldo avete reso sofferente, angustiato, angariato, impotente, mediocre, inutile e poco più vitale di una muffa, invece di lasciarlo libero di andarsene per la sua strada, magari a farsi rovinare a sua volta la vita da qualcuno più bastardo di lui/lei?

    È davvero questo che volete?

    Se la risposta è sì, ok, perfetto: contenti voi...

    Occhio però: in questo Forum ci piacciono la tolleranza, il rispetto e l'idea che ognuno sia libero di fare ciò che vuole finché non danneggia gli altri — in quel caso viene garbatamente messo alla porta, e nessuno invocherà gli dei affinché torni da noi a fracassarci il puparuólo. Il livore, l'odio, la paura che gli altri possano essere felici senza di noi, le meschinità abiette e simili nefandezze le lasciamo all'ingresso, per favore.

    Un ulteriore surplus di maledizioni, soliloqui iettatori, anatemi egizi/inca/maya confezionati col traduttore automatico farà la stessa fine di tutto lo spam di cui ci liberiamo ogni giorno, né più né meno. L'avviso non sarà ripetuto.

    E adesso, la parola al maestro Stefano Benni, per una vera poesia sull'Amore. Una preghiera laica di cui raccomando la declamazione a tutti.

    Si intitola Io ti amo:

    Io ti amo
    e se non ti basta
    ruberò le stelle al cielo
    per farne ghirlanda
    e il cielo vuoto
    non si lamenterà di ciò che ha perso
    che la tua bellezza sola
    riempirà l'universo

    Io ti amo
    e se non ti basta
    vuoterò il mare
    e tutte le perle verrò a portare
    davanti a te
    e il mare non piangerà
    di questo sgarbo
    che onde a mille, e sirene
    non hanno l'incanto
    di un solo tuo sguardo

    Io ti amo
    e se non ti basta
    solleverò i vulcani
    e il loro fuoco metterò
    nelle tue mani, e sarà ghiaccio
    per il bruciare delle mie passioni

    Io ti amo
    e se non ti basta
    anche le nuvole catturerò
    e te le porterò domate
    e su te piover dovranno
    quando d'estate
    per il caldo non dormi
    E se non ti basta
    perché il tempo si fermi
    fermerò i pianeti in volo
    e se non ti basta
    vaffanculo.


  • User Attivo

    Posso mandare una mia ritrascrizione della poesia del Benni sopra/consigliata? Euro Roscini


  • Consiglio Direttivo

    Mais naturellement!

    Leggerla sarà un piacere. Come sempre.

    🙂


  • User Attivo

    (Ritrascrizione in quattro ottave della melassa poetica del Benni in ottava | decima | sesta | dodicesima strofa.)

    Io non ti amo ché amore
    preannuncia comunione
    e se con te fossi in comunione
    mi varrebbe
    come rubare al cielo stelle e farne
    ghirlande lamentose
    di cui l'universo
    vorrebbe riappropriarsi.

    Preferirei svuotare il mare che amarti!
    Né mi basterebbe se
    per non amarti dovessi
    pur privarmi di perle
    e delle sue mille
    sirene
    che l'incantano. Aaah...
    il mio sgarbo al suo sguardo!

    Magari sollevare vulcani
    che amarti: tu
    senza fuoco mentre
    il loro m'arderebbe
    le mani
    e ghiaccerebbe il mio
    cuore...
    No, non ti amo.

    Catturerò piuttosto
    tutte le nubi estive a me ubbidienti
    addosso riversandotele quando
    dormi d'inverno sognando
    i tuoi pianeti immobili.
    (E neppure mi basta...)
    Svegliandoti scoprirai – lo sai
    che son fuggito via da te con Dio!


  • Consiglio Direttivo

    La stucchevolezza di Benni si risollevava, per fortuna, nel guizzo finale: rozzo, ma efficace.

    Però la tua versione mi piace, Euro, e molto: ha una specie di forza tellurica e ancestrale, di orgoglio, che completa e perfeziona assai opportunamente il lavoro originale di cui è ritrascrizione (rielaborazione, rifacimento, rigenerazione maieutica), e fa passare un messaggio coerente che troppi innamorati soffocano invece di ammettere serenamente — in nome di chissà cosa, poi?

    Il mio plauso, con ammirazione. 🙂


  • User Attivo

    Grazie/non mi merito, sei sempre il 'letterato introspettivo/generoso' che mi ricordo; ma per me che vivo costantemente il mio 'alter/ego', questa trascrizione vale soltanto sdrammatizzazione: come andare al passo con altri facendone un po' la caricatura (sorta dunque di scimmiottatura al negativo). D'altra parte sempre più credo che ciò che è vero pathos non può essere narrato. Ciao. P.S. Ti ricordi la 'santa' nella Grande Bellezza? "Signora... la povertà si vive, non si racconta."


  • Consiglio Direttivo

    @euroroscini said:

    P.S. Ti ricordi la 'santa' nella Grande Bellezza? "Signora... la povertà si vive, non si racconta."

    Sì, la ricordo. Un elemento solo parzialmente contestualizzato di una composizione strana, imperfetta, forse lievemente incongrua, ma ciò non di meno potente.

    Forse non il miglior Sorrentino che abbia visto fino a qui (dovrei aver collezionato tutti i suoi lavori, la maggior parte consumati tramite il rito della visione canonica al cinema), ma di certo una pellicola che ha lasciato le sue tracce dentro di me.

    Concordo sull'idea che tutte le condizioni si vivano e non si raccontino, se non in modo fallimentare; a meno di non adottare un linguaggio puramente formale fatto di dati sperimentali e concatenazioni logiche, il residuo tra esperienza personale del mondo e comunicazione di quella è comunque non compensabile. Eppure proprio la nostra specie, unica in natura, ha trovato nel racconto — che un tempo era tutt'uno con la poesia; oggi forse un po' meno, ma su questo non saprei esprimermi compiutamente — la forma più efficace di condivisione delle esperienze, di veicolo di catarsi, di meccanismo di evocazione e di prototipo per scambio di briciole d'essenza. In tal senso, i linguaggi puramente formali, che pure sono avanti anni luce rispetto alle parole quando si tratta di fornire una rappresentazione di ciò che è, ancora annaspano e gattonano in una fase semi-pupale.

    Mi interrogo sul carattere inevitabile/paradossale di questo aspetto della cultura, e mi chiedo se non si possa sperare in una riconciliazione o in una risoluzione del conflitto, presto o tardi.

    :ciauz:


  • User Attivo

    Non mi riesce di collocare la mia risposta intera... Non capisco il motivo... Euro


  • Consiglio Direttivo

    Se la risposta era più lunga di 10,000 caratteri, il sistema potrebbe averla bloccata per limiti di estensione dei post.

    qualora tu abbia ancora il testo della replica, prova a segmentarlo in più parti. 😉


  • User Attivo

    Non entro, Leonov, nel tuo labirinto concettuale/linguistico (come in quello di qualsiasi altro) perché ho perso l'abitudine – in altri tempi era passione o accanimento – di comunicare per 'convincere' un po' o 'essere convinto' di più: quella/la mia era smania intrusiva, falsa dialettica, finiva solitamente in un bisticciato arrovellamento. Ora ascolto/vedo/sento, capitando per caso dove mi portano la testa e i piedi; e prendo/catturo piccoli segmenti, spunti di immagini e di parole, angoli minimi, finendo col divenire ombra, spettro istantaneo, onda volubile. Poi me ne vado. Senza drammi se non quello della 'solitudine' che mi resta, per altro accettabile.
    Ad esempio... Un *“elemento” *che suppongo fra altri “contestualizza**to” in certa “composizione” (penso alla sequenza del convivio che quasi chiude il film) è già di per sé parziale, implicitamente. In quel *“solo parzialmente contestualizzato” *ci colgo dunque un che di tautologico: mi si confondono le idee da subito e ti seguo con fatica (ovviamente per mia deficienza). L'intera sequenza del convivio poi (se è giusto che interpreti così la tua “composizione”) è per me sì “strana”, ma nel senso di stupefacente/affascinante; “imperfetta” tutt'altro ma perfettamente circolare – cioè compiuta e organica – come quadro o dipinto (“La grande bellezza” – film niente affatto narrativo – è una magistrale sequenza di pitture il cui ordine si può anche invertire come ad una mostra). E *“incongrua” *per niente, significando nell'insieme SIMBOLO – come marchio o stigma – di certa complessa/complessiva decadenza che s'è voluta rappresentare, tutto includendovi, particolarmente l''intellettualità di sinistra' del tempo che ora fermenta maleodorante nel gozzo dell'autore Sorrentino. E ancora: la “idea che tutte le condizioni si vivano e non si raccontino” non è mia... Perché in 'condizione' ci comprendo anche quella d'un personaggio di fiaba che, in quanto proprio 'condizione seppure virtuale', a sua volta 'mi condiziona'. La quale però per definizione non vivo. Infine: in “... ha trovato nel racconto... la f orma più efficace di condivisione delle esperienze... per scambio di briciole d'essenza.” vi trovo interessante – particolarmente – soltanto il ternario (ti ricordi della mia tridimensione?) racconto/esperienze/essenza. Per quanto... Io preferirei quest'ordine: 'essenza' come LOGOS | esperienza come ETHOS | racconto come PATHOS. Ciao.

    |


  • Consiglio Direttivo

    Trovo sempre sorprendente quanto inefficacemente riusciamo a comunicare noi due. 😄

    E sono ben lieto che dai nostri scambi non dipendano, per dirne una, le sorti di qualche grave diatriba tra nazioni; altrimenti il confine tra la pace e la guerra totale sarebbe così labile da lacerarsi ad ogni minima sollecitazione, degenerando in conflitto termonucleare.

    Dovremmo avvalerci dei servigi di ottime diplomazie. 🙂

    Non parlavo però del ruolo della Santa nella sequenza della cena, bensì di quella sequenza tutta nel bilancio dell'intero lungometraggio; imprecisione mia: ho sottostimato il livello di generalizzazione del mio enunciato rispetto al dettaglio che tu avevi evocato. E all'intero film mi riferivo definendolo "incongruo": accenni, sprazzi, parentesi, parvenze, quadri — sebbene carichi di guizzi folgoranti — con queste sequenze giustapposte che solo la grandezza visiva e (probabilmente, chissà) la concessione al regista di una sospensione del giudizio critico da parte mia mi hanno consentito di apprezzare, e molto.

    Recentemente ho ritrovato una tecnica analoga nel "Grand Budapest Hotel" di Wes Anderson, ma con efficacia e potenza cronicamente inferiori. C'erano mille dettagli squisiti, e scenette cucite tra loro con grazia sopra una trama tutto sommato lineare, ma niente di viscerale (al contrario del Sorrentino de "La Grande Bellezza").

    Non vorrei però passasse il messaggio che "La Grande Bellezza" mi abbia deluso o lasciato indifferente, quindi lo ribadisco: mi ha emozionato, stupito e sorpreso in quella maniera profonda e stimolante che è propria di tutti i film di Sorrentino; credo di preferire a questo lavoro altre opere precedenti, ma lì credo siamo sul mero gusto personale. Resta il fatto che per me il percorso artistico di Sorrentino è ancora tra i più interessanti in Italia, e ho intenzione di seguirne i passi ovunque mi porteranno, finché non mi stancherò di far parte del suo pubblico.

    :ciauz:


  • User Attivo

    Appunto, Leonov!... oltre ad “accenni, sprazzi, parentesi, parvenze” dici anche “quadri”: ciò che pensavo e t'ho detto anch'io del film complessivo. Eppure avevo capito... (meglio in un secondo momento – è vero – ripensandoci, ma il post di risposta te l'avevo già scritto): capito che il tuo “contestualizzato” oltrepassasse, come dire?... andasse oltre il “ruolo della Santa nella sequenza della cena”.

    Qui sta comunque la differenza fra la mia e la tua interpretazione: la sequela di quadri di cui è composto “l'intero lungometraggio” (il film non lo sottovaluterei a lungometraggio) è scomponibile in ciò che nelle illustrazioni della pittura, sfogliando libri d'arte, leggiamo spesso 'particolare del...'.

    Ad esempio la pantofola/ciabatta della Santa – le gambe stecchite di calza povera che le altalenano come ai bambini costretti a sedie troppo alte – finisce fatalmente di cadere e tonfa: m'è parso che aprisse in quell'attimo una voragine esistenziale. O quando stramazza il giapponese per un colpo di sole: il modo di camminare del funzionario che si dirige nero e obliquo verso il capannello di gente radunata, con passo largo/rassegnato/pacato, annoiato/deciso/sdrammatizzante... – in una espressione 'ufficialmente risolutivo'.

    Insomma, il film m'è parso una sapiente costruzione – una miriade – di piccoli quadri organici di sostanze/forme le più diverse, tutti dentro un film che ha un suo preciso filo narrativo. Dunque film perfettamente 'congruo' per me. Il filo, chiedi ironico? Il filo è reso stabile ed assonante dalla mia stessa predisposizione ad entrarvi nel modo che voglio: come ficcarmi dentro un museo, una biblioteca, un archivio... O sfogliare un dizionario per cercarvi parole. Ciao.