• Super User

    Consorte, l'Unipol, i DS e Fassino

    Questa la rivolgo principalmente al popolo di sinistrosi [me compreso] che pascola in questo ForumGT 😄 ;

    "***...abbiamo sostenuto il diritto di Unipol di fare l'opa su Bnl, ma quello che è emerso dietro quell'opa è sconcertante?

    • Lo è per le alleanze, l'illegalità, la contiguità con un mondo che con la sinistra non c'entra nulla.

    • Per questo, noi prendiamo le distanze da Consorte che ci ha ingannati: la magistratura darà il suo giudizio penale, ma ciò che è emerso è già sufficiente per dare un giudizio morale, che è di condanna totale.*** "

    Perchè Fassino & Company non hanno ancora affermato nulla di simile?

    Perchè, nonostante lo sgomento a sinistra sia al massimo, [e sinceramente le responsabilità reali veramente contenute] si insiste a tacere o a bofonchiare scialbe contumelie?

    Questa assunzione di responsabilità secondo mè è indispensabile, per dimostrare l'autonomia e la libertà del gruppo dirigente diessino, per dimostrare che è possibile per un partito autofinanziarsi in modo lecito e pulito, per dimostrare che si crede ancora nella politica e nell'economia pulite. :bho:


  • Super User

    Perchè probabilmente, purtroppo, gatta ci cova 😞


  • Super User

    Chiarificatore mi sembra l'intervento di Rutelli di ieri 18/01/06 dove ha affermato ad una platea di politici della margherita:

    ".... dopo la finanza cattolica e la finanza laica..... l'Italia è scampata alla finanza rossa...."

    E se lo dice lui che è stato il leader della sinistra sino a 6 mesi fa............
    ....... c'è sotto qualcosa di più di qualcosa.......


  • Super User

    Eheh
    Vi aspettavo al varco 😄

    Fassino poi, quelle cose [url=http://www.repubblica.it/2006/a/sezioni/economia/banche31/fassi/fassi.html]le ha dette l'8 gennaio, 3 giorni dopo.

    Sono emersi fatti sui quali non possiamo chiudere gli occhi: conti esteri, con depositi illeciti che poi sono stati condonati con lo scudo fiscale di Tremonti, consulenze equivoche, alleanze discutibili, commistione tra interessi privati e interessi societari. Non spetta a me pronunciarmi sul profilo giudiziario di questi comportamenti, ma alla magistratura. Mi auguro che Consorte dimostri l'assoluta liceità di tutto questo. Ma una cosa la voglio dire con chiarezza: non c'è dubbio che questi sono comportamenti del tutto estranei ai nostri valori e alla nostra storia.

    E' praticamente quanto auspicavo di leggere, senonchè qui nessuno postava ed ho ritenuto di lasciar cadere il discorso.

    La cosa appare ora chiara, come chiare appaiono distinzioni e responsabilità.

    Resta se vogliamo la marachella di aver atteso mesi per dire questo con chiarezza, ma dobbiamo conoscere bene gli aspetti di questa trappola.

    Se un partito vuole avere le condizioni per esprimere la sua politica ha bisogno di finanziamenti.
    Se si ottengono da qualcuno, pur nel più trasparente dei modi, poi da esso si dipende.

    Se il suo avversario politico è poi il più ricco del reame ed a lui bisogna pagare per avere spazi sui media... son cavoli amari.

    E l'indipendenza dei partiti, di tutti, è alla base di un sistema democratico.

    Un partito ha quindi la necessità, per pensare di sentirsi libero, di essere economicamente autosufficente.

    Farlo oggi significa fare i conti con questa economia e con questi filibustieri.

    Certo, le coop e l'Unipol hanno pari diritti di ogni altra azienda per effettuare operazioni commerciali e diviene quasi comprensibile l'impeto Diessino di difesa di questo concetto, comprensibile ma non tollerabile quando di fronte poi abbiamo personaggi come Consorte.

    Era dunque intollerabile quel ritardo.
    E bene ha fatto Fassino a prendere una esplicita posizione.

    Si tratta ora per quel partito [come per gli altri] di ottenere comunque fondi adeguati se si vuole considerare "libero", e farlo facendo i conti con questa gente e queste regole che conosciamo bene... e farlo senza sporcarsi.

    Una cosina da nulla insomma :ciauz:


  • Super User

    Ripeto qualcosa di più di qualcosa..... o di una "marachella"....

    Sulla legittimità di un soggetto economico (coop) di agire quale attore anche di scalate bancarie nessun problema.... l'importante è che lo faccia nel rispetto delle finalità proprie dello status di cooperativa e senza beneficiare delle agevolazioni fiscali tipiche delle cooperative.

    Sulla legittimità di un partito, una corrente o un parlamentare di intromettersi in una gara di quel genere per influenzare, premere, "consigliare"............. non ci siamo proprio.
    Se poi questo è fatto per attivare una rete di sostegno economico ad un soggetto politico........ direi che arriviamo allo scandalo 😮 😮 😮 !


  • Super User

    @i2m4y said:

    Se poi questo è fatto per attivare una rete di sostegno economico ad un soggetto politico........ direi che arriviamo allo scandalo 😮 😮 😮 !
    Fossimo negli States sarebbe tutto regolarmente autorizzato e previsto dalle leggi, siccome siamo in Italia e non credo che qualcuno voglia il sistema delle "lobby" anche da noi (non ditemi "guarda che ci sono gia' perche' e' comunque in misura mooolto minore"), o si dice apertamente:
    "Vogliamo avere una partecipazione attiva in una opa bancaria cosi' da poter avere un bel gruzzolo con cui pagare la campagna elettorale che sta per venire perche' siamo una sinistra povera che ci possiamo comprare solo una barca e nessun aereo..."
    O semplicemente non lo si fa, non esistono vie di fuga. IMHO 🙂


  • Super User

    Ma lo stesso D'Alema non era coinvolto in fatti simili nello scandalo di Banca 121 e la successiva vendita a Monte dei Paschi di Siena?


  • Super User

    Sulla legittimità di un partito, una corrente o un parlamentare di intromettersi in una gara di quel genere per influenzare, premere, "consigliare"............. non ci siamo proprio.

    Attento Paolo, la differenza sembra piccola ma è enorme; "consigliare" ed aggiungerei "informarsi" è più che lecito [e vale per tutti i rappresentanti politici, non solo per Fassino ovviamente 😄 ] intromettersi e premere no.

    Mi sembra che aldilà della propaganda, [che preferirei evitare] di questo si tratti.

    Se poi questo è fatto per attivare una rete di sostegno economico ad un soggetto politico........ direi che arriviamo allo scandalo
    Non è così Paolo 🙂
    I partiti politici, in uno Stato Democratico, devono poter avere sufficienti sostegni economici per poter esprimere le idee che rappresentano.
    E tanto più forte economicamente è l'avversario [e tanti più canali d'informazione controlla] tanti più mezzi dovrebbero questi avere [sia quelli di sinistra come quelli di destra].

    Pena il mettere in discussione il Sistema Democratico stesso.

    Ed i soggetti politici dove dovrebbero prenderli i sostegni economici adeguati secondo te?

    • non previsto, e limitare la loro attività al volantinaggio volontario.
    • finanziati da una o più Aziende.
    • mazzette da "benefattori ricchi e ricchissimi".
    • da Mosca o dagli USA.
    • dal soccorso rosso o nero.
    • tangenti celate in affari vari ed appalti.
    • aumentando i finanziamenti previsti imponendo nuove tasse ai cittadini.
    • interagendo con il mercato ed usando i normali canali economici nel rispetto delle leggi.

    La risposta mi sembra ovvia no ?

    E' poi evidente che se il rispetto delle leggi non ci fosse ... qualcuno dovrà poi essere perseguito... sia esso progressista o conservatore 😄

    Ma lo stesso D'Alema non era coinvolto in fatti simili nello scandalo di Banca 121 e la successiva vendita a Monte dei Paschi di Siena?
    Sinceramente, non ne ho mai sentito parlare.

    Ho seguito però un paio d'anni fà il caso Telecom Serbia.
    Chi lo ha seguito, [se ne parlò parecchio a suo tempo, come ora per l'Unipol 😄 ] ricorderà che tutto il gran polverone attorno a Prodi, Dini e Fassino, [che pure la Commissione d'inchiesta Bicamerale avevano messo su] cessò immediatamente appena arrivarono le documentazioni che provavano l'esistenza di una montatura-complotto organizzata da alcuni esponenti dei servizi segreti, uomini di Forza Italia e montata ad arte dal Giornale di Berlusconi.
    Esiste a riguardo almeno una inchiesta giudiziaria in corso, ma non se ne parla più ora.

    In altro thread ci si chiede se è o meno uno scandalo disinformativo la faccenda dell'ennesimo condono che Berlusconi avrebbe autoapplicato alle sue aziende.

    La questione quindi diventa: in che condizioni è attualmente la libertà d'informazione in Italia?

    C'è un organismo USA, paradossalmente si chiama Casa delle Libertà 😉 [freedom House] che ci ha regredito al 70° posto o giù di lì, dopo il Burundi insomma.
    Siamo il primo Stato Europeo del dopoguerra e dei regimi totalitari prebellici a finire in quella posizione.

    La libertà d'informazione, [e l'informazione stessa] nel nostro Belpaese è malata cari amici, e con essa viene messa sempre più in discussione la Democrazia stessa.

    Vorrei che questo vi preoccupasse tutti, conservatori o progressisti voi siate.

    Occorre, è urgente un profondo cambiamento, e strumenti efficenti di controllo.
    Occorre rimettere in piedi l'Italia, che ora è in ginocchio e non solo economicamente.

    E la fine delle leggi, regolamenti, condoni, abbuoni ad personam.

    Sinceramente dicevo, [e stranamente] di quella storia di D'Alema non ne ho mai sentito parlare.
    Parliamone. 😄


  • Super User

    @Andre@ said:

    C'è un organismo USA, paradossalmente si chiama Casa delle Libertà 😉 [freedom House] che ci ha regredito al 70° posto o giù di lì, dopo il Burundi insomma.
    Siamo il primo Stato Europeo del dopoguerra e dei regimi totalitari prebellici a finire in quella posizione.
    Sarà che sono lo scemo del villaggio, ma quelle dette da quella associazione, per me, sono al 100% stupidaggini... Poi ognuno è libero anche di crederci.

    Probabilmente sulla vicenda di D'Alema io ne so qualcosa perchè riguardava la Banca 121 (ex Banca del Salento, quindi dalle mie parti).

    Trovi un sacco di roba in giro per la rete [[url=http://www.google.it/search?hl=it&q=banca+121+d%27alema&btnG=Cerca&meta=]banca 121 d'alema], in pratica ci sono elementi che fanno intendere che fu D'Alema, allora Presidente del Consiglio, a far acquistare dalla Banca Monte dei Paschi di Siena la Banca 121, un bidone ricco di grane...

    Ci sono tanti episodi di cui non si parla. La cosa che mi infastidisce è quando si vuol lasciar intendere che a sinistra sono tutte brave persone ricche di buoni intenti.

    Siamo intellettualmente onesti ;), i ladri e le brave persone ci sono ovunque, equamente ripartiti.

    :ciauz:


  • Super User

    Sarà che sono lo scemo del villaggio, ma quelle dette da quella associazione, per me, sono al 100% stupidaggini... Poi ognuno è libero anche di crederci. No no Claudio, non occorre essere gli scemi del villaggio, basta documentarsi un attimo per comprendere che non si tratta purtroppo di stupidaggini 😞

    La notizia è stata riportata dal Corriere della sera che pubblica un articolo sulle libertà di stampa nel mondo: " … Come si chiude il 2005 dal punto di vista della libertà di stampa? Osservando le classifiche di due organizzazioni come la [url=http://www.freedomhouse.org/] Freedom House (FH) e Reporter senza frontiere (Rsf) dalla quale risultiamo 77, dopo Botswana e Bulgaria per intenderci.

    Ti riporto quella lista ;
    1 Finland
    1 Islanda
    1 Sweden
    4 Denmark
    4 Norway
    6 Belgium
    6 Luxembourg
    6 Olanda
    6 Switzerland
    10 New Zealand
    ..
    24 United States
    ..
    30 United Kingdom
    ..
    37 France
    ..
    71 Benin
    71 Botswana
    71 East Timor
    71 Fiji
    71 Solomon Islands
    76 Cape Verde
    77 Bolivia
    77 Bulgaria
    77 Italy
    77 Mongolia
    77 Philippines
    82 Croatia
    82 Senegal
    82 Tonga
    ..
    191 Cuba
    191 Turkmenistan
    194 North Korea

    La Freedom House non si limita a presentare la lista ma la motiva dettagliatamente, spiegando i motivi per i quali l'informazione in Italia viene considerata a quel livello.

    Credo sia un serio problema questo ed ancor più serio che giovani in gamba come te non lo avvertano come tale.

    Sul caso D'Alema ho letto un pò i link che mi hai postato, sono articoli presi dal Foglio, dal Giornale e così via che non condividono in modo duro e deciso azioni di D'alema .
    Sono carichi di "si dice" e "pare".

    "D'Alema e la Banca 121" Il parere di Tommaso Francavilla (08/01). Occorre una straordinaria dotazione di faccia tosta, da parte dei diessini leccesi

    Banca 121, lunga precisazione dell'On. D'Alema lettera a Il Foglio ... D’Alema,
    tanto è vero che la suddetta banca è stata acquistata dal Monte dei Paschi
    Nessuna accusa documentata reale.
    D'altra parte, se documentazioni reali esistessero veramente, sappiamo bene che sarebbero andati giustamente a consegnarle da tempo alla Magistratura che avrebbe aperto immediatamente fascicoli, cosa che non è avvenuta.

    Anche questo caro Claudio è un pezzo di quella libertà d'informazione che viene ogni giorno calpestata.

    Il Presidente del Consiglio che possiede una dozzina di quotidiani ed il controllo di tutte le TV e le usa per far partire campagne contro l'opposizione, sia della minoranza sia del suo stesso gruppo.

    E' questo uno scenario da sud America, da Repubblica delle banane.

    Vedi, io ho scritto tante volte che pur avendo la mia di idee, considero le varie ideologie dei vari partiti ognuna con pari dignità ed ognuna potenzialmente capace di poter dare un suo contributo per il bene del Paese.
    Non mi sembra di aver mai scritto e voluto far intendere che a sinistra sono tutte brave persone ricche di buoni intenti. Mi dispiace se ho lasciato intendere questo e mi scuso se ti ha questo infastidito.

    Credo di essere, o almeno mi sento intellettualmente onesto , e ho più volte scritto di pensare che i ladri e le brave persone ci sono ovunque, equamente ripartiti nei vari schieramenti politici.

    Altra cosa invece è dichiararsi pro o contro la disonestà.

    L'Italia vive un'anomalia mostruosa; complice una particolare situazione storica, una Azienda travestitasi da vessillo dei Conservatori ha preso il controllo del Paese ed invece di governarlo fa affari sulla pelle dei cittadini guardando esclusivamente il proprio bilancio aziendale.

    Ho il massimo rispetto per i Conservatori di questo Paese; persone validissime come Montezemolo, Monti, Della Valle, Follini sono certo che saprebbero governare l'Italia ottimamente.

    Ma il Berlusca non è una partito, non ha idee e non è nè conservatore nè liberale; è solo il boss di una Azienda che ha preso in mano le redini del Paese per una bizzarria del destino e sta facendo marketing per essa Azienda sulle spalle degli italiani.

    Lungi da me quindi considerare bravi a priori i Fassino o i Prodi invece dei Fini, Tabacci o Alemanno e se D'Alema ha fatto porcate che sia giudicato e nel caso messo in galera.

    Vorrei solo un'Italia normale, governata da uomini politici* normali* che abbiano avuto il consenso da una maggioranza di cittadini
    perchè hanno creduto nelle loro idee e non perchè sono stati imboniti da furbi e furbetti con operazioni da Mago Otelma, e che governando applichino quelle idee, e con rispetto e tolleranza per quella parte di italiani che invece ne aveva altre di idee.

    Questo vorrei. :bho:


  • Super User

    @"[email protected]" said:

    [quote] Se poi questo è fatto per attivare una rete di sostegno economico ad un soggetto politico........ direi che arriviamo allo scandalo
    Non è così Paolo 🙂
    I partiti politici, in uno Stato Democratico, devono poter avere sufficienti sostegni economici per poter esprimere le idee che rappresentano.
    E tanto più forte economicamente è l'avversario [e tanti più canali d'informazione controlla] tanti più mezzi dovrebbero questi avere [sia quelli di sinistra come quelli di destra].

    Ciao Andrea.

    Il vigente sistema consente donazioni di qualsiasi importo ai partiti politici. Addirittura, entro certi limiti, le stesse donazioni sono deducibili sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche eroganti.

    Visto che dunque esiste un sistema lecito ed alla luce del sole per essere finanziati perchè avrebbero tentato di "consigliare" (termine semplificatorio e riassuntivo, non me ne volere) la cessione di pacchetti azionari?!?!?!?!!!

    Semplicemente, come ha detto Rutelli, per creare un serbatoio nascosto da cui attingere (finanza rossa)............. e non dover rendicontare nulla a nessuno.

    Non mi pare lecito....... e mi pare immorale farlo anche solo tramite consigli (questa volta il termine è usato per il suo significato).

    PS logicamente questo vale per destra, sinistra, sopra, sotto ecc.

    Paolo.


  • Super User

    Il vigente sistema consente donazioni di qualsiasi importo ai partiti politici. Addirittura, entro certi limiti, le stesse donazioni sono deducibili sia per le persone fisiche che per le persone giuridiche eroganti.

    Visto che dunque esiste un sistema lecito ed alla luce del sole per essere finanziati perchè avrebbero tentato di "consigliare" .../...la cessione di pacchetti azionari?!?!?!?!!!

    Abbiamo postato assieme 😄

    Commentare questa tua nota mi permette di completare il mio post precedente.

    Certo, il vigente sistema lo consente, ma non mi piace questa [a me personalmente s'intende] perchè chi ti dà paccate di soldi, anche se in regola, poi diviene un peso condizionante. E non necessariamente un peso corruttivo, ma è evidente che se poi la prossima volta quei soldi non li dà perchè ... ha cambiato umore, [o non è stato contento della politica si quel partito]... poi come faranno quei partiti?

    Quindi non v'è dubbio che i partiti debbano far quadrare i propri bilanci *anche * interagendo con il mercato ed usando i normali canali economici nel rispetto delle leggi.

    E se poi qualcuno le leggi non le rispetta... ma vedo che siamo d'accordo qui

    Un'ultima cosa; Rutelli non ha mica detto così, forse va riletto 😄 .
    :ciauz:


  • Super User

    @Andre@ said:

    Sul caso D'Alema ho letto un pò i link che mi hai postato, sono articoli presi dal Foglio, dal Giornale e così via che non condividono in modo duro e deciso azioni di D'alema .
    Sono carichi di "si dice" e "pare".

    Vedi, è proprio questo genere di affermazione che mi dissuade dal discutere di Argomenti caldi, e in effetti anche perchè non ho troppo, anzi non ne ho affatto, tempo libero in questo periodo eviterò di replicare ulteriormente. 🙂

    Io ho postato una serp di google, che tutti possono vedere e che contiene anche link a siti che difendono D'Alema, o di consumatori truffati da quella banca e non come lasci intendere solo a siti di parte.

    Aggiungo che Berlusca non è certo il mio idolo e che se D'Alema ha fatto qualcosa, l'ha fatto per portare vantaggio non tanto a se e ai suoi amici, ma al Salento dove io vivo e lui è nato. Questo per dire che mi sforzo di vedere le cose in maniera imparziale, e non a convenienza.

    Abbandono questo topic per dedicarmi ad argomenti a me più consoni.

    Ciao :ciauz:


  • Super User

    Vedi, è proprio questo genere di affermazione che mi dissuade dal discutere di Argomenti caldi...

    Sorry Claudio, in effetti in quel punto mi sono espresso davvero male. Solo leggendo l'insieme dei miei post si potrebbe evitare l'equivoco che quel mio passaggio genera.

    Cercando di rimediare:
    Credo che, come ho scritto, uomini politici rispettabili di entrambi gli schieramenti [e le loro variegate sfumature] ricevano un mandato dai cittadini ad esprimere particolari idee, fedi e convinzioni, una* linea politica* insomma.

    Se un D'Alema o un Fini ci verranno a proporre due differenti soluzioni per un problema, che ambedue si pongano l'obiettivo del bene del Paese, ma di ottenerlo per due vie diverse, dovranno avere entrambe la nostra stima e rispetto, anche se delle due ne preferiremo solo una.

    Ma a chi non piace l'altra idea, potrà succedere nell'impeto di contestarla, di mettere in discussione chi la esprime.
    Questo è sempre un passaggio pericoloso per la democrazia stessa, dovesse divenire sistematico.

    Se io e te abbiamo idee differenti sul valore del PR, sarebbe stupido se ti impedissi di esprimere le tue idee accusandoti di avere la forfora, o peggio, perche mangi troppi fagioli 🙂 .

    Casini ha un concetto della Famiglia differente da quello di Pecoraro Scanio.
    Credo che entrambi possano essere considerati dignitosi e rispettabili anche se io ho i miei di concetti ed ognuno i propri.

    Ma sarebbe un attacco alla democrazia se si tentasse di mettere in discussione il concetto di Casini accusandolo di essere separato dalla prima moglie.

    O accusare Fini di essere un discendente dei fascisti per impedirgli di proporre la sua particolare posizione sulla tossicodipendenza e le droghe in genere, condivisibile o meno ma rispettabilissima ed espressione del pensiero di una fascia di cittadini.

    Se vogliamo discutere di idee e progetti, dobbiamo quindi imparare a discutere quelli e non le abitudini ed il passato di chi li esprime.

    Poi certo, si auspica che chi li esprima abbia una sua moralità e rettitudine, e dovessero queste cadere per vari motivi, si auspica che l'uomo politico in questione sappia tirarsi indietro e dare spazio ad altri, come spesso è avvenuto, per** continuare a portare avanti quell'idea.** che dovrà ovviamente essere portata comunque avanti.
    Discutere quindi le idee, non gli uomini.

    In effetti dunque, Conservatori e Progressisti [e le loro varie sfumature] sono portatori entrambi di idee e valori espressione di fasce di cittadini e guai se non vi fosse pieno rispetto per ognuna di esse.

    Ma sappiamo bene che entrambi sono portatori anche di degenerazioni, vizi e pecche.
    Da sinistroso quale mi considero, conosco molto bene le assurdità ed i limiti di questo schieramento e delle variegate sue componenti, ed alcuni di essi 😄 sono espressi anche in questo bel Forum Società Civile.

    Sta a noi discuterli, comprenderli e contenerli.
    Questo credo sia il nostro compito civico di cittadini; pretendere che chi esprime le nostre idee e deleghiamo per fare questo, lo faccia nel migliore dei modi.
    E cacciarli se non lo fanno o fanno altro.

    Ho descritto un bel quadretto, dove Fini e D'Alema, Casini e Pegoraro Scanio appaiono personaggi diversi ma positivi, e questo penso.
    Anche se si dovesse scoprire che hanno la forfora 🙂

    Ma, once upon a time, in una notte buia e tempestosa del 1988 [o giù dilì], tale Gorbaciov optò per perestroika e glasnost; questo sconvolse letteralmente il Mondo, rivoluzionò gli equilibri, fece implodere l'URSS e, tra l'altro, scoppiare tangentopoli in Italia.

    Il sistema politico italiano tenuto dal centrosinistra e prima di tutto dalla Democrazia Cristiana [alla quale và riconosciuto il grande merito di aver garantito la democrazia per 50 anni] crollò, schiacciato da quegli aspetti corruttivi sopportati per anni a causa del fattore K [la paura dei rossi] ed ormai cessato.

    Nel vuoto di rappresentanza politica creatosi tra i Conservatori apparve scese in campo] Berlusconi.

    Era lui uno degli affaristi del vecchio sistema ed era legato alle varie vicende oscure che avevano costellato il periodo del rampantismo.

    Fin dagli anni 80, in stretta relazione con i politici di allora ed anzi sostenuto e spinto da essi, da costruttore edile era sfociato nei media, considerato ganglo vitale nascente della comunicazione e del marketing politico.

    Come recitano gli atti di alcuni processi non del tutto conclusi, Berlusconi investì alcune camionate di soldi della mafia, corruppe giudici, truffò imprenditori e [tra l'altro] si impossessò di Rete 4, Italia1, Panorama, alcuni quotidiani e tanto tanto altro ancora.

    E subito i politici gli confezionarono leggi [Mammì] su misura per consentirgli lo scempio, certi di poterlo controllare e di avere in mano loro quello strumento, ignari della perestroika, e quindi tangentopoli in arrivo.

    Nel 1992, a tangentopoli scoppiata, i giudici bussarono a molte porte ed anche alla sua.
    La sua situazione era fortemente compromessa e non aveva più l'appoggio degli uomini politici di un tempo tutti oramai crollati prima di lui.

    Tra l'altro anche la sua situazione finanziaria era al collasso, con una esposizione bancaria di oltre 4 mila miliardi e le banche che minacciavano il fallimento.

    Ma aveva il controllo dei media e quindi del marketing politico e sapeva come fare ad usarlo, e scese in campo.

    Inventò e creò in pochi mesi e da zero Forza Italia, mettendogli il cappello dei Conservatori certo di intercettare quegli elettori orfani del vecchio sistema e vi riuscì, con i sistemi da Mago Otelma che tutti conosciamo, lì tutti sotto i nostri occhi, a volte sbigottiti, portando alle stelle i bilanci delle proprie Aziende ed alla disperazione quelli delle altre e dei cittadini.

    E da allora non siamo più riusciti a liberarci dell'anomalia tutta italiana di un'Azienda al Governo, sempre più padrona di tutto e di tutti e che, ovviamente, solo di se stessa cura gli interessi.

    Un'anomalia in quanto non si può discutere* l'idea* o la proposta politica perchè non ve ne sono [sappiamo l'abilità dell'uomo in questione di cambiare in zero attimi le sue posizioni, tipiche di un uomo di marketing].
    Non ci sono qui Liberismo, Fordismo o Capitalismo da discutere, applicare o mediare, ma si è costretti in questo caso a scendere a parlare degli interessi personali dell'Uomo o se preferiamo dell'Azienda in quanto pronti entrambi a manipolare i concetti del Liberismo in funzione esclusivamente dei propri interessi aziendali e personali.
    E non a caso i più arrabbiati appaiono proprio i Della Valle ed i Montezemolo, come a suo tempo lo fu il caro Montanelli, e poi la Magistratura e poi la Confindustria e così via. [Conoscete un solo apparato che non abbia rapporti di affari con l'Azienda che non lo sia?]

    Scusatemi lo sfogo.
    Ma non cessa di sconvolgermi questa vicenda. 😞

    Quindi caro Claudio, ho una mia convinzione politica ma rispetto profondamente [e stimo] quella opposta e non sarei minimamente preoccupato se i cittadini decidessero di consegnare l'Italia nelle mani di uno dei tanti validissimi Conservatori di questo Paese.

    Ma per favore, facciamo cessare al più presto questa malattia, questo ipocrita scempio.


  • Super User

    Bella favola.

    Ora vado a letto... 😉

    Domani me ne racconti un'altra?

    😄


  • Super User

    Domani me ne racconti un'altra?

    Volentieri 😉


  • Super User

    Andrea ho preso il primissimo link che ho trovato in GG news (non so se sia un sito schierato che travisa ma sembrerebbe aver riportato parole testuali viste le virgolette):

    http://www.quaderniradicali.it/agenzia/index.php?op=read&nid=6359

    Mi sembre che abbia proprio parlato di finanza rossa....

    .... e mi sembre che l'unica interpretazione possibile di quel termine sia appunto quella di "rete economica sotterranea di supporto alla politica" (IMHO).

    Dunque qualcosa che aggira le regole vigenti e disponibili per il finanziamento dei partiti.

    ...Possibile che anni di scandali economico-politici non abbiano insegnato nulla?!?!?

    Il nostro sistema giuridico non prevede queste forme sotterranee.... tutti dovrebbero adeguarsi e rispettarlo.

    Paolo.


  • Super User

    Caro Paolo,
    ero convinto di aver fatto un discorso [e lanciato un messaggio] ben diverso, ma se arriva a suscitare questa tua considerazione, devo purtroppo prendere atto di non essere riuscito a spiegarmi affatto.

    E non saprei cosa altro aggiungere 😞


  • Super User

    @Andre@ said:

    Domani me ne racconti un'altra?

    Volentieri 😉

    Ottima risposta... 😄


  • Super User

    Caro Andrea ho capito benissimo e condivido tutte le altre argomentazioni.

    Ho solo sottolineato quella che di tutto ciò è la mia preoccupazione prevalente e siccome mi hai scritto che Rutelli non aveva detto ciò.......
    ...... ma forse sono io che ho inteso male la tua affermazione.... non volermene 🙂 .

    Paolo.