Dopo 16 anni di attività del Forum GT, oggi, da quello stesso forum, nasce una nuova Community: Connect.gt
Attualmente siamo in fase Alpha 0.1
SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ CLICCANDO QUI

Oppure Lascia un feedback, Segnala un bug, Suggerisci miglioramenti o Togliti un dubbio!
  • Admin

    PRIVACY: Cosa è veramente il consenso? Non ci sono più margini di interpretazione!

    Ciao a tutti amici del forum.

    Direi che qui la pacchia è finita per i furbetti, furbotti e avvocatucci.

    Al punto 85 e 86 si pone fine alle inutili interpretazioni di chi voleva giustificare l'acquisizione di dati in modo non proprio corretto. Certo gli esempi del primo documento GDPR erano già chiari, ma se ovviamente lasci alla libera interpretazione alla fine ti trovi nella situazione attuale. Dove ognuno fa come vuole e dove vincono sempre i furbetti.

    https://edpb.europa.eu/sites/edpb/files/files/file1/edpb_guidelines_202005_consent_en.pdf

    Chi è ligio al dovere e rispettoso degli utenti negli anni passati si è sempre trovato pareri opposti da parte di avvocati, garanti e altri soggetti coinvolti. Ora attendiamo appunto come ogni stato si comporterà, ma la strada mi sembra chiara. Ci sarà poco da interpretare.

    Personalmente credo sia un bene. Un grande bene. Chi ha sempre operato con sincerità non dovrà temere nulla. I furbetti invece se continueranno a fare i furbetti pagheranno.

    Una buona notizia insomma sebbene sarà un'ulteriore mazzata per il mondo pubblicitario che per forza di cose dovrà rivedere le sue metriche, ma anche questo in MEGLIO. Ad oggi le logiche pubblicitarie sono purtroppo legate ad assunti e paradigmi vecchi e vetusti e spesso inattuabili nella realtà dei fatti.


    R 1 Risposta
  • Community Manager

    @Juanin said:

    Al punto 85 e 86 si pone fine alle inutili interpretazioni di chi voleva giustificare l'acquisizione di dati in modo non proprio corretto. Certo gli esempi del primo documento GDPR erano già chiari, ma se ovviamente lasci alla libera interpretazione alla fine ti trovi nella situazione attuale. Dove ognuno fa come vuole e dove vincono sempre i furbetti.

    Interessanti e molto chiari gli esempi:

    85

    Example 15: Swiping a bar on a screen, waiving in front of a smart camera, turning a smartphone around clockwise, or in a figure eight motion may be options to indicate agreement, as long as clear information is provided, and it is clear that the motion in question signifies agreement to a specific request (e.g. if you swipe this bar to the left, you agree to the use of information X for purpose Y. Repeat the motion to confirm.”). The controller must be able to demonstrate that consent was obtained this way and data subjects must be able to withdraw consent as easily as it was given.

    86

    Example 16: Based on recital 32, actions such as scrolling or swiping through a webpage or similar user activity will not under any circumstances satisfy the requirement of a clear and affirmative action: such actions may be difficult to distinguish from other activity or interaction by a user and therefore determining that an unambiguous consent has been obtained will also not be possible. Furthermore, in such a case, it will be difficult to provide a way for the user to withdraw consent in a manner that is as easy as granting it.

    C'è da fare pochi i furbi..

    Grazie Pernix!


  • User

    Ciao e grazie per la condivisione... documento "importante" che approfondirò.
    Ad ogni modo l'esempio 86 che viene evidenziato non lascia spazio a dubbi.

    Io però - che non sono un avvocato, ma che sto approfondendo abbastanza la tematica - ho una perplessità quando parli di "pacchia finita per i furbetti".

    Perchè furbetti?
    Interpretare lo scroll come consenso non è qualcosa che si è inventato qualcuno a caso.
    Per quelle che sono le mie informazioni, questa pratica era formalmente valida, dal momento che lo stesso garante della privacy la prevedeva

    garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/4006878 (mannaggia, sono troppo "giovane" qui sul forum e non posso mettere link)

    Qui, in particolare al punto 5 si dice che
    "Al riguardo, si rappresenta che soluzioni per l'acquisizione del consenso basate su "scroll", ovvero sulla prosecuzione della navigazione all'interno della medesima pagina web, da molti prospettate e in effetti particolarmente rilevanti nel caso di dispositivi mobili, sono considerate in linea con i requisiti di legge, qualora queste siano chiaramente indicate nell'informativa e siano in grado di generare un evento, registrabile e documentabile presso il server del gestore del sito (prima parte), che possa essere qualificato come azione positiva dell'utente."

    Ho saputo poi da iubenda (mi piace sempre citare la fonte) che "secondo Regno Unito, Germania e Francia, il consenso ai cookie mediante proseguimento della navigazione non è più valido". Questa informazione mi è stata data il 15 aprile 2020, ed evidentemente dal 4 maggio questa cosa è diventata ufficiale in tutta Europa.

    Evidentemente quindi quello che ho spiegato qui non è più valido

    Anche se, tutto sommato, non mi sembrava così campato in aria.
    Ce ne faremo una ragione. 🙂


  • User

    Bene : si spera che ciò porti a pubblicità di alta qualità e consenso dei dati e la conservazione di essi messi in sicurezza.


  • Admin

    @omarventuri said:

    Perchè furbetti?

    Perché il Garante è tra questi furbetti (magari sottoposto a pressioni importanti) perché è stato il fulcro della nascita del dubbio in modo ancora più palese.
    Già le prime linee guida europee non lasciavano dubbi sul fatto che scroll o altro non potessero essere consenso. Ma ovviamente ogni stato ha fatto a modo suo e da questo punto di vista certo: per il garante italiano siamo in regola, ma un po' come il lockdown non sei mai proprio sicuro di quello che puoi e non puoi fare. Insomma anche il garante ha dato chiarimenti spesso controversi e incoerenti alimentando ancora di più il dubbio e l'incertezza.

    E di solito nell'incertezza ci guadagnano i furbetti. E' il mondo che va così purtroppo.

    Se andiamo a prendere l'inizale documento infatti l'opinione relativa al consenso del WP non è data prescindendo da aspetti normativi, ma è riconducibile al GDPR (provvedimento iniziale)

    Quest'ultimo, al considerando 32, prevede che

    "Il consenso dovrebbe essere espresso mediante un atto positivo inequivocabile con il quale l'interessato manifesta l'intenzione libera, specifica, informata e inequivocabile di accettare il trattamento dei dati personali (...) Se il consenso dell'interessato è richiesto attraverso mezzi elettronici, la richiesta deve essere chiara, concisa e non interferire immotivatamente con il servizio per il quale il consenso è espresso"

    A tal riguardo, si pensi come l'ICO - il Garante UK - abbia chiarito nelle

    "GDPR consent guidance" come " Implied consent which is inferred from someone’s actions cannot be explicit consent, however obvious it might be that they consent. Explicit consent must be expressly confirmed in words".

    Tale impostazione è condivisa anche a livello internazionale. Krog, ad esempio, ritiene che

    "the requirement for explicit consent means that consent that is inferred will not meet the requirement of GDPR Articles 9.2 (a) and 49.1 (a)" (cfr. Georg Philip Krog, in "Consent, its modalities, dynamics and record-keeping", 31 may 2017).

    Quindi affermare che uno scrolling sia un atto di consenso "inequivolcabile" mi pare eccessivo. E dunque anche assurdo il parere del garante italiano.

    Inoltre il provvedimento dell'Autorità Garante, che linki, basato sulla precedente normativa, propone una soluzione in contrasto con un Regolamento.

    A tal riguardo va ricordato che ogni normativa e/o ogni provvedimento in contrasto con il GDPR dovrebbe essere considerato inefficace.

    My 2 cents.


  • User Attivo

    Quindi l'utente deve essere bloccato nella navigazione e fatto passare solo se approva con bottone? O comunque se vuole proseguire deve mantenere il popup privacy nello schermo senza che gli vengano inviati cookies?


  • Admin

    @Salvino said:

    Quindi l'utente deve essere bloccato nella navigazione e fatto passare solo se approva con bottone?

    Dice esattamente l'opposto. I WALL non sono considerati libera espressione di consenso perché bloccano la fruizione.

    @Salvino said:

    O comunque se vuole proseguire deve mantenere il popup privacy nello schermo senza che gli vengano inviati cookies?

    Probailmente si, se vuoi rompergli le balle per il consenso. Altrimenti gli permetti di specificare che tipi di informazioni personali vuoi che ti dia con delle spunte e poi togli il banner.

    Se il sito può funzionare anche senza profilazione non c'è necessità di mostrare il banner.


  • User Attivo

    Molto interessante non sapevo, grazie, approfondirò.


  • Moderatore

    Ciao
    io per semplificarmi la vita non ho messo Cookie di profilazione sui miei siti, vedo che Iubenda funziona già come dici.

    P.s.
    La cosa buffa è che entrando in Google e cercando "Pizzeria" in anonimo mi localizza con precisione. Bing invece no. Che ci sia da rettificare qualcosa nei dati che raccoglie?


  • Admin

    Beh dipende cosa hai impostato tu nelle tue preferenza su Google.


  • User

    Ciao ragazzi.

    Il tutto era ampiamente chiaro da prima. Già la stesura del regolamento ue 206/679 indicava che l'accettazione deve essere esplicita, vuol dire che il soggetto deve compiere un'azione a lui chiara e deve essere consapevole di quello che fa.
    I cookie analitici, marketing e profilazione (lo metto così è più chiaro) devono rimanere bloccati fino a quando l'utente non li accetti, eseguendo un'azione esplicita (click su "accetta") o anche sulla x se sul banner è scritto che facendolo equivale ad accetarli.
    Questo significa che:
    Non devono comparire tutti quegli elementi che installano cookie:
    Google analytics non anonimizzato,
    Youtube senza il nocookie,
    Google Maps,
    Banner adsense,
    Banner di altri canali per la monetizzazione, eccetera.

    Fanno eccezione i link di affiliazione per i quali però va specificata la presenza nella privacy policy.

    Altro punto: se si adottano banner per i cookie con la possibilità di spuntare il tipo di cookie a cui si acconsente, tranne la casella dei cookie tecnici, tutte le altre non devono essere spuntate a priori.

    Capitolo form contatti: li va una checkbox che informa l'utente di cosa si farà con i suoi dati (una sorta di informativa breve) e deve essere presente il link alla privacy policy.

    Ma queste sono tutte cose già previste dal regolamento ue, solo che, a cominciare da alcuni grandi giornali, non mi sembra affatto che siano state rispettate.

    La ragione è ovvia... C'è un calo di guadagni fino al 90%.

    Ah e ovviamente... i cookie devono essere bloccati per davvero.

    Se sbaglio qualcosa ditemelo.


  • Admin

    Ciao Flavio è esattamente quello che si è detto sopra.


  • User

    Dare il consenso con lo scrolling della pagina web non lo definirei da furbetti.. visto che è stato accettato e utilizzato (come opzione) da Iubenda che ha contatti diretti con il garante della privacy italiano.
    Se vogliamo parlare di veri furbetti, sarebbe meglio parlare delle telefonate moleste, e del fatto che 80% dei siti italiani non ha adempito in modo completo (certi hanno fatto praticamente 0) sul proprio sito.

    Se vogliamo parlare invece di come queste attività di privacy, se pur giuste per proteggerci, uccide i piccoli creatori, allora è un'altra storia. Mi riferisco al fatto che 15 anni fa anche un adolescente poteva avere un piccolo sitino personale, o che una persona metteva giù un forum per una passione; ora con tutte queste nuove leggi e leggine e sistemi veramente complessi (bloccare i cookie non è una cosa da chiunque, registrare il form dati e privacy nello stesso form non è cosa proprio facile).
    Tutto questo finisce con il fatto che i siti muoiono, le multinazionali vincono.

    Ci ha cambiato veramente la vita la cookie law proteggendoci da chissà quali mostri di cookie?
    Ha veramente valore bloccare il cookie di google analytics e affini sui singoli siti?
    Facciamo un esempio pratico: cerco con google una parola X come tartufo. Google sa già cosa voglio solo dal fatto che lo cerco nella sua barra di ricerca. Se volessi non dargli i mie dati non navigherei con un account google attivo. cosa gli cambia a google di sapere quanto tempo sto sul sito, quali pagine leggo se leggo di più su tartufo bianco o tartufo nero? Lo sa già dalla ricerca che faccio! Ma ovviamente, i cookie che dicono al proprietario del sito quali pagine sono di punta e dovrebbe migliorare, sono un orribile mostro a cui tutti dovrebbero far attenzione.
    Per questo mettiamo banner Avvisi di stare attenti ai cookie: diciamo alle masse ignoranti del settore che i cookie dei siti sono pericolosi, ma nessuno fa caso che google di base già raccoglie tutti i dati che gli serve senza passare dai siti.
    Ovviamente le persone comuni che navigano con un account di google hanno già accettato una volta il consenso e non si rendono conto che praticamente i dati spiccioli che gli fregano la privacy sono già presi prima che entrano nei siti.

    Parliamo del consenso inequivocabile del Form contatti?
    In questo caso è giusto mettere le spunte separate per l'uso di dati personali per scopi commerciali, è giusto non obbligare a spuntarle (cosa che molti siti hanno fatto nel tempo), ma il resto?
    Prima di tutto sarebbe il caso di mettere un opzione con ,desidero che i mie dati non vengono venduti a terze parti (venduti non ceduti tipo per servizio di analisi), ma poi è veramente necessario avere una banca-dati con:
    le caselle chieste all'utente (copia html del form), le risposte del cliente nelle caselle (per ogni casella copia della parte scritta inserita), la copia della privacy (quindi copia di un testo lungo una vita), versione della privacy (data privacy), data invio modulo (timestamp).
    Questi sono i dati necessari per avere un consenso inequivocabile! E quindi sei obbligato a mette un sistema che prenda i dati e li spedisca assieme a quelli con cui viene compilato il form. Cosa non da 5 minuti, e assolutamente cosa che pochi contact form fanno oggi giorno.(iubenda te lo fa per 36€ al mense circa.. vedete un po' per un sitino di hobby, e devi pure associarlo al tuo form! )
    Invece inviare un email cliccando sul link dell'email è ovviamente inequivocabile.

    Riassumendo
    -nuove leggi che mettono pistille, ma ad esempio non semplificano la comunicazione di come vengono usati i dati (privacy police lunghissime e mai nessuno le legge!)
    -Siamo obbligati a cliccare ogni sito visitato nuovo, per proteggere i nostri dati catturati invece prima, appena facciamo una ricerca web.
    -I programmatori devono pescare dati in modo complesso quando basterebbe qualche spunta da inserire in un form per la dichiarazione e via.
    -La vera privacy che tutti volevano ottenere, ovvero basta telefonate moleste e basta spam nell'email non si è assolutamente bloccata.
    -E tutto questo avvantaggia le multinazionali rispetto ai piccoli lavoratori autonomi, creando disparità mondiali che vedrete ci spaventeranno a morte da una ventina d'anni.

    *Cosa è veramente il consenso? Il consenso non esiste.. o accetti o non usi la rete... (questa rete...)


  • User

    Nel form contatti non bassa la spunta e link alla privacy police!
    Qui dovrebbe essere spiegato in modo legale : https://www.iubenda.com/it/help/5424-guida-gdpr#registro-consensi


  • User Newbie

    L'utilizzo dello scroll rappresenta un buco di normativa che ora hanno colmato. Era abbastanza intuibile che non potesse rappresentare un consenso prestato in maniera chiara e palese.

    **E della "X" per chiudere il banner cosa ne pensate?
    **
    Flavio sopra scrive che la X è assimilabile al pulsante accetta ma lato UX a voler essere onesti mi sembrano due azioni dal peso molto diverso.


  • Admin

    @bibi.lerici said:

    Dare il consenso con lo scrolling della pagina web non lo definirei da furbetti.. visto che è stato accettato e utilizzato (come opzione) da Iubenda che ha contatti diretti con il garante della privacy italiano.
    Se vogliamo parlare di veri furbetti, sarebbe meglio parlare delle telefonate moleste, e del fatto che 80% dei siti italiani non ha adempito in modo completo (certi hanno fatto praticamente 0) sul proprio sito.

    Lasciamo stare Iubenda che non centra niente. Sono anche amici e sono bravi ragazzi. Soprattutto ne sanno sicuramente più di me sul tema. Io mi limito a evidenziare una cosa già evidente e che ora è evidentissima.

    LO SCROLL NON E' CONSENSO :arrabbiato:

    Loro si adeguano a quanto ovviamente il garante ha predisposto, ma appunto nel mio messaggio per me il primo furbetto è il garante. Il regolamento era inequivocabile. Lo si è ignorato. Comunque se leggi tutti i messaggi sopra potrai capire come siamo tutti in accordo.

    @bibi.lerici said:

    Se vogliamo parlare invece di come queste attività di privacy, se pur giuste per proteggerci, uccide i piccoli creatori, allora è un'altra storia. Mi riferisco al fatto che 15 anni fa anche un adolescente poteva avere un piccolo sitino personale, o che una persona metteva giù un forum per una passione; ora con tutte queste nuove leggi e leggine e sistemi veramente complessi (bloccare i cookie non è una cosa da chiunque, registrare il form dati e privacy nello stesso form non è cosa proprio facile).
    Tutto questo finisce con il fatto che i siti muoiono, le multinazionali vincono.

    Su questo invece secondo me stiamo esagerando. Oggi come allora puoi fare tutto quello che vuoi e fare il sito che vuoi. Se non includi nulla di terze parti non hai neanche necessità di mostrare il banner di informativa breve quindi parliamo di niente.
    Inoltre le sanzioni sono solitamente commisurate al danno che puoi creare in caso di trattamenti illeciti etc etc quindi anche qui parliamo di nienti.
    Siti personali, piccoli blog, siti semplici si possono fare ora come allora.

    @bibi.lerici said:

    Ci ha cambiato veramente la vita la cookie law proteggendoci da chissà quali mostri di cookie?

    I cookie sono solo una briciola rispetto a ciò che è il GDPR. Quindi secondo me qui stiamo confondendo un po' le cose. Pensare che il GDPR sia il cavaliere in lotto contro i cookie ci porta solo fuori strada.
    Il GDPR era NECESSARIO.

    @bibi.lerici said:

    Ha veramente valore bloccare il cookie di google analytics e affini sui singoli siti?

    I cookie di analytics non sono da bloccare necessariamente fintanto che disattivi la parte di profilazione che spesso è implicita nell'installazione.
    In ogni caso non è che se uno usa un bazooka e non sa come usarlo allora accettiamo che stia uccidendo persone.
    Serve consapevolezza nell'utilizzo degli strumenti. I siti li devono fare le persone in grado di farli. Infatti l'abbassamento della barriera all'ingresso grazie a CMS etc etc ha reso internet terra di conquista da parte di hacker e malintenzionati. Prima la barriera all'ingresso, sebbene con tecnologie molto più semplici, era molto più alta. Le più evolute tecnologie hanno abbassato la barriera all'ingresso con tutti i problemi del caso, ma ci sono anche benefici non fraintendetemi.

    @bibi.lerici said:

    Facciamo un esempio pratico: cerco con google una parola X come tartufo. Google sa già cosa voglio solo dal fatto che lo cerco nella sua barra di ricerca. Se volessi non dargli i mie dati non navigherei con un account google attivo. cosa gli cambia a google di sapere quanto tempo sto sul sito, quali pagine leggo se leggo di più su tartufo bianco o tartufo nero? Lo sa già dalla ricerca che faccio! Ma ovviamente, i cookie che dicono al proprietario del sito quali pagine sono di punta e dovrebbe migliorare, sono un orribile mostro a cui tutti dovrebbero far attenzione.

    Google può fare lo stesso le sue attività utilizzando dati aggregati e già lo fa in questo modo. Diverso invece è quando profili l'utente e questo è una cosa che esula da quanto scrivi nell'esempio.

    @bibi.lerici said:

    Parliamo del consenso inequivocabile del Form contatti?
    In questo caso è giusto mettere le spunte separate per l'uso di dati personali per scopi commerciali, è giusto non obbligare a spuntarle (cosa che molti siti hanno fatto nel tempo), ma il resto?
    Prima di tutto sarebbe il caso di mettere un opzione con ,desidero che i mie dati non vengono venduti a terze parti (venduti non ceduti tipo per servizio di analisi), ma poi è veramente necessario avere una banca-dati con:
    le caselle chieste all'utente (copia html del form), le risposte del cliente nelle caselle (per ogni casella copia della parte scritta inserita), la copia della privacy (quindi copia di un testo lungo una vita), versione della privacy (data privacy), data invio modulo (timestamp).
    Questi sono i dati necessari per avere un consenso inequivocabile! E quindi sei obbligato a mette un sistema che prenda i dati e li spedisca assieme a quelli con cui viene compilato il form. Cosa non da 5 minuti, e assolutamente cosa che pochi contact form fanno oggi giorno.(iubenda te lo fa per 36€ al mense circa.. vedete un po' per un sitino di hobby, e devi pure associarlo al tuo form! )
    Invece inviare un email cliccando sul link dell'email è ovviamente inequivocabile.

    Io sinceramente non riesco a seguirti neanche qui. Se ci sono delle leggi da rispettare si rispettano. Se è difficile farlo tecnicamente e tu non sei in grado vuol dire che non è il tuo lavoro e lo devi far fare ad altri. In alternativa metti la tua mail senza form contatti.

    Insomma non starei a stabilire cosa è giusto e cosa è sbagliato basandomi sul fatto che farlo è difficile. Altrimenti saremmo tutti medici, ingegneri, astronauti.

    @bibi.lerici said:

    *Cosa è veramente il consenso? Il consenso non esiste.. o accetti o non usi la rete... (questa rete...)

    E infatti il punto è proprio questo. Si sta cercando di lavorare per dargli un senso.
    Ovvio che non c'è molto interesse perché questo lo abbia.

    O accetti o non usi la rete è quello che ci ha portato all'attuale stato delle cose.

    L'approccio dovrebbe essere quello di dire invece: "come possiamo fare in modo che il consenso possa essere fornito nel modo più chiaro e informato possibile senza tediare le persone e senza influire troppo sull'usabilità?"
    Ci sarebbero molti modi qualora ci fosse uno standard e uno sforzo comune in questa direzione. Cosa che ovviamente non c'è.


  • Admin

    @panese said:

    **E della "X" per chiudere il banner cosa ne pensate? **

    Che non è sicuramente consenso.


  • User

    Non posso che lasciare la parola ai moderatoli, e ovviamente alla maggioranza visto che sono tutti d'accordo: @Juanin said:

    Comunque se leggi tutti i messaggi sopra potrai capire come siamo tutti in accordo.

    Io farei solo attenzione al INEQUIVOCABILE: perché il testo inglese ha certe sfumature che "con la giusta informazione" permette tutto.

    esempio 15, sezione 86: > may be options to indicate agreement, as long as clear information is provided,


  • Admin

    @bibi.lerici said:

    Io farei solo attenzione al INEQUIVOCABILE: perché il testo inglese ha certe sfumature che "con la giusta informazione" permette tutto.

    esempio 15, sezione 86:

    Si ma non puoi estrarre solo il pezzo che ti interessa 😄 poi viene fatto un esempio parecchio esplicito e poi nell'example 16 lo spiega ancora più esplicitamente che un'azione affine a normale utilizzo della pagina in sostanza non può essere tale.

    (e.g. if you swipe this bar to the left, you agree to the use of information X for purpose Y. Repeat the motion to confirm.”).


  • User
    1. Example 15:** Swiping a bar on a screen**, waiving in front of a smart camera, turning a smartphonearound clockwise, or in a figure eight motion **may be options to indicate agreement, as long as clearinformation is provided, **and it is clear that the motion in question signifies agreement to a specificrequest (e.g. if you swipe this bar to the left, you agree to the use of information X for purpose Y.Repeat the motion to confirm.”). The controller must be able to demonstrate that consent wasobtained this way and data subjects must be able to withdraw consent as easily as it was given.
    1. Example 16: Based on recital 32,** actions such as scrolling or swiping through a webpage** or similar useractivity will not under any circumstances satisfy the requirement of a clear and affirmative action: suchactions may be difficult to distinguish from other activity or interaction by a user and thereforedetermining that an unambiguous consent has been obtained will also not be possible. Furthermore,in such a case, it will be difficult to provide a way for the user to withdraw consent in a manner that isas easy as granting it.

    Si hai ragione, questi sopra sono i 2 testi citati nel pdf linkato.

    **Swiping a bar on a screen | **** actions such as scrolling or swiping through a webpage.

    **Quindi: Swiping significa o rubare o colpire (verbo), scroll significa far scorrere su video (verbo).

    Noi parliamo di accettare cookie con un scroll della pagina con mouse o con dito, ma questi 2 esempio di cosa stanno veramente parlando con i loro esempi?

    Ci guardiamo anche questo famoso "RECITATO 32" citato nel 86?

    1. Article 7(4) is only relevant where the requested data are not necessary for the performance of thecontract, (including the provision of a service), and the performance of that contract is madeconditional on the obtaining of these data on the basis of consent. Conversely, if processing isnecessary to perform the contract (including to provide a service), then Article 7(4) does not apply.33.
      Example 6: A bank asks customers for consent to allow third parties to use** their payment details** fordirect marketing purposes. This processing activity is not necessary for the performance of the contractwith the customer and the delivery of ordinary bank account services. If the customer’s refusal to consent to this processing purpose would lead to the denial of banking services, closure of the bankaccount, or, depending on the case, an increase of the fee, consent cannot be freely given.

    Quindi se l'esempio 86 si basa sul citato 32 troviamo che : non possiamo dare dati di pagamento a terzi con un semplice scrolling di pagina. Mi sembra abbastanza ovvio. Però possiamo veramente paragonale la cessione di dati di pagamento con il consenso di trasmissione del proprio ip? A me sembra quasi come dire che aver camminato sul marciapiede davanti alla banca è uguale a chiedere un conto in quella banca. E' abbastanza abissale la differenza nel mondo reale, ma nel web diventa tutto molto irreale, tanto che una navigazione viene paragonata alla consegna di dati personali come carta di credito, numero di telefono ecc.

    Sto solo dicendo che il testo non è inequivocabili ma rende la cosa ancora più dubbia se letto giusto 4 paragrafi su 31 pagine che lascio volentieri da studiare al garante. Ricordando anche che la traduzione testuale in italiano fa la vera differenza del'interpretazione.
    Quindi prima di dire è tutto inequivocabile, vediamo come verrà tradotto dal garante della privacy che tanto consideri furbetto.