• Super User

    Recessione co.co.pro.

    Cosa comporterebbe il non rispetto dei tempi concordati (1 mese) di recessione da un contratto co.co.pro.? E se una clausola del genere (con relativa accettazione dai due contraenti) abbia valore legale.

    A quest'ora non mi vengono termini più tecnici, spero sia chiaro.

    Ciao, grazie

    *Per un'amica 😄 *


  • Super User

    Ciao Homeworker,

    per quanto riguarda il termine di preavviso in un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, l'art.67 del decreto legislativo n.276/03 (c.d. "Riforma Biagi") prevede che: "Le parti possono recedere prima della scadenza del termine per giusta causa ovvero secondo le diverse causali o modalità, incluso il preavviso, stabilite dalle parti nel contratto di lavoro individuale".
    Poichè il rapporto di lavoro a progetto è un rapporto di lavoro autonomo è, quindi, la volontà delle parti ad essere l'elemento essenziale del rapporto stesso.
    Tanto premesso, il termine di preavviso previsto nel contratto di lavoro dev'essere concordato dalle parti, in quanto la legge sul punto non individua alcun termine né minimo né massimo di preavviso. Dunque il riferimento principe è al contratto di collabo0razione sottoscritto tra le parti.
    Se non vi è giusta causa nel recesso anticipato (senza preavviso o entro un termine inferiore a quello prefissato), sicuramente è intentabile una causa del lavoro e, comunque è quantomeno minacciabile... il committente prima del tribunale probabilmente addiverrà ad un accordo con il collaboratore.

    Per fare esempi di "giusta causa", mi dispiace, ma dovrebbe intervenire un Avvocato del Lavoro poichè questa non è propriamente la mia materia.
    Penso comunque che una ricerca intenet "+giusta +causa +licenziamento +esempi" comunque potrebbe dare interessanti risultati in merito.

    Sempre un piacere darti una mano, per quel poco che posso!!

    Paolo.


  • Super User

    Grazie mille 🙂


  • User Newbie

    volevo sapere se per un contratto co.co.pro sono previsti dei contributi.
    e nel caso di recessione del contratto come bisogna aggire e quanto è il preavviso


  • Super User

    @i2m4y said:

    per quanto riguarda il termine di preavviso in un contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, l'art.67 del decreto legislativo n.276/03 (c.d. "Riforma Biagi") prevede che: "Le parti possono recedere prima della scadenza del termine per giusta causa ovvero secondo le diverse causali o modalità, incluso il preavviso, stabilite dalle parti nel contratto di lavoro individuale".
    Poichè il rapporto di lavoro a progetto è un rapporto di lavoro autonomo è, quindi, la volontà delle parti ad essere l'elemento essenziale del rapporto stesso.
    Tanto premesso, il termine di preavviso previsto nel contratto di lavoro dev'essere concordato dalle parti, in quanto la legge sul punto non individua alcun termine né minimo né massimo di preavviso. Dunque il riferimento principe è al contratto di collabo0razione sottoscritto tra le parti.

    Dunque bisogna leggere il contratto.

    Si agisce come definito nel contratto, con lettera raccomandata A.r., con semplice comunicazione con altro mezzo... dipende dalle previsioni contrattuali.

    E' previsto il versamento dei contributi previdenziali all'Inps "gestione separata collaboratori" in parte a carico del collaboratore, in parte a carico del committente. Puoi trovare maggiori delucidazioni qui:

    http://www.inps.it/home/default.asp?sID=%3B0%3B4725%3B4730%3B&lastMenu=4730&iMenu=1&iNodo=4730&itemDir=4938

    Ciao.

    Paolo


  • User Newbie

    Scusate in questi giorni sta scadendo il mio 2 contratto co co pro con lo stesso datore (durata unanno per entrambi) ; tale contratto prevede la recessione con 2 MESI di preavviso (mentre i miei superiori di 2 livello ad esempio hanno un mese...!!!) . Possibile non esista un limite a cui rifarsi per non firmare un tempo così lungo ad un datore che per il terzo anno non ti assume?!? grazie.


  • Super User

    Ciao e benvenuto,

    Purtroppo sul punto reputo esista solo la forza contrattuale.

    Paolo


  • User Newbie

    salve volevo chiederle un consiglio sicuramente lei potra darmi una mano vista la sua competenza in materia io sono assunto con un contratto co.co.pro la prima volta per 6 mesi poi mi è stato prorogato per altri 6 mesi praticamente venerdi 28/09/07 ovvero fra pochi giorni scadono anche gli altri 6 mesi con un totale quindi di un anno di lavoro co.co.pro.Ora volevo sapere la mia ditta puo ancora continuare a prorogare il mio contratto co.co.pro ancora in eterno?oppure sono obbligati ad assumermi a tempo inderminato? grazie mille spero riesca a risolvere questo mio dilemma


  • User Newbie

    buongiorno ,
    volevo porvi un quesito .
    Da circa tre mesi sto collaborando con una società nel settore delle garanzie auto , prettamente una società commerciale .Mi hanno fatto stipulare un contratto a progetto ( co.co.pro.) ma primo mi hanno fatto cambiare la mia posizione iva da agente di commercio a mediatore del credito .
    Ma il problema che vorrei porvi è il seguente .
    nell'accordo stipulato c'è un rimborso delle spese di benzina e ricariche telefoniche l'unico obbligo nel contratto e quello di fare 5 visite al gg .
    gli stipendi per i mesi passati mi sono stati retribuiti ma questi rimborsi non ancora giustificandosi con il fatto che vogliono che io compili un giornale di bordo della mia vettura .
    posso chiedere il recesso del contratto senza perdere quello che mi spetta ?
    il contratto richiede un preavviso di 30 gg ma se loro non mi pagano la benzina dei vecchi mesi io non posso andare avanti con il lavoro e ho paura che non mi paghino la benzina del mese in corso .
    aiuto