• Super User

    È possibile utilizzare immagini con licenza che al loro interno contengono marchi famosi?

    Buonasera a tutti

    Vorrei fare una domanda, nei market place di immagini si trovano molte immagini liberamente utilizzabili (dunque che puoi usare nei tuoi siti e forniscono licenza d'uso gratuita o a pagamento) ma spesso queste immagini contengono al loro interno uno o piu marchi famosi.

    La mia domanda è si possono utilizzare liberamente immagini di cui si dispone della licenza di utilizzo anche se nel contenuto della foto possono esserci marchi famosi ?

    Faccio un esempio pratico, immaginiamo un paesaggio e nello sfondo appare una persona con la maglietta col logo di un famoso social network, nel market place questa immagine viene classificata come liberamente utilizzabile ma quel logo del famoso social network potrebbe creare richieste di copyright ?

    Se si allora questi market place di immagini come fanno a diffondere come liberamente utilizzabili migliaia (forse milioni) di immagini dove spesso al loro interno ci sono 1 o piu marchi famosi ?

    Spesso i loghi o marchi sono rielaborati ma si riconoscono facilmente, chi non ricosce il logo di twitter o di una ferrari ad esempio ?

    Spero che mi possiate far capire bene perche qui sembra esserci un conflitto, tra foto liberamente utilizzabile ma poi il contenuto non rispecchia cio.

    Se non ho ben spiegato andate in un qualsiasi market place di immagini e cercate marchi famosi troverete numerose immagini che il market place offre come liberamente utilizzabili ma il marchio famoso contenuto nella immagine puo dar via a richieste di copyright ?

    Se si allora questi market place come diffondono queste immagini non sarebbero a loro volta oggetto di richieste di copyright in quanto offrono e ospitano nei loro siti tali immagini ?

    Ringrazio tutti mando un saluto


  • Community Manager

    Questa è una bella domanda...


    G 1 Risposta
  • Super User

    @giorgiotave

    Penso che sia una domanda da porsi sopratutto leggendo le varie vicende accadute ad utenti per aver utilizzato foto trovate su internet e non parliamo piu di 1-2 casi ci sono tanti casi e aumentano dunque meglio capire bene a livello legale come comportarsi.

    Perche il dubbio qui è meglio comprare le immagini da market place che forniscono licenza (rischiando magari ugualmente contestazioni per il copyright) o meglio pagare un grafico e farsele creare da zero ?

    Recentemente ho visto che alcuni siti hanno ridisegnato i loghi famosi di vari social network con alcuni che somigliano ma non sono quelli ufficiali e questo mi ha fatto pensare che un logo famoso non si puo mai utilizzare se non si ha esplicito consenso del titolare dei diritti del logo stesso e dunque la licenza fornita da un market place potrebbe non proteggerci da contestazioni se nelle immagini sono contenuto anche loghi e di cui probabilmente bisogna avere una licenza del titolare dei diritti del logo e non è sufficiente quella del market place.

    Mando un Saluto


    chimweb 1 Risposta
  • User

    @guadagnaeuro Per i loghi famosi vale il principio di notorietà dei personaggi pubblici. Non si può impedire che vengano ripresi in fotografie di vita quotidiana, così come non si può impedire che vengano usati in articoli di informazione e ricerca, ciò che conta è che non ne sia fatto un uso commerciale e non venga sfruttata indebitamente la notorietà, per il cui sfruttamento è necessario un accordo di licenza.


    G 1 Risposta
  • Super User

    @chimweb

    Qui c'è un post di una vicenda dove un utente ha creato una immagine con loghi e sembra che abbia dovuto risarcire i marchi originali nonostante abbia creato una immagine nuova e dunque non subentra uso di immagini coperte da copyright dato che immagine è stata creata da zero.

    https://connect.gt/post/1198686

    Servono riferimenti legali certi per poter affrontare questo argomento, ricordiamo che in Itlaia una causa costa tanto, anche se si ha "forse" ragione si spendono ugualmente tanti soldi solo per difendersi dunque è bene avere riferimenti legali certi per contestare.


    chimweb 1 Risposta
  • User

    @guadagnaeuro La liceità dell’elaborazione creativa, in tema di diritto d’autore, è condizionata al consenso dell’autore ed alla citazione dell’opera originaria. Quindi bisogna anche verificare se quel grafico abbia chiesto il consenso. Mi pare di capire che quel grafico abbia peraltro sfruttato la nuova immagine creata. Per quanto riguarda la fotografia, di cui si stava parlando, se un marchio è famoso, come una persona, non si può impedire che appaia in foto quotidiane. Quello che fa la differenza, comunque, è sempre lo sfruttamento economico dell’opera. Probabilmente quel grafico ha guadagnato per quella immagine. Il diritto industriale dei marchi e dei brevetti è abbastanza chiaro sul punto. Personalmente, quando rielaboro una foto, o la prendo già gratuita o chiedo il permesso all’autore.


    G 1 Risposta
  • Super User

    @chimweb
    Grazie per la risposta, si nell'esempio che ho citato parliamo di ecommerce che è un'attivita economica come tale è finalizzata al lucro e dunque non poteva utilizzare previo consenso loghi nelle proprie grafiche.

    Nel caso in cui si volesse far riferimento a marchi noti come conviene comportarti ?

    Cio che ho notato è che alcuni siti hanno creato qualcosa che ricorda il marchio famoso come il colore ma ricreando un logo e nel footer scrivono che il sito non è collegato in alcun modo al marchio famoso e tutti i diritti appartegono hai rispettivi proprietari.

    Faccio un esempio semplice:

    Se fossi un carrozziere che vernicio Ferrari, vorrei poter dire ai clienti che vernicio Ferrari ma se usassi il logo Ferrari non rischio che la Ferrari possa avviare contestazioni ?

    Se disegnassi un cavallino ex novo pensi che possa andar bene come soluzione ?

    Mi sembra di vedere questo in alcuni siti che fanno riferimento a marchi famosi, lo stesso se sono una web agency che realizzo campagne pubblicitarie per Facebook, se uso il logo di Facebook posso rischiare contestazioni ?

    Se si posso creare un logo che grossolanamente che ci somigna e ricorda per far capire di cosa mi occupo ?

    Parliamo sempre di ambito commerciale.

    Ringrazio, Un Saluto


    chimweb 1 Risposta
  • User

    @guadagnaeuro Ti sei quasi risposto da solo: se sono una carrozzeria e voglio far intendere che vernicio Ferrari è scorretto elaborare un cavallino che le assomigli, perché dichiarò di fatto di volermi avvantaggiare delle associazioni create nel consumatore dal noto marchio, quindi non posso. È concorrenza sleale (si chiama così in termini giuridici).
    Se invece sono una webagency che realizza campagne per Facebook, citando e usando il noto marchio non mi avvantaggio di nulla, sto semplicemente spiegando il servizio che offro, che peraltro crea guadagno a Facebook.
    Se invece sono una webagency con poca fantasia e per avere clienti uso la strategia di ispirarmi al design di marchi famosi per generare senso di sicurezza nel potenziale cliente, a poco o nulla mi servirà dichiarare che il mio design non è legato a quello del marchio di fatto contraffatto. Se il design viene registrato nella stessa categoria merceologica del marchio famoso, il marchio famoso vincerà sicuramente una eventuale azione legale contro la webagency che poco dignitosamente ha cercato di sfruttare la notorietà acquisita del marchio famoso. I furbi sono sempre esistiti. Tutto dipende da quanti soldi hanno deciso di investire i proprietari di grandi marchi per la difesa dei loro diritti di privativa.


    chimweb 1 Risposta
  • User

    @chimweb Tornando alla fotografia, se sono un fotografo che fa foto alla città e fotografo dei turisti americani seduti sui gradini di una piazza con un Airbook in braccio in cui si vede il logo Apple, non devo chiedere l’autorizzazione alla Apple per pubblicare la mia foto ambientale. Semmai devo chiedere l’autorizzazione alle persone se l'inquadratura è tale da renderle riconoscibili.
    Se sono un’azienda che produce pavimenti e sul pavimento, per un servizio fotografico, appoggio una rivista, non devo chiedere il permesso alla rivista se la rivista non è il soggetto principale. Anche se la rivista mi serve per creare una certa atmosfera nella foto, il soggetto della foto non crea pregiudizio nè economico nè di immagine alla rivista, semmai contribuisce ad aumentarne la notorietà. È sempre possibile che la rivista, tuttavia, agisca per chiedere di togliere la foto perché non vuole che il proprio nome venga associato a quel pavimento.
    Se invece realizzo uno scatto porno con una rivista in mano, la rivista potrebbe farmi causa per avere leso la sua immagine associando il suo marchio al mondo porno. Se giro una scena hot con un intimo griffato e il marchio è evidente, devo chiedere il permesso. Non è scontato che io possa usare i materiali che preferisco. Quando si fanno queste cose è bene leggere la policy aziendale del marchio che si coinvolge. È bene rispettarne l’identità e verificare la loro politica di licensing.