• User

    Ciao Siantona 🙂 grazie anzitutto per avermi risposto...

    ..si, anch'io avevo pensato a questa soluzione, e ciò che mi dici tu conforta maggiormente la mia idea..

    solo mi chiedo, giusto per capirci qualcosa in più.. ma se storno un'altra volta il fornitore in "avere" per 200 euro, alla fine dell'esercizio il mastrino contabile non mi rimarrà aperto per quelle famose 200 euro? :mmm:
    a te è capitato?...

    Scusa la confusione e grazie ancora!


  • User Attivo

    Ciao... a me capita spesso ... purtroppo.... ma se storni il fornitore il mastrino si azzera.
    infatti sempre nell'esempio.. in avere avrai mille del debito, con l'operazione precedente ti troverai 200,00 in dare come storno, e poi sempre in dare ti troverai 800,00 come saldo del debito avvenuto con pagamento per cassa o banca.


  • User Attivo

    @Baudelaire said:

    fornitore abc 500 (tuo debito nei suoi confronti)

    fornitore abc 200 (tuo credito nei suoi confronti)

    fornitore abc 1000 tuo debito nei suoi confronti)

    solo che il cliente pattuisce col fornitore di pagarne solo 800, data la nota di credito precedente.. ecco, come posso contabilizzare il pagamento di quest'ultima fattura? :mmm:
    spero possiate aiutarmi..grazie! 😉

    Ho sintetizzato il tuo post con una aggiunta di note.

    Se pattuiscono di pagare solo 800 ossia la differenza tra l'importo della seconda fattura e la nota di credito significa che la prima fattura è stata a suo tempo pagata.

    Non vedo dove stia la difficoltà della registrazione.

    Il tuo mastrino a scalare del fornitore sarà

    500 debito (fattura)
    500 credito (pagamento) saldo 0
    200 credito (nota credito) saldo + 200
    1000 debito (fattura) saldo -800
    800 credito (pagamento) saldo 0


  • User

    Ciao Siantona e ciao Acconto..
    Grazie, di nuovo, per aver attenzionato la mia situazione..

    ...ma se la fattura non dovesse essere stata pagata? (dico quella iniziale di 500 euro..) ...in effetti che ve lo chiedo a fare a voi..nel senso che dovrei già saperlo io..! però pensavo potessero sorgere, in quel caso, problemi col mastrino...

    si si, cmq..mi avete convinto...:) adotterò anch'io questa soluzione..

    un'ultima cosa però..: ma le note credito possono anche essere pagate con denaro liquido dal fornitore, giusto?.... (la risposta penso sia ovvia..ma giusto per saperne un po' di più...)

    Grazie ancora..ciao!


  • User Attivo

    Ciao Baudelaire,
    certo che la nota di credito può essere rimborsata per contanti dal fornitore. Attento però che potrebbero esserci implicazioni sulla contabilità se sei in regime di contabilità ordinario. Supponendo ad esempio che la transazione in oggetto avvenga tra due soggetti in contabilità ordinaria, le scritture contabili dovrebbero essere speculari per i due soggetti.


  • User

    certo...credo di aver capito! 🙂

    Ancora grazie!! 😉


  • User

    Buongiorno a tutti!
    Nel febbraio 2010 ho emesso una fattura a Tizio invece che a Caio. Premettendo che le 2 società sono rappresentate dalla medesima persona oggi mi sono trovato a sollecitare il pagamento della fattura.
    Mi viene richiesto di stornare la fattura emessa a Tizio e riemetterne una a Caio.
    Essendo passato oltre un anno ci devo rimettere obbligatoriamente l'iva sulla prima fattura emessa a Tizio? Esiste una soluzionedifferente?

    Grazie a Tutti
    Buon tempo

    A.b.u. Lab


  • Tanto per completezza ...

    1. merci o prestazioni?
    2. chi fisicamente ha ricevuto la fattura?
    3. è stata registrata nella contabilità di uno dei due o no?

  • User

    Grazie Criceto!

    Si tratta di prestazioni di servizi, fisicamente Tizio e non si riesce a capire se sia stata contabilizzata o meno.. L'unica cosa sicura è che non mi è stata saldata..

    Grazie di nuovo

    A.b.u. Lab


  • La fattura sarebbe a carico di Tizio per prestazioni fatte a Tizio?