Dopo 16 anni di attività del Forum GT, oggi, da quello stesso forum, nasce una nuova Community: Connect.gt
Attualmente siamo in fase Alpha 0.1
SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ CLICCANDO QUI

Oppure Lascia un feedback, Segnala un bug, Suggerisci miglioramenti o Togliti un dubbio!
  • User Attivo

    Significato di sentenza passata in giudicato

    *sentenza passata in giudicato *significa sentenza definitiva da parte del giudice?


  • Moderatore

    si


  • User Attivo

    mi autorispondo visto che ho trovato la soluzione al mio quesito e dalla risposta di paolino non si capisce bene.

    Cosa giudicata formale.

    Testo:

    S'intende passata in giudicato la sentenza che non e' piu' soggetta ne' al
    regolamento di competenza (c.p.c. 42, 43), ne' ad appello (c.p.c. 339), ne'
    a ricorso per cassazione (c.p.c. 360), ne' a revocazione per i motivi di cui
    ai numeri 4 e 5 dell'articolo 395 (c.c. 2909, 2953; disp. att. c.p.c. 124).


  • Super User

    @Martina said:

    *sentenza passata in giudicato *significa sentenza definitiva da parte del giudice?

    significa che si va in galera 😄

    a parte gli scherzi, in Italia esistono 3 gradi di giudizio e inoltre, se i tempi dilatano, molti reati vanno cassati per decorezza dei termini
    -processo
    -appello
    -cassazione
    superati questi 3 gradi la sentenza passa in giudicato


  • User Newbie

    sti stanno confondendo un pò i giudicati civili e penali qui...


  • User Newbie

    giudicato è il provvedimento ormai divenuto incontrovertibile,cioè non più assogettabile ai mezzi ordinari di impugnazione,o perchè sia scaduto il termine per poterlo fare,o perchè siano già stati esperita tutta la serie limitata di impugnazioni possibili.
    Quindi il provvedimento passato in giudicato è caratterizzato dall'incontrovertibilità della cosa giudicata,ovvero nessun giudice può nuovamente pronunciarsi su quella sentenza che abbia esaurito la serie di possibili impugnazioni,per il principio del "ne bis in idem".
    Importante distinzione va fatta tra Giudicato Formale-quello di cui parla Martina-e Giudicato Sostanziale,nel dettaglio:

    1)Giudicato Formale,è disciplinato dall'art.324 del codice di procedura civile:"si intende passata in giudicato la sentenza che non e' piu' soggetta ne' al regolamento di competenza, ne' ad appello, ne'
    a ricorso per cassazione, ne' a revocazione per i motivi di cui
    ai numeri 4 e 5 dell'articolo 395 (rispettivamente se la sentenza è frutto di un errore sorto dai documenti o dagli atti del processo,o se la sentenza è contraria ad altra inerente stessa materia).

    2)Giudicato Sostanziale,dall'Art. 2909 del Codice Civile "l'accertamento passato in giudicato fa stato ad ogni effetto,tra le parti,i loro eredi o gli aventi causa".

    Quindi il giudicato formale ha l'effetto di sancire l'incontrovertibilità della cosa giudicata alla sentenza una volta esaurite le possibili impugnazioni,mentre il giudicato sostanziale,correlandosi a questo,ha l'effetto di obbligare parti,loro eredi ed aventi causa,a conformarsi alla sentenza così come incontrovertibilmente accertata dal giudice.

    Ora,però,bisogna parlare di limiti,perchè dal Giudicato Formale nascono limiti oggettivi,mentre dal Giudicato Sostanziale limiti soggettivi:

    Limiti oggettivi: l'utorità del giudicato è oggettivamente circoscritta alle domande poste in essere dalle perti nel processo,quindi vanno escluse tutte le domande che dal punto di vista logico-giuridico esulano dalle domande poste dalle parti.

    Limiti soggettivi:L'ert 2909 del Codice Civile sancisce l'esistenza di un'efficacia diretta del giudicato verso le parti,loro eredi ed aventi causa,tuttavia contempla un'efficacia riflessa nei confronti di terzi,rimasti estranei al processo,che siano titolari di un diritto dipendente o subordinato a quello oggetto del processo,e naturalmente si escludono i titolari di un diritto autonomo rispetto allo stesso.

    Esempio lampante è l'art.1595 del codice civile in materia di rapporti tra Locatore e Subconduttore,dove si afferma che la sentenza che afferma nullità o risoluzione della locazione,tra Locatore e conduttore,ha gli stessi effetti anche verso il subconduttore.

    Naturalmente,visto che Martina riporta fedelmente un articolo del codice di procedura civile,penso che si parli di giudicato civile,e se poi ho detto qualche bestialità...la vera bestia sarebbe il mio professore di Diritto Processuale Civile che mi ha dato 28.

    Un saluto a tutti,specialmente a Martina...Tullio.


  • User Newbie

    Dimenticavo: l'effetto è quello della conclusione del processo,che di sua natura è già orientato verso una decisione.


  • User Newbie

    @Martina said:

    *sentenza passata in giudicato *significa sentenza definitiva da parte del giudice?
    Ciao Martina,
    ma in sostanza, in assenza di opposizioni ("non proposto appello") dopo quanti giorni dalla senza del giudice la stessa di fatto passa in giudicato??


  • User Newbie

    salve,
    se qualcuno sa darmi una risposta in merito a quanti giorni dopo la sentenza (e in assenza di opposizioni) la stessa si considera passata in giudicato, gliene sarei grato.


  • User Newbie

    in riferimento a una sentenza di divorzio, quanto tempo dopo che la stessa e' passata in giudicato e' possibile contrarre un nuovo matrimonio?


  • User Attivo

    sentite ragazzi, volevo chiedere una cosa.... questa definizione è importante; vorrei sapere se posso copiarla nel mio blog, citando questo link....
    fatemi capire come funziona questa cosa del copyright....


  • User

    sono i giudicati in sostanza paragonabili a leggi? nel senso che se esiste una sentenza passata in giudicato questa, come accade in USA, puo' essere citata dalle parti affinche' venga considerata dalla corte come una legge, sebbene non esista una legge nel codice civile o penale ?


  • User Newbie

    vanno pagate le sanzioni se una sentenza civile è andata in giudicato?


  • User Attivo

    per sanzione civile contenuta nella Sentenza intende la condanna al risarcimento?

    se è cosi sicuramente va pagata ....nel processo civile anche la Sentenza di primo grado è provvisoriamente esecutiva