• User

    URGENTE : Teliad e Rankseller puniti da Google

    Credo che in pochi saranno immuni da questa penalizzazione di Google. Stavolta Google ha beccato due grosse piattaforme che lavorano in Italia, e che per via della possibilità di vendere e non solo comprare backlink, si presagisce un effetto domino di elevate proporzioni.

    Leggete questo post, e se avete avuto contatti con qualcuno che ha un blog inserito in queste piattaforme, prendetene le distanze.

    Dunque purtroppo, non è solo un problema di chi usa questi metodi scorretti di creare link e guadagno, ma purtroppo anche di molti altri ignari webmaster.

    plus.google.com/116161540053478284241/posts/3C1d4haCtzo

    Dominio:
    plus.google.com/116161540053478284241/posts/3C1d4haCtzo
    Motori:
    Google
    Prima indicizzazione o attività:
    oggi
    Cambiamenti effettuati:
    nulla
    Eventi legati ai link:
    penalizzazioni teliad
    Sito realizzato con:
    qualsiasi cosa
    Come ho aumentato la popolarità:
    backlink comprati e venduti
    Chiavi:
    teliad penalizzato
    Sitemaps:
    No


  • User Newbie

    Di buon grado desideriamo prendere posizione su questo articolo come anche sulla voce che corre attualmente sul nostro conto.

    È sicuramente vero che il sito web teliad è temporaneamente irreperibile sui risultati di ricerca di Google. Naturalmente abbiamo analizzato di già il nostro portfolio per capire fino a che punto i nostri clienti e le loro offerte e prenotazioni sono stati colpiti da questo provvedimento. Solamente 1 % dei nostri clienti hanno subito un movimento di PageRank o valore di visibilità significativo. In totale, dunque, le conseguenze sono molto limitate e nella somma i nostri clienti non hanno subito effetti negativi.

    Nel corso di queste ore abbiamo ottenuto parecchi feedback positivi da Advertiser e Publisher che collaborano da moltissimi anni con noi. In futuro, continueremo naturalmente a offrirvi i nostri servizi e continueremo a svilupparci ulteriormente, offriamo Content Marketing qualitativo e vi forniremo testi per siti web e altri scopi. Saremo dunque a disposizione dei nostri clienti per ulteriori domande sulla situazione attuale come anche sui loro progetti o altre richieste.


  • User

    @teliad.it said:

    Di buon grado desideriamo prendere posizione su questo articolo come anche sulla voce che corre attualmente sul nostro conto.

    È sicuramente vero che il sito web teliad è temporaneamente irreperibile sui risultati di ricerca di Google. Naturalmente abbiamo analizzato di già il nostro portfolio per capire fino a che punto i nostri clienti e le loro offerte e prenotazioni sono stati colpiti da questo provvedimento. Solamente 1 % dei nostri clienti hanno subito un movimento di PageRank o valore di visibilità significativo. In totale, dunque, le conseguenze sono molto limitate e nella somma i nostri clienti non hanno subito effetti negativi.

    Nel corso di queste ore abbiamo ottenuto parecchi feedback positivi da Advertiser e Publisher che collaborano da moltissimi anni con noi. In futuro, continueremo naturalmente a offrirvi i nostri servizi e continueremo a svilupparci ulteriormente, offriamo Content Marketing qualitativo e vi forniremo testi per siti web e altri scopi. Saremo dunque a disposizione dei nostri clienti per ulteriori domande sulla situazione attuale come anche sui loro progetti o altre richieste.

    Solo un appunto: molti hanno ricevuto l'avviso di azione manuale da parte di Google senza che ci fosse stato un "movimento di PageRank o valore di visibilità significativo", quindi questo parametro è molto poco indicativo. Per quanto ne sappiamo, potrebbe significare che tra qualche giorno/settimana i siti contrassegnati dall'azione manuale potrebbero sparire dalle SERP day>night 🙂


  • User

    Fermo restando che la notizia che ho postato non l' ho scritta io, ma ho semplicemente preso da altre fonti che in passato vi sono state molto vicine , come ad esempio questa intervista al vostro ceo online- marketing-italia com /2014/08 /intervista-ad-andreas-armbruster-ceo-teliad ) . Inoltre molti che hanno avuto segnalazioni da google, hanno detto che hanno comprato o venduto backlink tramite vostro, e dunque questo post è frutto di costatazioni virali e dichiarazioni di altre persone e società. Ma trovo giusto condividerlo per SALVAGUARDARE chi come me non ha mai voluto avere a che fare con questo tipo di pratiche che possono essere chiamate in qualunque modo eccetto LINK BUILDING SICURO .

    vengo al dunque :
    Egregi signori di teliad , è nelle vostre facoltà prendere posizioni in merito a fatti che avete scatenato, anzi, dovete farlo ! ne avete l' obbligo verso le migliaia di utenti diretti che hanno letto vostre frasi promozionali del tipo : " LINK BUILDING SICURO" che è un puro controsenso, SONO ANNI CHE GOOGLE sostiene di non COSTRUIRE LINK e correggetemi se sbaglio, link building significa proprio costruire link.

    ED avete l' obbligo anche verso MILIONI di utenti che INDIRETTAMENTE sono venuti a contatto con i blog dei vostri publisher inserendo magari veri articoli con backlink spontanei e naturali ( COSI COME CHIEDE GOOGLE DA ANNI), ma con molta probabilità si troveranno in questi mesi penalizzati più o meno a causa della vostra troppa esposizione nel promuovere un servizio di compravendita di backlink.

    Dal canto mio, non ho mai utilizzato nessuna piattaforma di compravendita di backlink in vita mia, ma sicuramente ho scritto articoli che sono stati ricondivisi, e citati con link in migliaia di blog e siti web, TRA I QUALI CI POTREBBERO essere blog e siti di webmaster che hanno deciso di guadagnare qualche spicciolo partecipando al vostro circuito. Dunque dovreste essere cosi' cortesi verso utenti come me, che non vogliono avere nulla a che fare con queste cose, di fornirci della lista dei blog e siti di pubblisher che utilizzate, per constatare la presenza o meno di blog che in passato hanno interagito con noi.

    Se si viene penalizzati per pratiche scorrette che non seguono le linee guida dei motori di ricerca, PAZIENZA , significa che ci ho provato......... ma se vengo penalizzato INDIRETTAMENTE perchè gli altri sono scorretti, davvero non mi va giù.

    venendo alla risposta a questo mio post , la considero molto generica ed un po scorretta.

    dite : * sicuramente vero che il sito web teliad è temporaneamente irreperibile sui risultati di ricerca di google**
    *si è irreperibili su google in due modi : 1 ) inserendo il noindex 2) essendo bannati , temporaneamente irreperibile nn è giusto

    dite :*Naturalmente abbiamo analizzato di già il nostro portfolio per capire fino a che punto i nostri clienti e le loro offerte e prenotazioni sono stati colpiti da questo provvedimento

    *Forse non è chiaro che il meccanismo che si è innescato è una vera e propria bomba a catena, e potrebbe penalizzare nel giro di qualche mese un bel po di siti web. L' unica cosa che dovreste fare e dialogare con google e reimpostare tutto secondo le loro linee guida se possibile.

    **Solamente 1 % dei nostri clienti hanno subito un movimento di pagerank o valore di visibilità significativo

    **Il pagerank non cambia in modo continuativo ed aggiornato giorno per giorno, come fate a vedere questa cosa ? valore significativo....... che significa ? sapete che quando si viene penalizzati si finisce in un limbo, dove le keyword sono sempre la, ma in effetti non si riceve traffico ? sapete che quando si viene penalizzati si resta in un limbo dove google monitora e cerca di capire le nostre azioni per migliorare se stesso ?

    *n totale, dunque, le conseguenze sono molto limitate e nella somma i nostri clienti non hanno subito effetti negativi.

    *su facebook ho contato personalmente 10 persone con circa 40 siti colpiti....... NON PARLIAMO DI %, PARLIAMO DI PERSONE DANNEGGIATE.

    *Nel corso di queste ore abbiamo ottenuto parecchi feedback positivi da Advertiser e Publisher che collaborano da moltissimi anni con noi.

    *spero per loro che non vengano toccati da questa cosa, ma probabilmente è solo questione di tempo.

    *In futuro, continueremo naturalmente a offrirvi i nostri servizi e continueremo a svilupparci ulteriormente, offriamo Content Marketing qualitativo e vi forniremo testi per siti web e altri scopi.

    *Fate ciò che volete, ma cercate di essere più discreti nel proporre servizi di compravendita di link.

    *come anche sui loro progetti o altre richieste.

    *PENSATE A RISOLVERE QUESTA COSa prima di provare a prendere altri clienti, ripeto, sarò parte lesa se in uno schema di link qualche mio sito sarà penalizzato, NON AVENDO MAI dato alcun consenso io ne ai blogger della piattaforma ne alla piattaforma stessa, di citarmi come fonte di notizia.

    Sono certo che come sempre capitato in passato ne uscirete , se davvero ci siete finiti dentro, ricordo il caso di squidoo , penalizzato è ora uno dei migliori portali web a livello mondiale.


  • User

    L'era del SEO sta terminando, anzi è già terminata da tempo. Forse è giunto finalmente il momento in cui i contenuti di qualità, redatti da PROFESSIONISTI e non dagli articolisti del club dei "50 cent a pezzo" finalmente avranno la meglio. Non saranno più i vari smanettamenti di codice nei siti, link building e varie altre porcherie a permettere ad un sito di monetizzare, ma qualità, originalità ed utilità dei contenuti e il luogo in cui sto scrivendo queste righe ne è un esempio.


  • User Attivo

    @teliad.it said:

    In futuro, continueremo naturalmente a offrirvi i nostri servizi e continueremo a svilupparci ulteriormente...
    Io non ci scommetterei 🙂 si è visto che fine fanno i furbetti


  • User

    @Itbasilisk said:

    L'era del SEO sta terminando, anzi è già terminata da tempo. Forse è giunto finalmente il momento in cui i contenuti di qualità, redatti da PROFESSIONISTI e non dagli articolisti del club dei "50 cent a pezzo" finalmente avranno la meglio. Non saranno più i vari smanettamenti di codice nei siti, link building e varie altre porcherie a permettere ad un sito di monetizzare, ma qualità, originalità ed utilità dei contenuti e il luogo in cui sto scrivendo queste righe ne è un esempio.
    Credo che messaggi di questo genere siano errati cosi' come la compravendita di backlink. Se avessi studiato un po di seo seriamente, sapresti che google in primis suggerisce agli utenti di ottimizzare i siti affinchè possano essere meglio navigati dagli spider e dagli utenti.
    Dire poi che basta scrivere un contenuto ( ovviamente pagato a caro prezzo ) si posizioni in 1° pagina dei motori di ricerca, è un altra notizia falsa e fuorviante, utile solo a rimpinguare le casse di pochi ai danni di tutti.
    Infine, il sito sul quale stai scrivendo è il forum gt, aperto dal seo specialist giorgio tave nel 2004/2005 , e non posizionato per i contenuti, ma per l' autorevolezza conquistata grazie appunto alla seo.

    Siete liberi di vendere i vostri articoli professionali a quanto volete, ma non denigrate altri lavori, soprattutto se non c'è alcun fondo di verità, la gente non è stupida.


  • User

    @johnnyburnhell said:

    Io non ci scommetterei 🙂 si è visto che fine fanno i furbetti

    volevo dire anch' io questo, ma il tono altezzoso e di propaganda avuta nella risposta di teliad mi ha spinto a scrivere ben altro.


  • Moderatore

    La SEO è morta?? Io direi tutto il contrario... È giusto lavorare con qualità, ma anche sapere cosa fare per ottimizzare un sito... E sembra cosa sempre più difficile a quanto pare.


  • User

    @Giorgio Sanna said:

    La SEO è morta?? Io direi tutto il contrario... È giusto lavorare con qualità, ma anche sapere cosa fare per ottimizzare un sito... E sembra cosa sempre più difficile a quanto pare.
    Infatti Giorgio, bell' intervento. Direi che è diventato tutto più difficile, ma non è morta e probabilmente non morirà mai.
    Le persone che dicono il contrario dimenticano una cosa:
    Google guadagna proprio perchè VIENE UTILIZZATO dagli utenti......... a google interessa che le persone sappiano fare seo e contenuti utili, per far si che le persone ritornino ad usarlo........ diciamo che chi dice il contrario se ne deve inventare un altra e chiudiamo la faccenda ! 😄


  • Super User

    Io ne sono appena uscito. Tempo di attesa dalla richiesta di riconsiderazione 3 giorni.

    Cosa fare ?

    Rimuovere tutti i LINK venduti tramite teliad !


  • User

    @seogenova said:

    Io ne sono appena uscito. Tempo di attesa dalla richiesta di riconsiderazione 3 giorni.

    Cosa fare ?

    Rimuovere tutti i LINK venduti tramite teliad !

    Rimuovi i link ed il sito dalla piattaforma direi.
    poi se hai dato bl ad altri al di fuori, direi di fargli il piacere di staccarli tutti, non si sa mai un effetto domino, ma qualcuno mi confermi o meno questa cosa.


  • User

    @seogenova said:

    Io ne sono appena uscito. Tempo di attesa dalla richiesta di riconsiderazione 3 giorni.

    Cosa fare ?

    Rimuovere tutti i LINK venduti tramite teliad !

    Un esperienza diretta vale più di mille parole 😉 Azzarola, 3 giorni sono veramente pochi!


  • User Attivo

    La SEO non è morta! La qualità premia sempre.
    Frasi fatte ma che rendono l'idea di quello che sta succedendo. Non dobbiamo assolutamente aver paura di Google e dei suoi aggiornamenti, ma ci viene chiesto di rispettare delle linee guida per essere presenti nelle loro serp ed è buona norma rispettarle.
    Essere presente su Google non è obbligatorio, ma se vogliamo starci dobbiamo rispettare quello che ci chiede "il padrone di casa".
    Può sembrare un discorso banale ma in fondo si tratta di buona educazione e rispetto, non sottomissione.


  • User Attivo

    Osservo due cose su questa faccenda, scusate per le eventuali lungaggini:

    1. personalmente considero serio Teliad, ho anche avuto modo di parlarci in un'intervista ... è abbastanza facile dargli addosso in queste occasioni, e la "pulizia" delle attività SEO che si fanno è da valutarsi caso per caso, è abbastanza ingiusto generalizzare e dare addosso in maniera altrettanto generalista. E non sono un dipendente Teliad, nè ne curo gli interessi, beninteso 😄

    2. il fatto che ci sia bisogno, ogni benedetta volta, di rimarcare il valore delle attività SEO, minate costantemente da accuse di furbate e "magarìe" varie, fa capire indirettamente come ancora, per molti consulenti e per moltissimi clienti, questa dimensione rimanga relegata a lavoro sostanzialmente inutile. E questo, oltre a rendere difficile il lavoro per tutti (in questi giorni ci muoveremo tutti con sospetto, salvo ricominciare a fregarcene settimana prossima, magari :rollo:) non aiuta il mercato, e non possiamo meravigliarci se poi le persone vogliono fatta la link building a 200 euro, o il fatto stesso che chiedano la link building o la "visibilità" o chissà quale altra astrazione markettara. Del resto, vendere link al kg secondo me è molto, molto indicativo di non avere le idee chiare in merito: ma scusatemi, misurare impression, click e ranking per ogni sito è troppo difficile?

    Il link di Google Plus non risulta accessibile, per la cronaca (rimosso?).


  • User

    @salvatore79 said:

    Osservo due cose su questa faccenda, scusate per le eventuali lungaggini:

    1. personalmente considero serio Teliad, ho anche avuto modo di parlarci in un'intervista ... è abbastanza facile dargli addosso in queste occasioni, e la "pulizia" delle attività SEO che si fanno è da valutarsi caso per caso, è abbastanza ingiusto generalizzare e dare addosso in maniera altrettanto generalista. E non sono un dipendente Teliad, nè ne curo gli interessi, beninteso 😄

    2. il fatto che ci sia bisogno, ogni benedetta volta, di rimarcare il valore delle attività SEO, minate costantemente da accuse di furbate e "magarìe" varie, fa capire indirettamente come ancora, per molti consulenti e per moltissimi clienti, questa dimensione rimanga relegata a lavoro sostanzialmente inutile. E questo, oltre a rendere difficile il lavoro per tutti (in questi giorni ci muoveremo tutti con sospetto, salvo ricominciare a fregarcene settimana prossima, magari :rollo:) non aiuta il mercato, e non possiamo meravigliarci se poi le persone vogliono fatta la link building a 200 euro, o il fatto stesso che chiedano la link building o la "visibilità" o chissà quale altra astrazione markettara. Del resto, vendere link al kg secondo me è molto, molto indicativo di non avere le idee chiare in merito: ma scusatemi, misurare impression, click e ranking per ogni sito è troppo difficile?

    Il link di Google Plus non risulta accessibile, per la cronaca (rimosso?).

    Ciao Salvatore ( il post lo tolsi per inutilità " nessuno lo leggeva a parte i pro teliad") semplicemente portava ad un post con l' articolo del sito che ( pur essendo molto vicino a teliad grazie ad interviste fatte in passato) annunciava la questione.

    Probabilmente non è il caso tuo, ma molti che hanno intervistato o promosso teliad, lo hanno fatto per soldi e per vendere i backlink, dunque non possiamo sapere se il tuo intervento è realmente INCONDIZIONATO come hai affermato. andiamo a fiducia 😄

    Ad ogni modo nel post si legge chiaramente : se avete avuto contatti con qualcuno che ha un blog inserito in queste piattaforme, prendetene le distanze ...... il che ha voluto dire : visto che uno è stato beccato fate attenzione, e togliete i backlink, cosa che avrei detto anche se fosse capitato a qualche mio sito, per essere rispettoso verso il lavoro degli altri.
    Invece qua pur di guadagnare 10 euro si rovina la gente ! ribadisco il concetto :

    Se avete avuto un messaggio da google per schemi di bl contattate chiunque vi abbia dato o preso un backlink e chiedetegli di rimuoverlo, analizzate la reazione di google e poi ci rimettete quelli nn penalizzati. Chiedere se si tratta di blog appartenenti a questa piattaforma, non credo che si faccia alcun reato, il reato bensì si fa quando alla mia richiesta : ma il tuo blog è su teliad che è stato penalizzato ? la tua risposta è no, mentre in realtà è si......... impariamo a rispettare gli altri.

    Nessun tacciamento di truffa, o di poca serietà da parte di teliad insomma, li considero semplicemente sprovveduti a questo punto, attivare facebook ads a gogò con la scritta LINK BUILDING SICURO ha attirato i quality raters di certo.

    Infine più che prendere sempre spuntodenigrare chi vende link building a kg, credo che sia scorretto venderla a 20mila euro e farla comprando i suddetti link incriminati, se la vendi bene, allora hai i soldi ed i mezzi per farla bene non credi ?

    per quanto riguarda teliad, l unica risposta che ci ha tenuto a dare è stata una risposta generica e promozionale, nessuno qui li vuole male, per ora non ho avuto messaggi io, ma con chi me la prendo se li avro' senza aver avuto neanche il guadagno da teliad non utilizzandolo ?


  • User

    @seogenova said:

    Io ne sono appena uscito. Tempo di attesa dalla richiesta di riconsiderazione 3 giorni.

    Cosa fare ?

    Rimuovere tutti i LINK venduti tramite teliad !

    gia ti avevo risposto 😄


  • Super User

    A me è arrivato un avviso qualche giorno fa dal wm tool di google per un vecchio sito che non amministro più. Contiene link teliad da anni.

    Al tempo mi ricordo che provai ad usare il rel nofollow ma si veniva segnalati dai bot di teliad per link non corretto e no si veniva pagati. Adesso google si prende la rivincita 🙂


  • User Attivo

    Caro @RobySEO , ho letto della motivazione del link rimosso e sorvolo sulla tua insinuazione forzatamente ironica ed enigmatica al tempo stesso (non possiamo sapere se il tuo intervento è realmente INCONDIZIONATO come hai affermato. andiamo a fiducia), manco avessi infilato un link affiliato nell'intervento, su... 😄

    Ti ribadisco che la mia idea positiva di Teliad deriva dalla chiacchierata che ebbi con uno dei responsabili anni fa, mi sembrava abbastanza metodico e piuttosto sensato nelle politiche, tutto qui. Si tratta di ragionare con la propria testa, tutto qui, senza considerare che il numero di persone che dice il contrario non è affatto indicativo del "grado di verità" delle cose (cosa ovvia per tutti, spero). Almeno, fin quando qualcuno non porta dati concreti a supporto di una ragione o dell'altra, e nel dubbio mi pare troppo comodo fare processi ed attaccare, date le circostanze secondo me dubbie e dato il fatto che non si capisce come Google determini 1) un link comprato o spontaneo (Google dovrebbe controllare le fatture/i movimenti sul conto corrente di ognuno?) 2) il fatto che quel link l'abbia messo davvero Teliad o Rankseller, a meno che non provenga dai loro siti ufficiali, ovviamente.

    Siamo poi sicuri che quello che fa Teliad sia un qualcosa di arcano, mistico e/o malvagio che nessuno di noi ha mai fatto?

    Parliamo di link building, scusatemi: anche i link che avete creato forzosamente per far salire il ranking del vostro ultimo cliente ERANO di fatto link "comprati" (da una consulenza), non portiamo all'estremo le conseguenze (anche perchè già qualcuno ha scritto che siamo morti, e i SEO sono morti più volte di Jason Voorhees di Venerdì 13, pare...). Probabilmente subito dopo aver messo in disavow i link dubbi (cosa che dovremmo fare periodicamente, ormai), tanto varrebbe farsi un "esame di coscienza" per capire se il proprio metodo sia passibile di future penalizzazioni.

    Del resto la cosa singolare è che ho sempre usato "link building" con un'accezione positiva e non ambigua, sta a mio umile parere ai faciloni ed ai presunti furbi credere o voler far credere il contrario. Non vorrei che adesso diventi il totem del black hat perchè qui altrimenti lavorare diventa sempre più difficile...


  • Moderatore

    @salvatore79 said:

    Parliamo di link building, scusatemi: anche i link che avete creato forzosamente per far salire il ranking del vostro ultimo cliente ERANO di fatto link "comprati" (da una consulenza)

    Esatto, sto avendo l'impressione che quì prima si facciano i fatti e poi, quando emergono i primi problemi, si dica che una determinata condotta sia sbagliata.
    Sono del parere che ognuno deve assumersi le proprie responsabilità e che, chiunque abbia acquistato link, sapeva che Google da tempo stava combattendo questa pratica.

    Perciò non lamentiamoci che le nostre pistole non funzionino più se quando le abbiamo acquistate sapevamo che lo stato stava facendo di tutto per renderne illegale il porto d'armi (solo una piccola metafora).