Dopo 16 anni di attività del Forum GT, oggi, da quello stesso forum, nasce una nuova Community: Connect.gt
Attualmente siamo in fase Alpha 0.1
SCOPRI TUTTE LE NOVITÀ CLICCANDO QUI

Oppure Lascia un feedback, Segnala un bug, Suggerisci miglioramenti o Togliti un dubbio!
  • User Newbie

    Iva non dovuta in un paese straniero e ... da restituire ...

    Salve,
    problema di non facile risoluzione almeno a quanto ne possa sapere io.

    Ho avuto la fortuna/sfortuna di lavorare in paese dell'UE (Portogallo) e di poter scaricare l'Iva di quel paese in taluni acquisti (purche' superiori a 200 euro). A causa di alcuni problemi, principalmente dovuti al fatto che si pagava subito, la merce (mobili, elettrodomestici) arrivavano dopo una quindicina di giorni, sovente accadeva che si dovesse restituire merce arrivata differente da quella ordinata o di qualita' differente da quella che in negozio sembrava essere.

    Ovviamente la fattura IVA si presentava elettronicamente a rimborso presso il Ministero delle finanze, essi effettuavano i dovuti controlli (almeno credevo) e poi rimborsavano la Iva al sottoscritto nel termine di circa 3-4 gg (!!).

    Evidentemente nel caso di note di credito emesse dopo il rimborso sorgeva il problema della restituzione dell'Iva. A tal fine interpellati i negozianti locali (grandi catene commerciali) essi mi assicuravano che, poiche' tutto avveniva elettronicamente (via sito della finanza su Internet, come in Italia !!!!), lo stesso Ministero effettuava i conguagli diretttamente con la restituzione dell'Iva immediatamente dopo la ricezione della nota di credito da parte della grande catena commerciale).

    Dopo tre anni nei quali la mia colpa e' stata quella di non aver mai controllato niente, perche' sembrava tutto cosi' efficiente e moderno, mi arriva una notifica da parte del ministero delle finanze di quel paese dell'UE, con il quale mi viene notificato che, dopo accurati controlli (!!! dopo 3 anni !!!) risulta che hanno liquidato a me IVA non dovuta (le Note di credito famose, mai "conguagliate" ... da parte loro ...!!!) per euro 70.000 (!!!!) da restituire "volontariamente" entro 30 gg !!!!! Il tutto senza pregiudizio dell'attivita' criminale che il caso ricopre (testualmente !).

    Io questa somma attualmente non la ho e, forse, ove fosse possibile rateizzarla in un tempo ragionevole (oltre i 60 mesi, comunque), potrei anche saldare. Al momento non mi e' possibile.

    I miei timori sono :

    • la cartella fiscale del paese UE arriva in Italia direttamente con equitalia ?

    • possono esserci sanzioni penali per questo tipo di pseudo frode fiscale (ove c'e' parziale colpa da parte mia, quanto meno superficialita') ? Posso no condannarmi per frode fiscale ?

    • se c'e' sanzione penale in quel paese, arriva anche in Italia, dove, oggi sono nuovamente residente ?
      In sintesi mi vengono ad arrestare qua ?

    • Possono pignorarmi la casa qui in Italia ? (premetto che la casa che ho e' sotto mutuo Inpdap per anni 30 e ho pagato solo 6 rate semestrali del mutuo finora). In quel Paese non ho ovviamente nulla, ne' soldi, ne' case, nulla .... solo ricordi belli del tempo che fu ...

    Sono seriamente preoccupato degli sviluppi di questa vicenda, soprattutto per cio' che concerne l'aspetto penale e le conseguenze dal punto di vista di pignoramenti o altro ...

    Sarei molto contento se qualcuno potesse fornirmi gentilmente un contributo di pensiero o un suggerimento/consiglio all'argomento.

    Grazie


  • Super User

    Nessuno aiuta il nuovo utente?


  • User

    la cosa migliore da fare è non chiedersi se ci si può nascondere o domandarsi quanto sia efficace la coperazione internazionale, ma risolvere il problema alla radice.
    Visto che parli il portoghese, ti consiglio di cercare un fiscalista in loco (aiutati con internet) e cercar di chiudere la vertenza. (magari secondo la legge portoghese è anche già intervenuta la prescrizione)

    saluti


  • User Newbie

    grazie per il consiglio. Il problema e' che, pur avendo vissuto per due anni in Portogallo, non conosco bene la lingua e meno che mai la scrittura con dicitura legale in portoghese.

    Inoltre ho cercato su Internet qualche avvocato fiscalista portoghese, ma non ne ho trovato. Altrimenti non sarei qui a scrivere su questo bellissimo forum. E a chiedere qualche lume a chi ha piu' esperienza fiscale di me.

    Saro' grato a tutti coloro i quali vorrano e potranno indirizzarmi in qualche modo per poter risolvere questo grosso problema fiscale.

    Grazie