• User

    Convocazione in questura e dubbi.

    Buonasera, premetto che sono coniugata con un cittadino extracomunitario attualmente residente all'estero. Circa un anno e mezzo fa sono stata convocata in questura per discutere di una scheda SIM telefonica,che era a nome mio, ma che adoperava mio marito nel periodo in cui viveva in Italia; il Commissario mi ha semplicemente chiesto se ero io ad adoperare tale scheda, nel momento in cui gli ho chiesto se c'erano problemi non ha voluto dirmi molto, mi ha solo fatto intendere che c'erano state intercettazioni per eventuali reati commessi e che già sapevano che non ero io ad usare il telefono, ma non ha potuto dirmi altro.
    A distanza ormai di un anno e mezzo nè io, nè mio marito abbiamo più avuto notizie, nel frattempo lui ha fatto richiesta di cancellazione di un'espulsione, antecedente il matrimonio, per ricongiungimento familiare, ma io sono molto preoccupata. E' possibile che dopo più di un anno non ci abbiano fatto sapere nulla riguardo ad eventuali indagini? Indagini che eventualmente dovrebbero riguardare fatti di almeno 2 anni fa, dato che mio marito è assente dall'Italia da quasi 2 anni.
    Grazie


  • Super User

    E' possibile che dopo più di un anno non ci abbiano fatto sapere nulla riguardo ad eventuali indagini?
    Normale prassi

    Indagini che eventualmente dovrebbero riguardare fatti di almeno 2 anni fa
    Idem come sopra


  • User

    La ringrazio, ma devo quindi temere che non gli concedano il visto per ricongiungimento?
    I tempi per le indagini preliminari non dovrebbero essere al massimo di 2 anni? E' normale che non abbiano voluto dirmi di che si trattava?
    Un ultima domanda, dato che lui è residente all'estero, se si fosse già mosso qualcosa mi avrebbero contattata?
    Grazie