• User Attivo

    Richiesta risarcimento per una foto pubblicata sul mio blog

    Oggi ho ricevuto un'email in cui un avvocato tedesco, Robert Fechner, prendendo le difese di un fotografo, mi ha segnalato una violazione di copyright per aver pubblicato una foto del suo cliente in uno dei miei articoli. Nella lettera mi si chiede di compilare e inviare entro il 12 Novembre una dichiarazione di cessazione e desistenza, oltre a pagare un rimborso. Ho contattato il fotografo che ancora non mi ha risposto, ma nel caso in cui il nostro dialogo non dovesse concludersi nel migliore dei modi, come mi consigliate di procedere? Purtroppo quella fotografia non l'ho presa dal sito del fotografo in questione e di conseguenza non ero a conoscenza dei termini di servizio, che vietano di pubblicare il materiale su altri siti. Inoltre i miei sono solo degli screens della foto all'interno di Photoshop, quindi non si tratta nemmeno dell'immagine originale, cosa che invece ho visto su altri siti di sfondi per il desktop che la rendono ovviamente scaricabile. Vorrei sapere se qualcuno si è mai trovato nella mia stessa situazione e come ne è uscito. Grazie.


  • User Attivo

    Sfortunatamente a volte capita. Aziende cercano immagini "rubate", ne comprano i diritti e vanno a far cassa in questo modo.
    Che fare adesso? 1. Pagare. 2. Ignorare.
    Spesso ignorare la richiesta funziona, specialmente se la richiesta arriva fuori dall'Europa.
    Ovviamente sei e resti nel torto e ti esponi al rischio di maggiori esborsi futuri nel caso volessero andare a fondo.

    Poi non so se l'uso della foto che hai fatto rientra nel diritto di satira, cronaca o cose del genere ma non penso e sarebbe comunque da provare.


  • Moderatore

    Ciao
    deve essere il nuovo business del momento, visto che non sei il primo in questo periodo sul forum e l'ho ricevuta anch'io. La questione è spinosa, controversa e molto complessa.

    Nel mio caso, essendo un email normale l'ho ignorata ed ho cancellato prontamente la foto. Nel 90% dei casi l'utilizzo delle foto copiate è senza "cattiveria" e fatto in modo innocente.

    P.s.
    A questo punto che facciano causa anche ai motori di ricerca che usano le foto di tutti i siti Web. Poi se vogliamo essere puntigliosi, chi ti ha contattato è a norma Gdpr? Le comunicazioni tra "avvocato" e suo cliente sono a norma Gdpr.

    Personalmente, preferirei, un email del tipo. Stai usando un email mia, potresti per favore toglierla dal tuo sito? Lo troverei molto più corretto.


  • User Attivo

    @TheAvenger said:

    Purtroppo quella fotografia non l'ho presa dal sito del fotografo in questione e di conseguenza non ero a conoscenza dei termini di servizio, che vietano di pubblicare il materiale su altri siti.

    Ciao, scusa la franchezza ma oggi quasi nel 2020 suona un po' strana la gustificazione "non ne ero a conoscenza": i contenuti che espone un sito sono di proprietà di questo, tutti, a meno che parliamo per esempio di Wikipedia. Molte volte sono contenuti acquistati, commissionati a fotografi.
    La maggior parte delle volte quella foto è stata acquistata con una licenza che concede l'uso solo su uno specifico dominio.

    Domanda: ma chi costruisce un sito in generale come fa a capire se può usare o meno quella foto?
    Semplice, non la usa, oppure contatta il sito web, o l'autore della foto, ma personalmente non mi fiderei molto, a meno che l'autorizzazione è chiara ed esplicita, impossibile da fraintendere.

    Quando si ha bisogno di una foto, bella anzi bellissima, che possa dare un certo valore al sito, ci si rivolge a uno dei moltissimi marketplace che con abbonamenti o acquisti unici permettono di ricevere una licenza d'uso per ogni singola foto che si acquista.

    E se il budget è molto limitato ci si rivolge a piattaforme (serie) che raccolgono foto di professionisti che accettano di concedere i loro scatti con licenza senza alcuna attribuzione, cioè puoi scaricarla, utilizzarla dove e come vuoi, rielaborarla, anche rivenderla traendone profitto senza dover nemmeno renderne conto all'autore (se lo fai ovviamente l'autore ne sarà grato), questo perché queste piattaforme registrano in modo inequivocabile il caricamento della foto e l'autore che la pubblica accetta le condizioni e i termini, non potrà mai più ripensarci. Qualcuno su Unsplash ci ha provato a fare il furbetto ed è stato lui stesso accusato di aver violato i termini e le condizioni di Unsplash che in casi come questi ti offre supporto.

    Tre esempi di piattaforme (serie) che permettono di scaricare foto gratuitamente, quasi tutte fatte da professionisti, con questa "speciale licenza d'uso", ma soprattutto senza alcuna attribuzione, se ci sono sono chiaramente indicate:

    https://www.pexels.com/
    Licenza d'uso: https://www.pexels.com/photo-license/

    https://unsplash.com/
    Licenza d'uso: https://unsplash.com/license

    https://pixabay.com/
    Licenza d'uso: https://pixabay.com/service/license/

    @TheAvenger said:

    Inoltre i miei sono solo degli screens della foto all'interno di Photoshop, quindi non si tratta nemmeno dell'immagine originale
    Attenzione perché alcune foto, specialmente quelle artistiche e che hanno ricevuto dei riconoscimenti, la loro rielaborazione e pubblicazione su un sito potrebbe peggiorare la cosa, in poche parole è molto meno grave riutilizzarla "così com'è", tranne per il ridimensionamento.

    @TheAvenger said:

    Vorrei sapere se qualcuno si è mai trovato nella mia stessa situazione e come ne è uscito.
    Leggi questa discussione proprio qui sul forum: http://www.giorgiotave.it/forum/leggi-per-le-professioni-web/233099-rischio-di-causa-legale-per-1-fotografia.html


  • User Attivo

    Grazie mille a tutti voi. Vi aggiorno sulla situazione dicendovi che ho addirittura trovato un sito che riporta la fotografia sotto la licenza CC0. Con questo penso che la questione sia chiusa. Ho fatto uno screen del sito web in questione insieme anche ad altri di ulteriori portali che la offrono come contenuto scaricabile, cosa che non potrebbero fare visto che sul sito del fotografo è specificato il divieto di pubblicare le immagini su qualsiasi altro supporto.

    Personalmente, preferirei, un email del tipo. Stai usando un email mia, potresti per favore toglierla dal tuo sito? Lo troverei molto più corretto.

    Perfettamente d'accordo con te. Evidentemente certa gente c'ha proprio la cattiveria dentro, che ti devo dire.

    Ciao, scusa la franchezza ma oggi quasi nel 2020 suona un po' strana la gustificazione "non ne ero a conoscenza": i contenuti che espone un sito sono di proprietà di questo, tutti, a meno che parliamo per esempio di Wikipedia.

    D'ora in poi starò molto più attenta. In genere vado a pescare quasi sempre immagini di dominio pubblico o che richiedono una semplice attribuzione. Sui siti che hai citato ci ho fatto anche un articolo, li conosco molto bene.

    Attenzione perché alcune foto, specialmente quelle artistiche e che hanno ricevuto dei riconoscimenti, la loro rielaborazione e pubblicazione su un sito potrebbe peggiorare la cosa, in poche parole è molto meno grave riutilizzarla "così com'è", tranne per il ridimensionamento.

    Sai qual è il bello? Trattandosi di un articolo a scopo informativo, le immagini postate non sono altro che screenshots di Photoshop dove la foto è a malapena visibile poiché coperta dai box di dialogo del programma, quindi non si può nemmeno parlare di rielaborazione artistica. Proprio non capisco per quale motivo accanirsi così ferocemente per degli screens di un tutorial dove l'immagine è praticamente inutilizzabile per qualsiasi scopo.


  • Super User

    Ringrazio @hub per l'utile post e per avere indicato dei siti dove poter trovare immagini e video liberamente utlizzabili, grazie ancora.


  • User Attivo

    Vi chiedo un ultimo consiglio in merito alla faccenda. Ho appena inviato all'avvocato qualche screens dei siti che stanno ***davvero ***facendo un uso improprio della fotografia, tra cui ovviamente anche quello che la riporta sotto la licenza CC0. Visto che il signor fotografo non si è mai degnato di rispondermi nonostante lo abbia contattato per ben due volte, che cosa dovrei fare secondo voi a questo punto? Rimuovere la fotografia dall'articolo oppure tenerla? Non mi ha risposto, non mi ha dunque confermato di essere stato davvero lui il protagonista di questa storia. Vi dico questo anche in riferimento ad un fatto passato, quando ricevetti un reclamo di copyright su YouTube e scoprii dopo aver contattato l'artista che lui non c'entrava niente.


  • User Attivo

    Non penso che il fotografo possa risponderti, è col suo avvocato che devi parlare.
    Rimuovere la fotografia avresti dovuto farlo immediatamente.
    Come hai realizzato gli screenshot? Se hai usato un cattura schermo non ha molto valore, meglio usare un servizio esterno che oltre a creare uno screen su suo server, quindi non alterabile graficamente, congela e memorizza anche l’intera pagina web. Prova su archive.is oppure https://archive.st/


  • User Attivo

    E perché non può rispondermi? Ho tutto il diritto di sapere se si tratta di una truffa oppure no, visto che su internet succede di tutto e di più, e ho citato anche la mia esperienza personale. Comunque ho fatto dei semplici stamps in modo che si veda anche la barra dell'URL per provare che ho effettivamente screennato dei siti web senza inventarmi nulla. Grazie del consiglio ad ogni modo, terrò in considerazione quel sito.


  • User Attivo

    Il simpatico avvocato è tornato alla riscossa. Questa volta mi viene richiesto di sborsare la modica cifra di circa 2000 €, con l'appunto che la licenza gratis vale solo per uso personale. Io però gli avevo allegato lo screen di quel sito che riporta l'immagine sotto la licenza CC0... quindi credo che voglia farmi passare per una scema. Ho già chiesto consiglio ad un avvocato online e attendo risposta. Nel frattempo, voi che fareste al mio posto? Io sono fortemente tentata di ignorare e cestinare ogni singola email che mi arriverà d'ora in avanti.


  • User Attivo

    @TheAvenger said:

    Il simpatico avvocato è tornato alla riscossa. Questa volta mi viene richiesto di sborsare la modica cifra di circa 2000 €, con l'appunto che la licenza gratis vale solo per uso personale. Io però gli avevo allegato lo screen di quel sito che riporta l'immagine sotto la licenza CC0... quindi credo che voglia farmi passare per una scema. Ho già chiesto consiglio ad un avvocato online e attendo risposta. Nel frattempo, voi che fareste al mio posto? Io sono fortemente tentata di ignorare e cestinare ogni singola email che mi arriverà d'ora in avanti.

    Considera solo raccomandate AR e mail tramite PEC dell'avvocato. Il resto è come se non esistesse.
    Quando ci sarà una richiesta tramite uno di quei 2 canali, vai da un avvocato della zona e chiedi a lui cosa fare.


  • User Attivo

    Va bene grazie.


  • User Attivo

    Vi aggiorno sulla situazione riportandovi quanto scritto dall'avvocato italiano con cui mi ero messa in contatto.

    in effetti la licenza in oggetto ti libererebbe da ogni obbligo. Il punto è che bisognerebbe verificare se il sito da cui hai scaricato la foto con la detta licenza abbia autonomamente apportato modifiche alla stessa e introdotto la menzionata licenza. Cosa che non avrebbe potuto fare.
    Ad ogni modo, per il momento, ed in attesa di ulteriori sviluppi ti consiglierei di salvare quelle mail del presunto avvocato tedesco che potrebbero servirti qualora ci fosse un seguito.
    In fondo, cancellarle non equivale a porre, automaticamente fine alla vicenda. Certo l'importo richiesto sa tanto di situazione poco chiara. Intanto, l'avvocato tedesco dovrebbe almeno inviare una procura ricevuta dal cliente, autore della foto, per agire a tutela dei suoi diritti. Cosa che immagino non sia avvenuta.
    Insomma, salva in locale quelle mail, perché nel Web i tentativi di frode sono all'ordine del giorno. Non posso assicurarti che si tratta di un tentativo di truffa ai tuoi danni, ma va valutata anche questa eventualità.
    Ovviamente, se già non lo hai fatto, ti suggerirei di eliminare quella foto dal tuo blog o sito web e sostituirla con altra foto anche per ridurre il tempo di utilizzo della stessa.

    Avevo deciso di ignorare il signor Fechner proprio per vedere se fosse tornato alla carica, e così è stato. Mi ha mandato un'email dandomi l'ultima possiblità di pagare entro l'8 Dicembre, altrimenti verrà avviata una causa legale contro di me e in quel caso dovrei pagare anche di più. Ora, va bene che ho ricevuto il consiglio di prendere provvedimenti solo in caso di fatti più seri come raccomandate AR ed emails PEC, ma vorrei evitare di giungere a tanto. Pertanto, visto che ho dimostrato di essere nel giusto grazie a quel sito che riporta la foto sotto la licenza di pubblico dominio, mi chiedo con che tipo di minacce legali potrei controbattere. Sono nella ragione e ho tutto il diritto di far valere i miei diritti. Pensavo ad una denuncia per violenza psicologica ed estorsione di denaro. Voi che ne pensate? Si sta comportando come un verme, di conseguenza mi ci comporto pure io. Perdonate lo stile puerile del messaggio, ma sono troppo arrabbiata.


  • User Attivo

    @TheAvenger said:

    Vi aggiorno sulla situazione riportandovi quanto scritto dall'avvocato italiano con cui mi ero messa in contatto.

    Avevo deciso di ignorare il signor Fechner proprio per vedere se fosse tornato alla carica, e così è stato. Mi ha mandato un'email dandomi l'ultima possiblità di pagare entro l'8 Dicembre, altrimenti verrà avviata una causa legale contro di me e in quel caso dovrei pagare anche di più. Ora, va bene che ho ricevuto il consiglio di prendere provvedimenti solo in caso di fatti più seri come raccomandate AR ed emails PEC, ma vorrei evitare di giungere a tanto. Pertanto, visto che ho dimostrato di essere nel giusto grazie a quel sito che riporta la foto sotto la licenza di pubblico dominio, mi chiedo con che tipo di minacce legali potrei controbattere. Sono nella ragione e ho tutto il diritto di far valere i miei diritti. Pensavo ad una denuncia per violenza psicologica ed estorsione di denaro. Voi che ne pensate? Si sta comportando come un verme, di conseguenza mi ci comporto pure io. Perdonate lo stile puerile del messaggio, ma sono troppo arrabbiata.

    La legge è chiara, qualsiasi comunicazione non tramite raccomandata AR o PEC è carta straccia. Non esiste. Non è mai stata ricevuta. Non ha alcun valore neanche se gli rispondi, ovviamente sarebbe stato meglio non rispondergli proprio.
    Quanto alla tua denuncia non vai lontano. Rientra nel "mal di vivere" questa situazione e non può essere oggetto di risarcimento per danni morali, tantomeno per estorsione che è ben altra cosa.
    Lascia stare, non rispondergli più, limitati ad archiviare le mail che ricevi. Finché non arriva una raccomandata AR o PEC puoi dormire sereno. Quando arriveranno (e non arriveranno) allora ci penserai seriamente.


  • User Newbie

    che novità hai?
    ho ricevuto la medesima richiesta dal medesimo avvocato.


  • User Attivo

    L'ultima email me l'ha inviata il 3 Gennaio, dove mi è stato detto che sarebbe stata avviata la pratica legale vista la mia mancata collaborazione. Da allora non ho ricevuto più nulla, ma sono sicura che presto o tardi tornerà all'attacco. Io però la coscienza a posto ce l'ho e qualsiasi cosa mi arrivi a casa farò valere le mie ragioni. Comunque è da tipo l'11 Dicembre scorso che non gli rispondo più e continuerò ad ignorarlo fino alla fine.


  • User Newbie

    @TheAvenger said:

    L'ultima email me l'ha inviata il 3 Gennaio, dove mi è stato detto che sarebbe stata avviata la pratica legale vista la mia mancata collaborazione. Da allora non ho ricevuto più nulla, ma sono sicura che presto o tardi tornerà all'attacco. Io però la coscienza a posto ce l'ho e qualsiasi cosa mi arrivi a casa farò valere le mie ragioni. Comunque è da tipo l'11 Dicembre scorso che non gli rispondo più e continuerò ad ignorarlo fino alla fine.
    Ciao, hai avuto sviluppi?


  • User Attivo

    Tutto tace al momento.


  • User

    Ciao, la discussione mi interessa molto visto che stò aprendo un blog.

    Ci sono stati altri sviluppi? Certo mi sembra starno che un avvocato scriva mail normali ben sapendo che non hanno alcun valore legale.

    Potrebbe essere che lo faccia perchè non conosce il tuo indirizzo fisico per mandarti raccomandate A/R o perchè non conosce la tua PEC (se ce l'hai)?
    Non credo sia così facile ed immediato poter risalire al proprietario di un dominio ed ai suoi dati.


  • User Attivo

    @Matteo985XXX said:

    Ciao, la discussione mi interessa molto visto che stò aprendo un blog.

    Ci sono stati altri sviluppi? Certo mi sembra starno che un avvocato scriva mail normali ben sapendo che non hanno alcun valore legale.

    Potrebbe essere che lo faccia perchè non conosce il tuo indirizzo fisico per mandarti raccomandate A/R o perchè non conosce la tua PEC (se ce l'hai)?
    Non credo sia così facile ed immediato poter risalire al proprietario di un dominio ed ai suoi dati.

    Un avvocato che non riesce a risalire all'indirizzo o la PEC di qualcuno che "conosce" è meglio che cambi mestiere.
    E se non lo conosce va da un tribunale e si fa dare i dati dall'hosting, così che possa individuarne indirizzo e/o PEC.
    Sono tutte pseudo truffe queste. Magari l'avvocato esiste davvero ma non procederanno mai. Vogliono solo soldi.